Passa ai contenuti principali

Rubentus e le chiacchiere da bar...

«L’arbitro ci ha presi in giro»; «C’è mancato un episodio favorevole»; «Il Benfica ha fatto ostruzionismo» (dimenticando che negli ultimi dieci minuti, i portoghesi hanno giocato in nove, ndr). Parole e musica post eliminazione di Antonio Conte.
Conte, che nell’arco della stagione ha dominato (fino a un certo punto) il campionato italiano, ma prima in Champions è uscito dalla fase a gironi totalizzato sei punti nel gruppo in cui era accompagnato da Real, Copenaghen e Galatasaray, poi al primo vero ostacolo in Europa League, ha ceduto il passo. E' facile indignarsi con un collega lamentoso con un arbitro, per un episodio contro, diretto o indiretto, oppure perché fa i conti sui punti che mancano per sviste arbitrali, per Conte dovrebbe essere altrettanto facile tacere quando i suoi conti non tornano. Invece, ecco lo sproloquio sul direttore di gara di Juventus-Benfica, per i minuti di recupero non esatti, per il classico rigore mancante. Provinciale. Come tutti.
Il problema di fondo è che le nostre squadre hanno dimostrato di non essere competitive e Conte, se qui è un principe, al di la dei confini è un paggetto, un pulcino bagnato, ora costretto a guardarsi da casa la finale di Europa League con il telecomando in mano, forse pure perché il suo calcio non è vincente oltre l’Italia. Se la Juve non è all’altezza dell’Europa, figuriamoci le altre. Se Conte dovesse mai andare via dalla Juventus, chi sarebbe pronto ad accoglierlo a braccia aperte? Il Real, il Chelsea, il Manchester United? Difficile se non impossibile.
Vincere oggi qui non è come qualche anno fa, quando a dominare, è vero, era la Juve di Calciopoli, ma c’erano anche tanti grandi squadre più o meno dello stesso livello, basti pensare al Parma, con cui sia Juve che Roma quest’anno hanno fatto sei punti. Alla fine aveva ragione Capello: il campionato italiano non è allenante per l’Europa. I dati dicono questo. Al di là delle lotte di cortile. E ora siamo i primi degli ultimi. Qui litighiamo tra di noi, tu sei brutto, tu sei bello, tu sei provinciale. Gli altri ci ridono in faccia.
Fonte: Sport – Il Messaggero – di Alessandro Angeloni

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines