Asociale

Ma se la definizione che mi è stata affibbiata consiste nell’essere una persona che adora ridere ma che non ama ubriacarsi di risate sproporzionate e fuori luogo, che pensa sia di gran lunga più gradevole un silenzio autentico di miriadi di sillabe buttate al vento, che ad una compagnia imputridita prevarrà sempre un’avvenente solitudine, che preferisce incatenarsi alla trama di un libro travolgente o farsi trasportare in luoghi lontani dalle note di un disco contenente della buona musica piuttosto che farsi soggiogare da chiacchiere ricolme di futilità, allora sì, l’essere “asociale” è una caratteristica portante del mio carattere. Un pregio al quale non voglio rinunciare.
Alessandra Mugnai

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai