Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2014

Quiete

Lo so: la penombra della pioggia è elegante. Lo so: il sole, essendo così ordinario, opprime un elegante.
Lo so: essere suscettibili ai cambiamenti di luce non è elegante.
Ma chi ha detto al sole o agli altri che io voglio essere elegante?
Datemi il cielo azzurro e il sole ben visibile.
Nebbia, piogge, buio – sono già dentro di me.
Oggi voglio soltanto quiete. Fernando Pessoa– Da “Álvaro de Campos”, in “Nei giorni di luce perfetta”

Fbc Unione Venezia: Anche la Carrarese sbanca il Penzo

Venezia-Carrarese 1-2 Campionato Nazionale Lega Pro1 –Girone A- 22^ Giornata Partita che non avrei mai voluto commentare ma, nel campionato più assurdo del mondo il Venezia sale e scende dall’altalena. Consideriamola un ennesimo incidente di percorso con la ciliegina dell’ennesimo errore del portiere arancioneroverde, peraltro uno dei migliori uomini del campionato lagunare. Tifosi dal grande “cuore” che, nonostante la sconfitta, alla fine della partita, chiama la squadra sotto la curva. Aspettiamo la prossima…al Penzo, terra di conquista, arrivano i bustocchi della Pro Patria.
Venezia-Carrarese 1-2 Reti: 60^ Dettori (CA), 65^ Cellini (CA), Cori (UV) Arbitro: Sig. Lacagnina di Caltanisetta
Classifica prime nove posizioni Entella 44 Pro Vercelli 39 Cremonese 37 Vicenza 36 Como 33 Venezia 33 Albinoleffe 33 Savona 32 Sud Tirol 30

Sul tetto della scuola

Sul tetto della scuola Sono stato sul tetto della scuola a prendere il sole. Molto tempo fa, tanto tempo fa, da solo quando non avevo voglia di nulla, quando il tempo era bello. Sul tetto della scuola a fumarmi una cicca e a guardare le nuvole. A pensarci ora, a quasi 60 anni di età, 
mi accorgo che sicuramente era un indizio interiore. Raccontava una vocazione alla solitudine e al silenzio.

Ti auguro un'oasi di pace

La strada vi venga sempre dinanzi e il vento vi soffi alle spalle
e la rugiada bagni sempre l'erba
cui cui poggiate i passi.
E il sorriso brilli sempre
sul vostro volto.
E il pianto che spunta
sui vostri occhi
sia solo pianto di felicità.
E qualora dovesse trattarsi
di lacrime di amarezza e di dolore,
ci sia sempre qualcuno
pronto ad asciugarvele.
Il sole entri a brillare
prepotentemente nella vostra casa,
a portare tanta luce,
tanta speranza e tanto calore. Don Tonino Bello

L'amore non è un questionario a quiz

Ti assicuro che tutte le donne vorrebbero incontrare un uomo colto ma sportivo, forte ma dolce, protettivo ma non asfissiante. Così come noi maschietti ci perdiamo dietro al sogno di ragazze bellissime ma che non se la tirino, autonome e indipendenti con tutti, tranne che con noi. Il nostro desiderio inconfessabile è una donna di forte personalità che appena entra in casa si spoglia del tailleur manageriale per chiudersi in cucina a farci da mangiare.
Il tuo problema non è che non vuoi innamorarti di un idraulico (chi ha più fascino di loro, così rari e inafferrabili?), ma che lo pretendi sciatore e diplomato.
Hai in testa un uomo ideale e pensi di poterti innamorare soltanto di lui. Ma quell’uomo non esiste. Bello, colto, stimolante, grande lettore, sciatore…
Io, per dire, supererei forse l’esame come lettore, ma alla prima domenica sugli sci mi molleresti senza pietà. E anche ammesso che esista un bravo sciatore colto (per quanto Tomba abbia confermato la difficoltà di una simile si…

Solitudine

La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi, la solitudine non è un albero in mezzo a una pianura dove ci sia solo lui, è la distanza tra la linfa profonda e la corteccia, tra la foglia e la radice. José Saramago, L’anno della morte di Ricardo Reis

E' bello aver la pelle d'oca, significa che stai vivendo

Parlo tanto, fin troppo, ma ci sono momenti che rimango in silenzio ad ascoltarmi. E' in quei momenti che fabbrico i miei pensieri più veri, mentre cammino per le strade, osservando la gente che passa, ascoltando i discorsi, a volte assurdi, di alcune persone o assaporando il sole che mi scalda dentro.
Amo ridere, giocare. Amo le cose belle, le belle storie che dicono qualcosa, mi piace tutto ciò che fa palpitare il cuore. È bello aver la pelle d’oca, significa che stai vivendo. Josè Saramago

Persone

Lascia andare le persone che solo condividono lamentele, problemi, storie disastrose, paura e giudizio sugli altri. Se qualcuno cerca un cestino per buttare la sua immondizia, fa si che non sia la tua mente. Dalai Lama 

Fbc Unione Venezia: Sosta di campionato

Il campionato di Lega Pro1 ieri non ha giocato per la programmata sosta. La società arancioneroverde ha comunicato l'apertura di un Temporary Store a Venezia in Campo San Polo. Il punto vendita del Venezia calcio, inaugurato sabato 15 febbraio, sarà aperto dal 14 febbraio al 4 marzo proponendo la nuova collezione di tutti i prodotti ufficiali a marchio Unione Venezia. Gli orari di apertura sono i seguenti : 11.00 / 19.00 tutti i giorni Lo Store si stabilizzerà poi definitivamente presso la nuova sede della società che abbandonati gli uffici di via Gaspare Gozzi a Mestre si trasferirà, sempre a Mestre ma in via Torino 151.

Compromessi

Coltivando la solitudine non sei ricattabile, non sei coinvolto nelle pulsioni di gruppo, di chi ti ronza intorno dandoti e chiedendoti consigli o proponendoti affari. Certo, non puoi approfittare della benevolenza, dell’appoggio del clan, del partito politico, della parrocchia, ma non sei obbligato ai compromessi, alle regole. Fabrizio de Andrè

Lo stelliere

Abito nel cielo dall'altra parte della luna
Dove volano i sogni in cerca di fortuna
Accendere le stelle è questo il mio mestiere
Io di notte faccio... lo stelliere
Uacciu-uari-uari-ua ci-bum ci-bum
Uacciu-uari-uari-ua ci-bum ci-bum

Come immaginerete le stelle sono tante
E faccio una grande fatica per accenderle tutte quante
Su e giù per l'universo ininterrottamente
Perché le stelle son sogni e non posso lasciarle spente
Oh no...oh no...
E allora accendi le stelle tu sai come si fa
Per ogni stella che brilla un sogno nascerà
Accendi le stelle, accendine più che puoi
Sulle stelle ci sono tutti i sogni che facciamo noi.

Uacciu-uari-uari-ua uacciu-uari-uari-ua
Uacciu-uari-uari-ua uacciu-uari-uari-ua

Proprio come una stella ogni sogno sembra lontano
Ma è molto più vicino di quanto immaginiamo
E non devi fare altro che crederci veramente
Io penserò alle stelle...non le lascerò mai spente!
Oh no...oh no...
E allora accendi le stelle tu sai come si fa
Per ogni stella che brilla un sogno nascerà
Accendi le st…

In ricordo di Roberto "Freak" Antoni

Guardare

Se guardi indietro potresti ricordare qualcosa che non tornerà più. Se guardi avanti potresti pensare a qualcosa che non arriverà mai. Chiudi gli occhi e riaprili solo quando avrai la forza di tornare indietro senza piangere e guardare avanti sorridendo. Anonimo

Storie italiane

Matteo: “Mento ai miei amici perché mi vergogno” - Matteo, ligure poco più che trentenne, ha lavorato a lungo per i cantieri navali della sua città. Poi, come tanti, è stato travolto dalla disoccupazione. “Oramai sono da quasi un anno a casa senza stipendio, grazie a Dio vivo con i miei”, racconta. Il lavoro gli manca tanto. Soprattutto, però, gli manca una vita. “Non ho mutuo né fidanzata e né tantomeno figli. È triste scriverlo ma forse è meglio così. Con i miei amici ormai mento da tre anni … dico sempre che sono fuori città a lavorare, così evito di uscire la sera e spendere soldi. Mi vergogno molto a scrivere queste cose ma è la verità”. Luigi:“Noi operai in cassa integrazione, ma per i dirigenti i soldi ci sono” - Luigi scrive dalla Campania. Racconta una storia in cui la crisi non è uguale per tutti. Lui è (o forse sarebbe meglio dire era) uno dei 18 dipendenti, attualmente da 3 anni in cassa integrazione di una società di sviluppo e programmazione economica nata 15 anni fa per …

Fbc Unione Venezia: A Bolzano il Venezia ne fà quattro

Sudtirol-Venezia 1-4 Campionato Nazionale Lega Pro1 Girone A - 21' Giornata Trascinato dall'ex Riccardo Bocalon e da Radoslav Kirilov, gli arancioneroverdi escono vittoriosi dallo stadio Druso di Bolzano, con un secco 1-4. Match immediatamente scoppiettante con i padroni di casa che si fanno notare e il Venezia che risponde colpo su colpo. Al 18esimo si sblocca il punteggio e sono i lagunari a passare: Kilirov mette sotto porta e l'ex Bocalon fa centro salendo a quota undici in campionato.  Gli altoatesini non stanno certamente a guardare e sia un minuto dopo il vantaggio arancioneroverde e al 24esimo sfiorano il pareggio. Ma al 35esimo della prima frazione di gioco è ancora Bocalon che punisce per la seconda volta il Sudtirol: cross di Giorico, uscita approssimativa del portiere locale e incornata vincente del bomber lagunare. Il Venezia non si accontenta più, e a tre minuti dal termine del primo tempo, calano il tris grazie a Kilirov, il quale insacca dal dischetto dopo esse…

Uomo del mio tempo

Sei ancora quello della pietra e della fionda,
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
- t’ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero,
gli animali che ti videro per la prima volta.
E questo sangue odora come nel giorno
quando il fratello disse all’altro fratello:
“Andiamo ai campi”. E quell’eco fredda, tenace,
è giunta fino a te, dentro la tua giornata.
Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue
salite dalla terra, dimenticate i padri:
le loro tombe affondano nella cenere,
gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.
Salvatore Quasimodo

Storia

La vita di ognuno di noi si fonda sul raccontare: Uno torna a casa dal lavoro e la prima cosa che gli viene chiesta è: “come è andata oggi?”. In altre parole: “Ti prego, raccontami la storia della tua giornata”. Oppure eccovi adesso a pranzo con un’amica e, prima ancora che abbiate sollevato il tovagliolo, lei vi domanda: “Allora, che c’è di nuovo?”. In altre parole: “Raccontami una storia”. Se avete dei bambini, capita di rado che siate voi a chiedere loro di raccontare una storia. I bambini vivono in un mondo di storie che vi piaccia o meno ve le racconteranno, spesso con dovizia di particolari. Nulla succede per caso, Robert Hopke

I bambini alla scuola materna di mia moglie

Alessandro, 5 anni all’amico Francesco, quasi 5: “A me piace molto il leopardo, il leone, la tigre e la pantera” Francesco: “Si anche a me” Alessandro: “Sono, tutti felini” Francesco. “E si, e si stanno estinguendo” Alessandro. “Ah, non lo sapevo…(pausa), bè, almeno le gazzelle  staranno finalmente tranquille!!! 

Ghirigori

La vita non è in ordine alfabetico come credete voi. Appare… un po’ qua e un po’ là, come meglio crede, sono briciole, il problema è raccoglierle dopo, è un mucchietto di sabbia, e qual è il granello che sostiene l’altro? A volte quello che sta sul cocuzzolo e sembra sorretto da tutto il mucchietto, è proprio lui che tiene insieme tutti gli altri, perché quel mucchietto non ubbidisce alle leggi della fisica, togli il granello che credevi non sorreggesse niente e crolla tutto, la sabbia scivola, si appiattisce e non ti resta altro che farci ghirigori col dito, degli andirivieni, sentieri che non portano da nessuna parte, e dai e dai, stai lì a tracciare andirivieni, ma dove sarà quel benedetto granello che teneva tutto insieme...e poi un giorno il dito si ferma da sé, non ce la fa più a fare ghirigori, sulla sabbia c’è un tracciato strano, un disegno senza logica e senza costrutto, e ti viene un sospetto, che il senso di tutta quella roba lì erano i ghirigori. Antonio Tabucchi

Gennaio 2014

1-) Fbc Unione Venezia…69 2-) Globalizzazione 35 3-) Esistenza 33 4-) Tempo 31 5-) Presa di coscienza 31 6-) Fbc Unione Venezia…29 7-) Assistere 29 8-) Controvento 28 9-) Ordinaria follia…27 10-) Fbc Unione Venezia…25

Non cool

Io ho passato tutta la vita a cercare di essere radicalmente non cool. Non è che siccome tutti fanno queste cose, è giusto farle. Magari alla fine sarà proprio il ragazzo solo, quello seduto nel tavolo d’angolo della mensa scolastica, che diventerà così alienato da scrivere un libro o dipingere un quadro interessante. Jonathan Franzen

Semplicità

Crescendo impari che il caffè al mattino è un piccolo rituale di felicità, che bastano le note di una canzone, le sensazioni di un libro dai colori che scaldano il cuore, che bastano gli aromi di una cucina, la poesia dei pittori della felicità, che basta il muso del tuo gatto o del tuo cane. E impari che la felicità è fatta di emozioni in punta di piedi, di piccole esplosioni che in sordina allargano il cuore, che le stelle ti possono commuovere e il sole far brillare gli occhi, e impari che un campo di girasoli sa illuminarti il volto, che il profumo della primavera ti sveglia dall’inverno, e che sederti a leggere all’ombra di un albero libera i pensieri. Impari quanto sia bella e grandiosa la semplicità. Richard Bach

Fbc Unione Venezia: La squadra lagunare butta alle ortiche il doppio vantaggio

Venezia-Pavia 2-2 Campionato Nazionale Lega Pro1 Girone A – 20^ Giornata – Niente da fare. Questo Venezia nel 2014 non riesce ad ingranare. Contro la cenerentola Pavia i lagunari hanno interpretato una gara dai due volti, con una prima parte più che accettabile e una ripresa pessima, solamente in parte condizionata da una discutibile direzione di gara. Ad ogni buon conto un pareggio così pesa quanto una sconfitta. Il punto muove la classifica e, paradossalmente il Venezia ha portato da 3 a quattro lunghezze il margine sul decimo posto, tuttavia non è proprio il caso di soffermarsi a far calcoli. Alla fine non si è raccolto niente perché la squadra si ritrova con un pareggio che doveva essere una vittoria. La svolta, se così vogliamo chiamarla, nella ripresa è stata immediata con l’espulsione per doppia ammonizione di Cappellini. In campo per un tempo con un uomo in meno ci sta di soffrire, ma la squadra si è schiacciata troppo e non ha gestito la situazione com’era comunque nelle sue po…

A proposito...di tutto è effetto di cause

Ogni causa ha il suo effetto ed ogni effetto che compare ha una propria causa che lo determina. Tutto accade in conformità alle Leggi Universali stabilite dal Divino. La “sorte”, il “caso”, sono soltanto i nomi che per ignoranza vengono attribuiti alla Legge della Necessità. Nessuno può sottrarsi alle Leggi Divine. Ogni pensiero, ogni parola, ogni azione positiva o, al contrario, negativa che noi realizziamo nel presente costituisce una causa che determinerà nel futuro, più prossimo o più lontano, effetti e conseguenze positivi o negativi. Questa è la Legge della Causa e dell’Effetto, nota in Oriente come la legge del Karma. In sanscrito la parola karma significa azione. Qualsiasi pensiero, parola, sentimento, azione tornano come un boomerang presso colui che li ha determinati. La terza legge di Newton, la “legge dell’azione e della reazione”, afferma che ogni forza esercitata sopra un oggetto provoca una reazione di forza uguale e di senso contrario; questa è la trasposizione nel mondo …

Tutto dipende dal caso

Perché, a volere essere realisti, da cosa dipende il corso degli eventi se non dal caso? Nel turbinio della vita quotidiana il granello di sabbia è l’ago della bilancia. Un chiodino rotola sulla carreggiata. Nostro padre lo pesta con lo pneumatico mentre si reca alla stazione e, dovendo cambiare la gomma, perde il treno. Prende quello seguente e si siede in uno scompartimento. “Biglietto, prego”, dice il controllore. Accidenti, papà ha dimenticato di obliterare il suo. Per fortuna il capotreno è di buon umore e lo invita a sedersi in prima classe, dove sono rimasti dei posti liberi. E in prima classe nostro padre incontra nostra madre. Sorrisi, battute, chiacchiere, allusioni. Nove mesi dopo, eccoci al mondo. Da quel momento in poi, tutto ciò che viviamo nel nostro passaggio su questa terra non sarebbe mai esistito se, quella mattina un chiodo di tre centimetri arrugginito non si fosse trovato in quel posto per puro caso. Guillame Musso