Albeggia

Parlo in larghi giri
perché plurale, universale mi sento.
E poi condivido la mia gioia,
forse senz’anima,
di certo senza corpo,
ma con me dentro.
È la crisi totale del mio sistema.
Smantello porte,
mi scardino,
implodo
come una casa del Vicereame,
e ti nomino
e ti nomino,
e sei quello che voglio lacerare,
addentare, il giorno ha parlato,
l’arancia vicina del tuo ventre.
Sorgo. Sorgiamo.
Siamo già una folla
aperta alle domande.
Jaime Labastida da La feroz alegrìa, 1965

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai