Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia: Il Ferlapisalò vince al Penzo

Venezia-Feralpisalò 0-1 Campionato Nazionale Lega Pro1 Girone A – 16^ Giornata –

Disastro-Venezia. Inizia nel peggiore dei modi il 2014 del team lagunare e il presidente Yury Korablin ben sottolinea tutte le magagne abbandonando la tribuna all’inizio del secondo tempo. Squadra terza in classifica, e tale rimane dopo questo ko che arriva dopo 13 mesi di imbattibilità del Penzo ma assolutamente inesistente a livello di gioco, surclassata da un team giovanissimo come quello del FeralpiSalò (già vincitore 2-0 all’andata) che ha saputo creare tantissime occasioni da rete senza poi dannarsi troppo l’anima.
Chi si aspettava un Venezia rinfrancato dalla sosta ed esaltato dalla posizione di alta classifica è rimasto inevitabilmente deluso.
Poco lucido, privo di logica e di idee, il team di Alessandro Dal Canto ha dato l’impressione di poter giocare per una manciata di minuti, poco più di un quarto d’ora in apertura di match, spegnendosi poi sino a sparire.
Un solo tiro in porta, all’attivo dei lagunari con Margiotta, pochissime occasioni, tanta confusione. A nulla serve nemmeno l’andare sotto a fine primo tempo dopo che l’estremo difensore lagunare ha fatto l’impossibile per annullare ogni insidia. La ripresa vede infatti i lagunari scende in campo così sereni che sembrano essere in vantaggio, per nulla animati dal cipiglio necessario per riprendere il match. Palle lunghe sparacchiate spesso a casaccio, appoggi sbagliati, intesa limitata anche nei dialoghi ravvicinati. Se non ci fossero stati il portiere Vigorito, il tuttofare Bertolucci, capitano e leader, e l’attivo ma poco concreto Gallo, il Venezia sarebbe davvero uscito dal campo con le ossa rotte.
Brutto tutto.
Persino i cambi che una volta erano il punto di forza della gestione Dal Canto. O è la Feralpi che porta sfortuna ai lagunari oppure il Venezia è destinato a partire sempre con il piede sbagliato.
Certo che l’assenza di gioco, le partite giocate a strappi, le brutte figure evitabili, stanno iniziando a stancare un po’ tutti. La squadra ha superato se stessa nella prima parte di stagione, superando le carenze di gioco con il giusto spirito e una dose di fortuna.
Ora è necessario decidere se puntellare il team in maniera decisa al fine di dotarlo di un gioco o scegliere la via del vivacchiare sino a fine stagione, tra una brutta figura e un acuto esaltante per quanto casuale.
Domenica la squadra viaggia a Lumezzane, sperando in qualche idea in più.

Venezia-FeralpiSalò 0-1
Reti: pt. 46’ Magli (FS)
Arbitro: Sig. Verdenelli di Foligno

Classifica prime nove posizioni
V.Entella 34
Pro Vercelli 32
Venezia 26
Savona 26
Vicenza 25
Cremonese 25
Como 24
FeralpiSalò 23
Albinoleffe 23

Commenti

  1. dalla curva sud17:32

    A parte che in stadio no te se vede più forse, per ti, meio cusì, la squadra lombarda ha sicuramente meritato la vittoria con una prova perfetta in tutti i reparti

    RispondiElimina
  2. Spinetense17:49

    E' questo il bello di Renato, commentare le partite senza vederle dal vivo :)

    RispondiElimina
  3. Scusa "spinetense" ma el nome no vero se fà fadiga meterlo. Comunque ciao. Per quanto riguarda i commenti dea partita basta seguirla ala radio e prendere appunti, confrontare poi quanto da me scritto con altri e stendere infine il proprio personale giudizio. Alla prossima speto el nome.

    RispondiElimina
  4. barbara18:24

    Non è ancora tempo di Carnevale, a Venezia. Ma la Feralpi Salò ha fatto uno scherzo niente male, dipingendo il pomeriggio con i colori della fantasia e della genialità. Ha colto un successo strepitoso, dando una lezione di calcio e uscendo tra gli applausi del pubblico, proprio mentre l'arcobaleno spuntava dietro la gradinata dello stadio «Penzo», quasi a rimarcare la qualità ammirata.

    RispondiElimina
  5. teston18:53

    Si pensa che, all'inizio della ripresa, il Venezia si rimbocchi le maniche e si spinga all'attacco. Invece è la Feralpi Salò a prendere il sopravvento. A proposito el spinetense chi seo!!!

    RispondiElimina
  6. Paco19:27

    Un successo storico, che fa il bis col 2-0 dell'andata. Venezia ancora colpita e affondata. Era da 13 mesi che non si perdeva in casa, dal 2 dicembre 2012 (0-1 con l'Alessandria). Ottenuta la seconda promozione consecutiva, gli arancioneroverdi avevano trascorso un 2013 tra gli allori, salendo al 3° posto in Prima Divisione.
    Probabie chel spinetense sia uno che e partie le vien veder, no come ti che ti e scolti per aradio.
    Ciao beo

    RispondiElimina
  7. Fradeo19:37

    El Spinetense…come El Sharaway non pervenuto. Dei fioi (squadra) no parlo. Na schifessa mai vista gnanca in serie D. Serie B? Ma se no riuscimo da quasi 50 ani (1967) a no far sto benedeto nuovo stadio??? Ala fine perderemo anca el russo!!!

    RispondiElimina
  8. Bisteca20:53

    Cossa vol dir spinetense...uno che ga e spine ? Va la a spinea gli abitanti se ciama spineensi. Gnorant!!! A parte sta roba sempre e comunque forsa arancioneroverdi. L'importante se far i playoff dopo se vedarà

    RispondiElimina
  9. Cesare21:21

    Aho indormensà!!! Esi el comento e al più presto fà un altro post disendo che ea società, oltre a Cappellini, gà compra anca un difensor. El se ciama Cristian Sosa el vien dal Citadea. Speto e me racomando.
    Ciao fiotto

    RispondiElimina
  10. Spinetense21:47

    @Bisteca visto che sei intelligente informati meglio >> http://www.abitanti.org/come_si_chiamano_gli_abitanti_di/Spinea.html
    Forse è meglio che ti butti sul vegetariano e abbandoni le bistecche!

    RispondiElimina
  11. Gradirei cortesemente che TUTTI collegandosi al mio blog e lasciando dei commenti abbiano il rispetto per le altre persone che hanno lasciato a loro volta un commento. Ho già ripetuto molte volte che non gradisco commenti anonimi e nel caso dello "Spinetense" risulta, per me, essere anonimo quindi, come già precedentemente invitato, lo prego, se intende continuare a lasciare commenti ai miei post, di scrivere il proprio nome e non pseudonimi o appartenenza a gruppi di abitanti. In caso contrario ti prego di non venirmi più a trovare. Ringrazio lo "Spinetense" che non deve prendersela così tanto per un espressione un pò colorita che ha usato il mio amico Bisteca. Buonanotte a tutti

    RispondiElimina
  12. Spinetense23:04

    Per quanto mi riguarda "Bisteca" "Teston" ecc sono dei Nickname come lo è il mio, non mi pare che usino il nome e cognome, per quanto si potrebbe usarne tranquillamente uno falso. Se poi per commentare bisogna far parte di un club esclusivo con tanto di tessera allora il discorso cambia.
    Firmato: Pierino Salviato da Spinea

    RispondiElimina
  13. Ciao Pierino. Certo i vari Bisteca, Teston ecc sono come dici tu dei nickname ma, conosco il loro vero nome e cognome. Non è che per commentare bisogna far parte di un club esclusivo, il mio blog non è un blog riservato ma, quando mi arrivano i commenti, anche con nickname, so da chi arrivano ed eventualmente so come rispondere. Tu ti sei presentato con il nickname di Spinetense chiamandomi Renato ma, ancora adesso, non mi ricordo assolutamente di te. Può darsi che sia l'età e la memoria non è più quella di una volta ma proprio non mi ricordo di te. Comunque, tranquillamente e senza problemi continua, se lo vorrai, a commentare e quando vedrò "Spinetense" saprò che sei Pierino Salviato.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines