Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2013

Chiusura di fine Anno...Buon 2014!!!

Domani partiamo. Un’altra ennesima volta partiamo verso un’ennesima speranza. Un viaggio del coraggio, di chi non si arrende mai, di chi desidera un domani con più autonomia per nostro figlio Federico. Fino al 2 gennaio questo blog resterà chiuso, “chiusura  della speranza”, ed è per questo che voglio or ora già farvi gli auguri per il nuovo anno.

A quegli amici su cui posso contare senza riserve;
A chi c’è sempre nel momento del bisogno;
A chi non si dimentica, nemmeno una volta, di perdonare i miei errori
a chi c’è sempre, nonostante gli sbagli,
a chi mi sorride, anche se prova dolore nel cuore,
a chi usa gentilezza senza aspettarsi nulla in cambio,
a chi osa amare, sorridere, sperare e mi insegna a farlo.
A tutti voi amici sinceri,
Auguri di Cuore! Buon Anno Nuovo!
Stephen Littleword, Piccole cose

Coscienza e reputazione

Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione. Perché la tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro. Charlie Chaplin

Questo quasi niente è quasi tutto

Mi è piaciuto molto lavorare. Mi è piaciuto anche non far nulla.
In primo luogo, mi è piaciuto partire, andare altrove, passeggiare, col naso in aria e le mani in tasca, per questo vasto mondo.
Il mondo mi ha sempre ispirato un duplice sentimento: di riserva che va fino al rifiuto, e di adesione prossima fino all’entusiasmo.
Cosa facciamo quaggiù? Quasi niente.
Cosa siamo? Assolutamente niente.
Questo quasi niente è quasi tutto. Questo assolutamente niente non ha limiti. Siamo vicinissimi al nulla e siamo troppo grandi per noi stessi. Jean d’Ormesson

Trama

Ho imparato a essere felice là dove sono. Ho imparato che ogni momento di ogni singolo giorno racchiude tutta la gioia, tutta la pace, tutti i fili di quella trama che chiamiamo vita. Il significato è riposto in ogni istante. non c’è un altro modo per trovarlo. Herman Hesse

Trovare la propria via

Le persone più belle che abbiamo conosciuto sono quelle che hanno conosciuto la sconfitta, la sofferenza, lo sforzo, la perdita, e hanno trovato la loro via per uscire dal buio. Queste persone hanno una stima, una sensibilità, e una comprensione della vita che le riempie di compassione, gentilezza e un interesse di profondo amore. Le persone belle non capitano semplicemente, si sono formate. Elisabeth Kübler Ross

Il dono più prezioso

C’è chi ti legge come un libro aperto,
chi ti chiude come un libro letto,
chi ti scrive come un libro bianco,
chi ha perso il segnalibro, chi voleva leggerti
ma le emozioni non erano in saldo,
chi ti ha sfogliato e riposto sullo scaffale,
chi ti ha portato a casa e messo in libreria.
Forse un giorno qualcuno ti legge sul serio,
dalla copertina all’ultima pagina,
e ti porta con sé come il dono più prezioso. Francesco Paolo Ettari

Frammenti

Il primo sguardo dalla finestra al mattino il vecchio libro ritrovato volti entusiasti neve, il mutare delle stagioni il giornale il cane la dialettica fare la doccia, nuotare musica antica scarpe comode capire musica moderna scrivere, piantare viaggiare cantare essere gentili. Bertolt Brecht

Le parole

Le parole sono buone. Le parole sono cattive. Leparole offendono. Le parole chiedono scusa. Le parole bruciano. Le parole accarezzano. Le parole sono date, scambiate, offerte, vendute e inventate. Le parole sono assenti. Alcune parole ci succhiano, non ci mollano; sono come zecche: si annidano nei libri, nei giornali, nelle carte e nei cartelloni. Le parole consigliano, suggeriscono, insinuano, ordinano, impongono, segregano, eliminano. Sono melliflue o aspre. Il mondo gira sulle parole lubrificate con l’olio della pazienza. I cervelli sono pieni di parole che vivono in santa pace con le loro contrarie e nemiche. Per questo le persone fanno il contrario di quel che pensano, credendo di pensare quel che fanno. José Saramago

Vulnerabili

Non bisogna sempre cercare di non far succedere le cose. A volte occorre sentirsi a disagio. A volte occorre essere vulnerabili di fronte agli altri. A volte è necessario, perché serve per compiere un altro passo verso se stessi, verso il domani. Cecelia Ahern

Buon Natale

Vi auguro sogni a non finire
e la voglia furiosa di realizzarne qualcuno. Vi auguro di amare quel che va amato
e dimenticare quel che va dimenticato. Vi auguro passioni. Vi auguro silenzi. Vi auguro canti di uccelli al risveglio
e risate di bambini. Vi auguro di resistere all’arenamento,
all’indifferenza,
alle virtù negative della nostra epoca. Soprattutto, vi auguro di essere voi stessi. Jacques Brel

Asociale

Ma se la definizione che mi è stata affibbiata consiste nell’essere una persona che adora ridere ma che non ama ubriacarsi di risate sproporzionate e fuori luogo, che pensa sia di gran lunga più gradevole un silenzio autentico di miriadi di sillabe buttate al vento, che ad una compagnia imputridita prevarrà sempre un’avvenente solitudine, che preferisce incatenarsi alla trama di un libro travolgente o farsi trasportare in luoghi lontani dalle note di un disco contenente della buona musica piuttosto che farsi soggiogare da chiacchiere ricolme di futilità, allora sì, l’essere “asociale” è una caratteristica portante del mio carattere. Un pregio al quale non voglio rinunciare. Alessandra Mugnai

Mattina di Natale

“Non c’è nulla di più triste in questo mondo che svegliarsi la mattina di Natale e non essere un bambino” Erma Bombeck

Mi piace

Mi piace la gente che sa ascoltare il vento sulla propria pelle, sentire gli odori delle cose,
catturarne l’anima.
Quelli che hanno la carne a contatto con la carne del mondo.
Perché lì c’è verità, lì c’è dolcezza, lì c’è sensibilità, lì c’è ancora amore. Alda Merini

A Natale un giorno

Perchè
dappertutto ci sono cosi tanti recinti?
In fondo tutto il mondo e un grande recinto.
Perché
la gente parla lingue diverse?
In fondo tutti diciamo le stesse cose.

Perché
il colore della pelle non e indifferente?
In fondo siamo tutti diversi.

Perché
gli adulti fanno la guerra?
Dio certamente non lo vuole.

Perché
avvelenano la terra?
Abbiamo solo quella.

A Natale - un giorno- gli uomini andranno d’accordo in tutto il mondo. Allora ci sarà un enorme albero di Natale con milioni di candele. Ognuno ne terrà una in mano, e nessuno riuscirà a vedere l’enorme albero fino alla punta.

Allora tutti si diranno "Buon Natale!"a Natale, un giorno. di Hirokazu Ogura

Circostanza avversa

Siamo destinati a morire, ed è una gran fortuna. La maggior parte della gente, infatti, non è destinata a morire perché non è destinata neppure a nascere. Gli individui che avrebbero potuto trovarsi qui al mio posto, ma che di fatto non vedranno mai la luce del giorno, sono assai più numerosi dei granelli di sabbia dell’Arabia. Senza dubbio tra quelle larve mai venute al mondo vi sarebbero poeti più grandi di Keats e scienziati più grandi di Newton. Lo sappiamo perché il numero di individui cui il dna concederebbe di esistere supera di gran lunga il numero di individui realmente nati. Nonostante circostanza tanto incredibilmente avversa, voi ed io, nella nostra ordinarietà, siamo qui. Richard Dawkins

Vecchio

Quando mi dicono che sono troppo vecchio per fare una cosa, tento immediatamente. Pablo Picasso

Svegliati

Apprendi dagli audaci,
dai forti,
da chi non accetta compromessi,
da chi vivrà malgrado tutto;
pensa meno ai tuoi problemi
e più al tuo lavoro.
I tuoi problemi, senza alimentarli, moriranno. Impara a nascere dal dolore
e ad essere più grande, che è
il più grande degli ostacoli. Guarda te stesso allo specchio
e sarai libero e forte
e finirai di essere una marionetta delle circostanze,
perché tu stesso sei il tuo destino. Alzati e guarda il sole nelle mattine
e respira la luce dell’alba.
Tu sei la parte della forza della tua vita.
Adesso svegliati, combatti, cammina,
deciditi e trionferai nella vita;
Non pensare mai al destino,
perché il destino
è il pretesto dei falliti. Pablo Neruda

Roma - Gruppo IL PASSO -

Immagine
Grazie a tutti i RAGAZZI        e agli animatori

Tre cose

La necessità di parlare, l’imbarazzo di non aver nulla da dire e la brama di mostrarsi persone di spirito sono tre cose capaci di rendere ridicolo anche l’uomo più grande. Voltaire

Percorsi

Ma in fondo fa bene pensare che nonostante tutto il dolore, l’esasperazione, la frustrazione della nostra esperienza, nonostante la sofferenza e le bastonate e la precarietà di questi anni, nonostante tutto questo, la vita si rivela ogni tanto come una sottile e delicata vibrazione che raccorda e uniforma il tono di diverse esperienze e diverse storie. In fondo fa bene pensare che alla base dei nostri percorsi scorre una delicata armonia che ci fa incontrare e che va semplicemente rispettata anche se dura un attimo. Pier Vittorio Tondelli

Condizioni

A volte bisogna rischiar, fare altre cose. Occorre rinunziare ad alcune garanzie perché sono anche delle condizioni. Tiziano Terzani

Persone

Un uomo che coltiva il suo giardino, come voleva Voltaire. Chi è contento che sulla terra esista la musica.
Chi scopre con piacere una etimologia.
Due impiegati che in un caffè del Sur giocano in silenzio agli scacchi.
Il ceramista che premedita un colore e una forma.
Il tipografo che compone bene questa pagina che forse non gli piace.
Una donna e un uomo che leggono le terzine finali di un certo canto.
Chi accarezza un animale addormentato.
Chi giustifica o vuole giustificare un male che gli hanno fatto.
Chi è contento che sulla terra ci sia Stevenson.
Chi preferisce che abbiano ragione gli altri.
Tali persone, che si ignorano, stanno salvando il mondo. Jorge Luis Borges

Fbc Unione Venezia: Il Venezia non si ferma più

Venezia-Albinoleffe 1-0 Campionato Nazionale Lega Pro1 Girone A – 15^ Giornata – Nell’anticipo della 15^ giornata di campionato Lega Pro1 Girone A il Venezia grazie alla bella vittoria a spese dell’Albinoleffe è terzo al giro di boa. La squadra lagunare continua a stupire per i risultati ottenuti è ai vertici della categoria da neopromossa, nonostante la squadra non sia certamente costruita nella maniera migliore e abbia fatto vedere non poche lacune in questa prima parte della stagione. A mantenere nella parte alta della graduatoria gli arancioneroverdi c’è indubbiamente il fatto che il livello qualitativo del campionato di Lega Pro1 quest’anno non sia così eccelso: l’assenza delle retrocessioni e i primi economici per far giocare i giovani stanno incidendo in maniera decisa in negativo. Così un generoso Venezia, per niente irresistibile, primeggia pur non riuscendo ad esprimere un gioco gradevole, essendo protagonista di lunghe pause di rendimento e avendo alternato un’infinità di mo…

Gente

Mi piace rispettare gli altri per come si sono evoluti interiormente. Non mi piace la gente la cui mente non sa riposare in silenzio, il cui cuore critica gli altri senza sosta, la cui sessualità vive insoddisfatta, il cui corpo s’intossica senza saper apprezzare di essere vivo. Ogni secondo di vita è un regalo sublime. Alejandro Jodorowsky

L'indisciplina cieca del contrario di tutto questo.

Dio-io, la patria, il governo, la tolleranza intollerante di stato, la famiglia, la paternità, la prole, il popolo, la Storia, la politica, la fratellanza, il prossimo, l’Europa, la costituzione, l’anagrafe, il civismo, l’ontologia, la didattica, il progresso, la dialettica, il sindacato, il problema dei lavoratori, l’umanesimo, l’opinionismo, l’uguaglianza, la rivoluzione, la giustizia e l’ingiustizia, la responsabilità sociale, l’attualismo, la cronaca, l’informazione, la libertà (soprattutto di stampa), la democrazia, la scuola universitaria dell’obbligo, l’ottimismo, il buon senso comune, il condominio, il pubblico, il privato, la solidarietà, l’altruismo, la questione razziale, il culto dei morti (seppellire i vivi), la beneficenza, la carità, il dilemma ebraico, la volontà, la fede, la speranza, l’utopia, l’ideologia, la volgarità dell’immagine, la metafisica, il rispetto del lavoro, il contemporaneo, il verbo, il senso, l’espressione, il pre-scritto orale, le parole, il pensier…

Noi "giovani" vicino ai 60'

Ci si preoccupa tanto e a ragionedella mancanza di lavoro giovanile. Ma dei disoccupati 50/60enni, governo, istituzioni, giornali, davvero ne parlano molto poco.      Buttati fuori dal lavoro,o in altri casi costrettia rinunciarvi per gravi problemi in famiglia, non seguitidagli enti preposti,  non riescono più a rientrarci. Sono lontani, lontanissimi dalla pensionee, molto spesso, con carico familiare sulle spalle(figli disoccupati, figli disabili, come nel mio caso, senza alcun aiuto da parte dei servizi sociali…). Non ci rappresenta proprio nessuno. E chi se ne frega, con la legge Fornero, cambiando le regole del gioco, cambiando un contratto con i lavoratori (quante volte è stato fatto ma, anche qui non per tutte le categorie) si lasciano migliaia di famiglie nell’abbandono, nell’oblio… Questa è la realtà vera e crudadei quasi 60enni disoccupati ed arrabbiati.

Cos’è il Natale oggi…

Nel paradiso degli animali l'anima del somarello chiese all'anima del bue: - Ti ricordi per caso quella notte, tanti anni fa, quando ci siamo trovati in una specie di capanna e là, nella mangiatoia...? - Lasciami pensare... Ma sì - rispose il bue. - Nella mangiatoia, se ben ricordo, c'era un bambino appena nato. - Bravo. E da allora sapresti immaginare quanti anni sono passati?
- Eh no, figurati. Con la memoria da bue che mi ritrovo. - Millenovecentosettanta, esattamente. - Accidenti! - E a proposito, lo sai chi era quel bambino? - Come faccio a saperlo? Era gente di passaggio, se non sbaglio. 
Certo, era un bellissimo bambino. L'asinello sussurrò qualche cosa in un orecchio al bue.
- Ma no! - fece costui - Sul serio? Vorrai scherzare spero.
- La verità. Lo giuro. Del resto io l'avevo capito subito...
- Io no - confessò il bue - Si vede che tu sei più intelligente. A me non aveva neppure sfiorato il sospetto. Benché, certo, a vedersi, era un fantolino straordinario.
- Bene…

Ogni solitario istante

Tu sei fatto di tempo, di incessante tempo. Sei ogni solitario istante Jorge Luis Borge

Amore

L’amore è un’erba spontanea, non una pianta in giardino. Ippolito Nievo

Futuro

Il futuro è qualcosa che ciascuno raggiunge allavelocità disessanta minuti all’ora, qualunque cosa faccia, chiunque sia. Clive Staples Lewis

Siamo

Non siamo ciò che diciamo, siamo il credito che ci danno. José Saramago

Servizi sociali

E’ molto probabile che in certe aziende sia una prassi consolidata ma,  quando ci sono di mezzo i servizi sociali, non la ritengo congrua. Vi spiego. Per i problemi di mio figlio, disabile acquisito dopo un incedente stradale, ho frequenti comunicazioni via email con il direttore del distretto socio-sanitario del mio paese. Debbo dire che la cosa non sarebbe di sua competenza e dovrei rivolgermi al personale dell’area disabilità adulta ma, con quest’ultimi ho tagliato completamente i ponti. Sono come non esistessero. Comunque torniamo a noi. Recentemente ho trasmesso al direttore il progetto sperimentale individualizzato mirato all’aumento delle autonomie quotidiane e al distacco dal contesto familiare per mio figlio. In contemporanea ho anche allegato il modulo di domanda per l’accesso all’impegnativa di cura domiciliare per persone non autosufficienti – DGR 1338 del 30.07.2013 che avevo ricevuto dall’ufficio area disabilità adulta. Nella stessa missiva avevo evidenziato la cortese r…

Arcobaleni

Non troverai maiarcobalenise guardi in basso Charlie Chaplin

Finestra

Questa è un’epoca dove tutto viene messo in vistasulla finestra peroccultare il vuoto della stanza. Dalai Lama

Maturando

Maturando ho capito le istruzioni per l’usoche accompagnavano la mia voce. E queste istruzioni prevedono di nonlamentarsi mai in modo casuale. Se proprio bisogna esprimere la grande, inevitabile sconfitta che attende ognuno di noi, bisogna almeno farlo rimanendo entro gli stretti confini della dignità e della bellezza. Leonard Cohen

Decisione

Ho deciso questa sera. Dal blog non compariranno più i gadget lettori fissi e visualizzazioni totali. Per come considero la funzione del mio blog non sono necessari. Ringraziocomunque chi fino a questo momento mi ha seguito e vorrà continuare a seguirmi, nella rete ci sono. In questo modo, probabile sia sbagliato, il blog diventerà la trade union principale con me stesso.

Opinioni

Nonmorirei mai per le mie opinioni: potrei avere torto. Bertrand Russell

Top Ten rock singoli 2013 (personale)

1   )    Shake                                             The Head And The Heart 2   )    Want doesn’t kill you             Jake Bugg 3   )    A lith that never comes         Linkin Park 4   )    Honesty                                         Editors 5   )    Sex                                                   The 1975 6   )    AM                                                    Arctic Monkeys 7   )    Sirens                                             Pearl Jam 8   )    Tu sei lei                                       Ligabue 9   )    Reflektor                                      Arcade Fire 10)    My god is the sun                      Queens of the Stone Age

Sempre meno servizi

Veneto… Fino a pochissimi anni fa era considerato la regione-modello, a cui si guardava per attingere esempi e buone pratiche. Oggi non è affatto così. Si registra una riduzione progressiva della quantità e della qualità dei servizi. Ad esempio, per i progetti sulla vita indipendente, con riferimento alla legge 162, che permetteva la modalità indiretta di assistenza per cui la persona o la famiglia poteva organizzare la propria assistenza rendendo poi conto con pezze giustificative sulle azioni intraprese, vi furono risultati notevolmente positivi. A distanza di pochissimi anni, vengono stanziate per la vita indipendente risorse uguali, ma ridistribuite su un numero ben più alto di persone e famiglie.E dunque si è ridotto drammaticamenteil monte ore di assistenza a disposizione, con conseguenze drammatiche per i disabilie le proprie famiglie. Il Veneto, una delle regioni più ricche del Paese, potrebbe fare molto di più o mettere mano al proprio bilancio per trovare risorse. Non lo fa …