Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia: La squadra lagunare butta alle ortiche il doppio vantaggio

Venezia-Pavia 2-2 Campionato Nazionale Lega Pro1 Girone A – 20^ Giornata –
Niente da fare. Questo Venezia nel 2014 non riesce ad ingranare. Contro la cenerentola Pavia i lagunari hanno interpretato una gara dai due volti, con una prima parte più che accettabile e una ripresa pessima, solamente in parte condizionata da una discutibile direzione di gara. Ad ogni buon conto un pareggio così pesa quanto una sconfitta. Il punto muove la classifica e, paradossalmente il Venezia ha portato da 3 a quattro lunghezze il margine sul decimo posto, tuttavia non è proprio il caso di soffermarsi a far calcoli. Alla fine non si è raccolto niente perché la squadra si ritrova con un pareggio che doveva essere una vittoria. La svolta, se così vogliamo chiamarla, nella ripresa è stata immediata con l’espulsione per doppia ammonizione di Cappellini.
In campo per un tempo con un uomo in meno ci sta di soffrire, ma la squadra si è schiacciata troppo e non ha gestito la situazione com’era comunque nelle sue possibilità. A prescindere dal cambio di marcia del Pavia, ultimo della classe, l’involuzione del Venezia è stata evidente.
Che dire? Il passo da retrocessione che contraddistingue questo avvio di anno non può trovare giustificazioni e domenica a Bolzano (Sudtirol) è già quasi uno spareggio per i playoff.

Venezia-Pavia 2-2
Reti: 16’ pt. Margiotta (UV), 46’ pt. Bocalon (UV), 8’ st. Ferri (PV), 44’ st. De Vita (PV)
Arbitro: Sig. Valerio Colarossi di Roma

Classifica prime nove posizione
Virtus Entella 41
Pro Vercelli 37
Cremonese 33
Vicenza 32 (-4)
Como 31
Savona 30
Sudtirol 30
Venezia 30
Albinoleffe 28

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines