Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2013

Amico mio

Amico mio, chissà quante volte tu hai dato il voto a un uomo politico corrotto, ignorante e stupido, solo perché una volta al potere ti poteva garantire una raccomandazione, la promozione a un concorso, l’assunzione di un tuo parente, una licenza edilizia di sgarro. Così facendo tu e milioni di altri cittadini italiani avete riempito i parlamenti e le assemblee regionali e comunali degli uomini peggiori, spiritualmente più laidi, più disponibili alla truffa civile, più dannosi alla società. Di tutto quello che accade oggi in questa nazione, la prima e maggiore colpa è tua… Pippo Fava

Il nuovo che avanza…

Se Grillo e i grillini volessero ora ci sarebbe l'occasione per liberarsi di Berlusconi e del PDL una volta per tutte e cambiare tanto. Ma, non lo faranno, troveranno qualche pretesto altrimenti rimarrebbero senza nemici contro cui sbraitare. Molto meglio scappare e dare la colpa agli altri che assumersi delle responsabilità. Il nuovo che avanza...

Essere se stessi

La libertà non è la libertà di scelta. La grande e vera libertà inizia quando finiscono le scelte. È la libertà di essere se stessi, non di scegliere tra due dentifrici, ma di essere se stessi. Il problema è sapere chi si è veramente. Tiziano Terzani

Ogni giorno

Ogni giorno è diverso dall’altro, ogni alba porta con sè il suo speciale miracolo, il suo istante magico, in cui si distruggono gli universi passati e nascono nuove stelle. I Navajo ,infatti, insegnano ai loro bambini che ogni mattina il sole che sorge e’ un sole nuovo. Nasce ogni giorno, vive solo per quel giorno, muore alla sera e non ritornera’ piu’. Dicono ai loro piccoli: Il sole ha solo questo giorno, un giorno. Vivi bene la tua vita in modo che il sole non abbia sprecato il suo tempo prezioso. Paulo Coelho

Contatto

Si può entrare in contatto con le persone anche senza parlare.[...] c'è un modo di entrare in contatto tra esseri umani più percettivo e affidabile della parola, fatto di sguardi, silenzi, gesti e messaggi ancora più sottili; è il modo in cui un essere umano nel suo intimo risponde al richiamo di un altro, quella silenziosa complicità che nel momento del pericolo dà alla muta domanda una risposta più inequivocabile di qualsiasi confessione o argomentazione, e il cui senso è semplicemente questo: io sono dalla tua parte, anch'io la penso così, condivido la tua preoccupazione, noi due siamo d'accordo... Sàndor Màrai

Speranza

Speranza è una parola che detesto. Chi vive di speranza muore disperato. Al contrario, se uno vuole davvero qualcosa, non la deve sperare. Deve prendersela. E lavorare affinché essa si realizzi.[…]
Vi dico: non fermatevi mai di fronte ai no, di fronte agli ostacoli, di fronte alla paura. Non ascoltateli, i no. Affrontateli, gli ostacoli. Combattetele, le paure. Andrea Camilleri

Pdl…larghe estorsioni

Per favore nessuno esprima stupori fuori luogo. Cosa ci si poteva aspettare da un pregiudicato per frode fiscale, a capo di un folto manipolo di parlamentariscelti appositamente per servirloe che tutto gli devono? Che forse davanti alla propria decadenza da senatore, e dunque con il rischio concreto di essere arrestatoper l’inchiesta di Napoli sulla compravendita dei senatori, questo galantuomo si sarebbe inchinato alla legge pur nella comprensibile amarezza?Ma andiamo. Il pregiudicato si sta muovendo esattamente come si muovono i veri boss della mala pronti a scatenare l’inferno pur di non farsi beccare e trascinare dietro le sbarre. Solo che qui non siamo al cinema, ma nel Parlamento della Repubblica italiana, da ieri ufficialmentetenuto in ostaggio da un pregiudicatoe dai suoi bravi protagonisti di una vera e propria estorsione a mano armata.Come definire altrimenti le minacciate dimissioni in massa di deputati e senatori Pdl, nel caso la Giunta delle elezioni tra qualche giorno dov…

MARMAGLIA

Se questa marmaglia da le dimissioni i cinque stelle dovrebbero appoggiare Letta così li eliminiamo per sempre, in caso di elezioni che voterebbe cialtroni come Brunetta, Gasparri, Santanchè e Verdini…anche perché una 50ina di loro (Pdl) sarebbero agli arresti…decaduti da parlamentari…Verdini è un ottimo candidato alla “briscola in carcere” con Riina e il N@no

E non è perché mi sento solo

Ti amo quando hai freddo e fuori ci sono 30 gradi, ti amo quando ci metti un’ora a ordinare un sandwich, amo la ruga che ti viene qui quando mi guardi come se fossi pazzo, mi piace che dopo una giornata passata con te sento ancora il tuo profumo sui miei golf e sono felice che tu sia l’ultima persona con cui chiacchiero prima di addormentarmi la sera. E non è perché mi sento solo. E non è perché è la notte di Capodanno. Sono venuto stasera perché quando ti accorgi che vuoi passare il resto della vita con qualcuno, vuoi che il resto della vita cominci il più presto possibile! Nora Ephron

Fbc Unione Venezia: Al Venezia piace soffrire

Venezia-Vicenza 2-1 Campionato Nazionale Lega Pro1 - Girone A - IV° Giornata No, al Venezia di Dal Canto non piace vincere facile. Nelle prime quattro giornate di campionato ha infatti abituato i suoi tifosi ad accettare lo svantaggio sistematico come una condizione inevitabile. In tre occasioni (escluso Salò che è finita 2-0) i lagunari sono riusciti a pareggiare: una volta inutilmente (a Chiavari con l'Entella finale 2-1), nella altre due mettendo così le basi per il successo (Lumezzane 5-3 e Vicenza 2-1). 
Insomma è votato alla sofferenza questo Venezia che si sta godendo il successo nel derby con i biancorossi che mancava da anni e che ha visto l'aggancio in classifica. Due vittorie in quattro match, per quanto sofferte, che ripagano il team del lavoro sin qui svolto. Certo che partire sistematicamente dallo 0-1 non è certamente esaltante.  E qui entra in scena un'altra costante di questa prima parte di stagione: i cambi. L'allenatore lagunare ne ha effettuati di perfet…

Violenza

Credevo che la violenza fosse nelle urla, nelle botte, nella guerra e nel sangue. Adesso so che la violenza è anche nel silenzio, e qualche volta è invisibile a occhio nudo. La violenza è il tempo che risana le ferite, la sequenza irriducibile dei giorni, l’impossibile ritorno indietro. La violenza è quello che ci sfugge, che tace, che non si manifesta, la violenza è ciò che non ha spiegazione, che resterà opaco per sempre. Delphine De Vigan

Facciamo noi il nostro senza di lui

Perché non cominciare veramente ad ignorarlo? E’ ora di sbatterlo a pagina 20 con poche righe di cronaca (nera)......Mentana l'altra sera lo ha messo quasi in chiusura del suo TG. Non si sta facendo altro che aiutarlo con arrabbiature, alti moralismi (giusti) ed invocazioni.......Con lui non funzionano, basta....ormai la giustizia sta facendo il suo corso, facciamo noi il nostro senza di lui.

Le tre porte

… ogni parola prima di essere pronunciata
dovrebbe passare da tre porte.
Sull’arco della prima porta dovrebbe esserci scritto: ” È vera?”
sulla seconda campeggiare la domanda: ” È necessaria?”
sulla terza essere scolpita l’ultima richiesta: “È gentile?.
Una parola giusta può superare le tre barriere e raggiungere il destinatario con il suo significato piccolo o grande.
Nel mondo di oggi, dove le parole inutili si sprecano, occorrerebbero cento porte
molte delle quali rimarrebbero sicuramente chiuse. Romano Battaglia

Credo

Credo nel dolore. Credo nella disperazione. Credo in tutti i bambini. Credo nelle mappe, nei diagrammi, nei codici, negli scacchi, nei puzzle, negli orari aerei, nelle segnalazioni d’aeroporto. Credo a tutti i pretesti. Credo a tutte le ragioni. Credo a tutta la rabbia. Credo a tutte le allucinazioni. Credo a tutte le mitologie, ricordi, bugie, fantasie, evasioni. Credo nel mistero e nella malinconia di una mano, nella gentilezza degli alberi, nella saggezza della luce. James Ballard

Romanzo criminale

Mi si nota di più se l’accoratovideo-messaggioalla Nazionelo diffondo il giorno prima o il giorno dopo del voto in cui sono cacciato dal Parlamento perché condannato definitivo?Silvio Berlusconi, tra falchi e colombe a gettone, fa un po’ Ecce Bombo. O forse no: fa un po’ il Corona deivideoricatti. Cerca di tenere sulle spine quelli sensibili alle spine, i Letta, i Napolitano. Ma mentre cerca di chiudere uno spiffero, se ne aprono tanti altri. Così dopo la sentenza Mediaset arriva lasentenza Cir, e prima era arrivata la sentenza Dell’Utri, e dopo arriverà l’appello Ruby, e poi ancora si riaprirà Mediatrade, e poi…    “L’Italia è il Paese che amo”, disse nel videomessaggio primigenio, quello da cui tutto iniziò. Sono l’imprenditoredi successo che si sacrifica per voi, che mette la sua esperienza imprenditoriale al servizio della Nazione (da salvare dai comunisti). Vi farò felici, ricchi e potenti (in tutti i sensi) come me. Forza, Italia! Vent’anni dopo, la tragedia torna come farsa. O qu…

Cari italiani vorrei stipulare un nuovo contratto con voi. O preferite che facciamo in nero' (Crozza)

La fine di Hitler e Mussolini è stata più dignitosa di quella di b. il discorso del videomessaggio è da premio nobel della demenza; Quel conSesso che non mi mancherà mai; La messa è finita andate in pace. Siamo al ridicolo; Ma chi glie’ha scritto il messaggio…beppe grillo?; Il vantaggio del televisore (per lui) è che nessuno gli può tirare la scarpa; Il problema non è Silvio, ma gli italiani che lo hanno votato e continuano a farlo; Si è reso conto che c’è una crisi economica, ha fatto un passo avanti. Peccato che la ricetta sia sempre la stessa non si devono togliere i soldi ai ricchi; Non ho visto la fotografia della Pascale nella scrivania; Silvietto mio mi ha profondamento deluso…l’unico differenza rispetto a 20 anni fa è il parrucchino; Crisi economica senza precedenti, improvvisamente si sono svuotati i ristoranti e gli aerei; Attenzione, attenzione questo video messaggio può causare vomito, mal di testa, irritazione sottocutanea. Se avete deciso di ascoltarlo farsi assistere da un medico…

Il rispetto del silenzio

Ci sono persone che parlano, parlano e parlano. Parlano vergognosamente, parlano continuamente, parlano schifosamente. Parlano di quello, di quello e di quell’altro. Parlano di Qui, di Quo, di Qua e se ci fosse anche di Que. Persone che basano la loro vita sul parlare di cose che non le riguardano, che inventerebbero qualsiasi cosa pur di tirare fuori del sano e buon gossip da zitella settantenne. Sono persone pericolose, queste. Persone che hanno una vita talmente noiosa da riuscire ad annoiarti dopo la prima sillaba fuoriuscente dalla loro bocca impiastricciata di cazzi altrui. Ecco perché il rispetto del silenzio dovrebbe essere sancito dalla nostra Costituzione. Arturo Mugnai

Il granello

La vita non è in ordine alfabetico come credete voi. Appare… un po’ qua e un po’ là, come meglio crede, sono briciole, il problema è raccoglierle dopo, è un mucchietto di sabbia, e qual è il granello che sostiene l’altro? A volte quello che sta sul cocuzzolo e sembra sorretto da tutto il mucchietto, è proprio lui che tiene insieme tutti gli altri, perché quel mucchietto non ubbidisce alle leggi della fisica, togli il granello che credevi non sorreggesse niente e crolla tutto, la sabbia scivola, si appiattisce e non ti resta altro che farci ghirigori col dito, degli andirivieni, sentieri che non portano da nessuna parte, e dai e dai, stai lì a tracciare andirivieni, ma dove sarà quel benedetto granello che teneva tutto insieme...e poi un giorno il dito si ferma da sé, non ce la fa più a fare ghirigori, sulla sabbia c’è un tracciato strano, un disegno senza logica e senza costrutto, e ti viene un sospetto, che il senso di tutta quella roba lì erano i ghirigori. Antonio Tabucchi

Fbc Unione Venezia: I lagunari cadono ad Entella

Virtus Entella-Venezia 2-1 Campionato Nazionale Lega Pro1 - Girone A - 3^ Giornata La Virtus Entella continua a far sognare i propri tifosi e, dopo le vittorie con Como e Carrarese, inanella il terzo successo consecutivo battendo la squadra lagunare per 2-1. Tre partite e due sconfitte per gli arancioneroverdi di mister Dal Canto. Una partita anche equilibrata dove il Venezia non gioca male ma, dopo il vantaggio dei padroni di casa con Di Tacchio ed il pareggio con Maracchi, nella ripresa Guerra insacca di testa il gol vittoria. E pensare che i liguri poco prima del gol partita avevano rischiato di passare in svantaggio per uno svarione di Paroni. A dieci minuti dal termine brivido sulla schiena di Prina, ma il gol di Bocalon viene annullato. Ed ora, per i lagunari, sabato 21 arriva il derby con il Vicenza che sopra avanza in classifica gli arancioneroverdi di 3 punti. Virtus Entella- Venezia 2-1 Arbitro: Sig. Rapuano di Rimini Gol: 9^pt. Di Tacchio (E), 24^pt. Maracchi (UV), 64^ st. Guer…

Siamo vicinissimi al nulla e siamo troppo grandi per noi stessi

Mi è piaciuto molto lavorare. Mi è piaciuto anche non far nulla. In primo luogo, mi è piaciuto partire, andare altrove, passeggiare, col naso in aria e le mani in tasca, per questo vasto mondo.
Il mondo mi ha sempre ispirato un duplice sentimento: di riserva che va fino al rifiuto, e di adesione prossima fino all’entusiasmo.
Cosa facciamo quaggiù? Quasi niente.
Cosa siamo? Assolutamente niente.
Questo quasi niente è quasi tutto. Questo assolutamente niente non ha limiti. Siamo vicinissimi al nulla e siamo troppo grandi per noi stessi. Jean d’Ormesson

Rebibbia: quel senso di sconfitta. Loro dentro, noi fuori

Il carcere di Rebibbia è distante due chilometri da qui” dico a mio figlio mentre parcheggio lungo una laterale di Viale Kant. “Quanti sono due chilometri?” mi chiede. Ce li dobbiamo fare a piedi, per questo lo vuole sapere. Gli spiego che è più o meno la strada che facciamo per arrivare al forno vicino casa nostra. Sono le quattro del pomeriggio. Sentiamo la musica della Murga. La parata è iniziata in orario. C’è una parte degli artisti di Circocentrica, la convention che organizzano alla Torre, un centro sociale autogestito dal ’94. Oltre a quelli della Murga ci sono giocolieri e clown. C’è anche uno sputafuoco, ma non sputa benzina. Sputa l’acqua. E non la sputa sul fuoco, ma su un mazzetto di fiori. Insomma li annaffia, ma lo fa con la tecnica, la concentrazione e la serietà di un vero fachiro. È una piccola parata molto colorata. Gli unici neri sono i poliziotti in fondo al corteo. Loro sono più seri di tutti. Più seri del finto sputafuoco. A cosa pensano? Ragionano sull’inutilità …

Abbiamo chiuso definitivamente la porta

Chiusura a doppia mandata. Dopo l’ennesima volta che ci hanno preso in giro non ne vogliamo proprio più sapere. E’ già stato avvisata, da tempo, la persona posta alle decisioni in merito agli eventuali progetti per mio figlio, che se lo DIMENTICHI. Ce l’hanno proprio confezionata a dovere. Ci eravamo proprio cascati e, questa volta, pensavamo proprio di essere riusciti ad ottenere qualcosa. Il progetto di vita indipendente per nostro figlio sembrava cosa fatta, l’aiuto economico di €.700 mensili era stato approvato poi, la telefonata. Non dipende da noi, la proposta era stata presentata e da noi approvata ma…la Regione…non ci sono i supporti economici. Che presa per il culo ragazzi!!! Loro, comunque, sono a posto, al riparo da qualsiasi eventuale contestazione, il progetto lo avevano approvato tanto poi, se non avviato, il problema è della Regione.

Amore

L'amore è l'ago splendente che riesce ad avvolgere con un filo di sogni l'abito che è la nostra vita.Così è stato, così è e così sempre sarà! Dal film “City Hunter” di Jing Wong

Sallusti…Garnero

Poveretti, ormai avranno le piaghe da decubito. Ogni giorno, con masochismo indomito,Alessandro SallustieDaniela Garnero(curiosamente detta “Santanchè”) stazionano in tivù. Occupy Rosa & Olindo, indifesa di Silvio Berlusconi. Per fortuna (sua) ladecadenzadipende da Pd e Napolitano, avvocati difensori notoriamente encomiabili: se il leader Pdl dovesse sperare nella prosa del direttore del Giornale e della buffa Garnero, marcirebbe già in galera. Con tanto di chiave buttata.    Non avendo argomenti, entrambistraparlano. Il primo, che quando vuole è persona intelligente, in cuor suo si vergogna delle tesi che espone. E infatti, come martedì aOtto e mezzo, non di rado balbetta. La seconda, analogamente a Berlusconi, ama così tanto la bugia da finire col crederci. La si è potuta ammirare, sempre più prossima a Darth Vader, lunedì a Piazza pulita; martedì a Matrix; e mercoledì a La Gabbia. Oltre a regalare la consueta esondazione di deliri allo stato brado, l’amena Garnero ha affossato l…

Talks…

Se davvero, come ci dicevano le nonne, il buon giorno si vede dal mattino, questa stagione televisiva potrebbe dare il peggio del peggio. L’inizio è stato agghiacciante. Un po’ c’era da aspettarselo con la partenza deitalk, molti dei quali smaniosi di mostrare la nuova veste, il nuovo conduttore o la nuova collocazione, in coincidenza con l’inizio della discussione parlamentare sull’ineleggibilità di Berlusconie le relative contrapposizioni, un piatto ghiottissimo per quel genere televisivo. Ma la realtà ha superato e supera ogni giorno anche la più pessimistica previsione, raggiungendo livelli che francamente non riesco a spiegarmi. Intorno a un paio di temi su cui vedo pochissimi margini di discussione (lalegge Severinoè incostituzionale? chi ha commesso reati è punibile anche se gode di molto consensi elettorali?) si costruiscono ore e ore di programmazione televisiva, di chiacchiere di sconcertanteprevedibilità. Si comincia alle prime ore del mattino (Omnibus,Agorà), si prosegue in …

La Costa Concordia e Mr. B, due sfide per l’Italia

Difficile, per lastampa estera, districarsi, in questi giorni, tra cronaca italiana e riferimenti storici. Oggi,Les Echostitola in homepage “Berlusconi e la sindrome dell’11 Settembre”, giocando sull’anniversario dell’attacco terroristico alleTorri Gemelle(che –ci pare- non c’entra nulla); mentre in realtà questa che viviamo è una sindrome nostrana da8 settembre, il tutti a casa del senso di responsabilità, l’ennesimo commedia all’italiana di calabrache e voltafaccia.
Fra i media stranieri, c’è chi crede sia solo “questione di tempo” –ilTagesspiegel-, poi il Cavaliere decadrà. E c’è chi s’accorge che non è solo Mr B a giocare con il tempo: “I suoi avversari puntano sul rinvio” –Sueddeutsche Zeitung-, forse perché se cade Berlusconi cade il governo e “non vi sono previsioni su che cosa succederà alle elezioni” –Der Spiegel-. Che poi ci sono, perché tg e talk show sono la fiera del sondaggio, ma nessuno si fida davvero di quei numeri. Barcamenandosi tra le indicazioni contraddittorie dell…

Tunisia

Decalogo della "sperata" decadenza

1-)   Se lo salvano si parte tutti per Roma… 2-)   Ma dai il PD ha rinviato il voto, chi se lo sarebbe mai aspettato… 3-)   PD-PDL un solo santo protettore… 4-)   Questa dilazione che ha esaltato il Pdl è in realtà una concessione che va contro gli interessi di Berlusconi. Quando saranno pronti per votare, infatti, si sarà chiusa la finestra elettorale di novembre e, dato che il voto non sarà favorevole al senatore, non ci saranno possibilità da parte loro di minacciare agitando le chiamate alle urne. È per questo che Berlusconi sta trattando per una sua uscita di scena volontaria ma con garanzie dal Colle… 5-)   Continua l’ignobile pantomima… 6-) PD e PDL per una volta fate una cosa utile al paese: SMATERIALIZZATEVI… 7-)   Basta, fuori dagli zebedei , ma per favore, il Paese è fallito ed ancora stanno a parlare del nano Pregiudicato. in una Nazione seria...sarebbe sotto terra , morto e sepolto… 8-)   Per il dott. Esposito procedimento disciplinare d'urgenza, per cambiare la costituzion…

IL DECALOGO DELLA DECADENZA

1-)  Una pregiudiziale al giorno toglie il medico di torno… 2-)  “Questo è il paese che amo” , poi firmava contratti dal vespone, l’origine del male per l’Italia; io se faccio firmare un contratto che non rispetto mi fanno un cxxxo a quattro parti; ma dal vespone si scherzava, come dire: “Questo è il paese che amo, e qui posso fare quel c.xxxo che voglio” 3-)  E pensare che ha cominciato con un “Mi consenta” Bastava che qualcuno gli avesse risposto subito NO. 4-)  Brunetta: “Già pronta una nuova maggioranza PD-SEL-M5S”…che piacevole  sua dichiarazione, questa volta ci informa che il governo cadrà, B. sarà fuori dalle PALLE e ci sarà una nuova maggioranza più accreditata 5-)   “Siamo esterrefatti – dice Alfano – per il comportamento del Pd..." Ha ragione l'Angelino ...dopo vent'anni di comunella che fate ci mollate? 6-) Alle ore 20 di Martedì 10 settembre 2013 riportare indietro gli orologi di ventanni…Entra in vigore la nuova ora legale 7-)  Questa storia delle pregiudiziali na…

Agosto 2013

1  -)  Inps 58 2  -)  Il Che di Arcore 46 3  -)  Ipotesi di grazia 43 4  -)  Trasferimento 42 5  -)  FBC Unione Venezia #10 41 6  -)  Chiedo scusa 40 7  -)  Impunità 37 8  -)  FBC Unione Venezia #6 36 9  -)  Sul Balcone 35 10-)  FBC Unione Venezia # 11 34

Fbc Unione Venezia: Esordio casalingo con il botto

Venezia-Lumezzane 5-3 – Campionato Nazionale Lega PRO1 – Girone A- 2^ Giornata - Pokerissimo dell’Unione Venezia nella seconda giornata di campionato Lega Pro1, girone A, prima “casalinga” al Mecchia di Portogruaro, contro il Lumezzane. Gli arancioneroverdi rialzano la testa dopo la sconfitta di Salò (2-0) e chiudono la pratica per 5a3. La goleada nel secondo tempo quando sotto di una rete, gli uomini di Dal Canto tirano fuori le unghie e portano a casa il risultato.

Venezia-Lumezzane 5-3 Arbitro: Sig. Riccardo Ros di Pordenone Reti: 2^ pt. Torregrossa (LU), 15^ Di bari (UV), 43^ Belotti (LU), 52^ st. Maracchi (UV), 55^ Giorico (UV), 65^ Cori (UV), 87^ Torregrossa (LU), 90^ Calamai (UV)

Coffee break

dal 2 settembre al 9 settembre 2013

Il fine

Non c’è democrazia senza educazione, non c’è società realmente libertaria e illuminata fin quando il fine della produzione è una produzione di beni e non di esseri umani liberi, reciprocamente associati in condizioni di uguaglianza, in cui non si è solo spettatori ma partecipi. Noam Chomsky

INGIUSTIZIA Imu

Alla fineRenato Brunettace l’ha fatta. Dopo una lunga battaglia per ottenere daEnrico Lettail rispetto di una promessa che il premier non aveva mai fatto, cioè l’esenzione totaledi tutte le prime abitazioni dal pagamento dell’Imu, il risultato è stato raggiunto. Letta nel discorso di insediamento aveva parlato di “superare l’attuale sistema di tassazione della prima casa con una riforma complessivache dia ossigeno alle famiglie, soprattutto quellemeno abbienti”. Il suo annuncio comunque non suggeriva un’esclusione dall’Imu deiricchipossidenti. Brunetta e tutto il Pdlperò continuavano a sostenere che Letta avrebbe tolto l’Imu sulla prima casa a tutti. Il decreto di mercoledì è quindi unadoppia vittoriaper Brunetta: da un lato ha dimostrato chi comanda davvero nell’alleanza Pd-Pdl e dall’altro ha ottenuto l’esenzione totale dall’imposta per la sua villa sull’Ardeatina, già minacciata da una discarica contro la quale il capogruppo Pdl si sta battendo come un leone. Come molti altri ricchi…