Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2013

Davvero non molto conta...

Non molto. Davvero non molto conta. Alla fine della giornata, se hai sorriso più di quanto ti sei accigliato, se hai riso più di quanto hai pianto, se hai detto alla tua famiglia e ai tuoi amici che li ami, se ti sei divertito parecchio facendo quello che fai per vivere, allora è stata una buona giornata. Larry Winget, Sta’ zitto smettila di lamentarti e datti una mossa

Dubbio

La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile. Corrado Alvaro

Bossi…ha tradito Roma Ladrona

40 milioni di finanziamento pubblico alla Lega. “truffa aggravataper il conseguimento di erogazioni pubbliche” ossia irimborsi elettoraliricevuti dal Carroccio in base ai rendiconti al Parlamento del 2008 e 2009.Unatruffa allo Stato commessa, secondo i pubblici ministeri, in concorso con Maurizio Balocchi, segretario amministrativo della Lega ormai deceduto, per quanto riguarda il rendiconto dell’esercizio 2008 e conFrancesco Belsito, ex tesoriere leghista per il 2009 e 2010. Con tanto di inganno ai presidenti di Camera e Senato e ai revisori pubblici delle due assemblee che autorizzavano i rimborsi basandosi su rendiconti volontariamente falsati “in assenza di documenti giustificativi di spesa e in presenza di spese effettuate per finalità estranee agli interessi del partito politico”. La Procura di Milano ha chiuso le indagini relative all’inchiesta “The family” in vista del prossimo passo: la richiesta dirinvio a giudizio per dieci persone, tra cuiUmberto Bossie i suoi due figli Ric…

Dove c'era la sabbia

Sembrava non finire mai quella strada assolata, lunga e dritta. Il carrettino di un gelataio ci superò velocemente. "Probabilmente sta andando dove andiamo noi", pensai. Era lo stesso gelataio che di tanto in tanto alle cinque del pomeriggio passava paer via Dante e per una decina di minuti si fermava proprio davanti alla stradina di casa mia, aspettando che dopo un pò arrivassimo noi ragazzetti con le monetine in mano per comperarci il cono gelato. Lasciammo a destra un lungo ponte che attraversava il canal Salso e si perdeva nel verde. "Porta Forte Marghera, quella della famosa  Sortita. Vedrai, quando sarai in quinta elementare - chiarì mio padre - studierai bene questo importante episodio della storia mestrina e del Risorgimento italiano. (...) Poco pèiù avanti mamma rallentò, si lasciò affiancare e superare, come se fosse incerta sulla direzione da prendere e volesse lasciare a mio padre il compito di guidarci nel tratto finale. A quel punto l'asfalto sempre più…

Emozione

Vogliamo essere amati.
In mancanza di ciò, ammirati
in mancanza di ciò, temuti
In mancanza di ciò, odiati e disprezzati.
Vogliamo suscitare negli altri una qualche sorta di emozione.
L’anima trema davanti al vuoto
e ha bisogno di un contatto a ogni costo. Hjalmar Soderberg

Boria

Tutto -
una parola sfrontata e gonfia di boria.
Andrebbe scritta fra virgolette.
Finge di non tralasciare nulla,
di concentrare, includere, contenere e avere.
E invece è soltanto
un brandello di bufera. Wislawa  Szymborska

25 Aprile 1945 - 27 Novembre 2013...Espulso il pregiudicato

Che la data di oggisia l'inizio di una nuova era, di rinnovamento, di ritrovata moralità. Lo dobbiamo per chi a dato la vita per la democrazia, quasi settanta anni fa, lo dobbiamo per i nostri figli e generazioni future ora senza speranza e futuro! Evviva la democrazia, l'onestà, il rispetto delle persone e delle regole, evviva l'italia degli onesti! 

E' arrivato Brilly

Immagine

Errori

La mia vita è disseminata di errori. Sono come ciottoli che, alla fine, diventano una buona strada. Beatrice Wood  

Pensare

Quasi ovunque, e spesso anche per questioni squisitamente tecniche, il fatto di prendere partito, di prendere posizione pro o contro, ha sostituito il fatto di pensare. È una peste che si è originata nel contesto politico e si è diffusa a tutto il paese, alla quasi totalità del pensiero. Simone Weil

Arcore…si prepara la resa. Ad una condizione

Le ultime indiscrezioni parlano di Silvio che sta trattando la resa... L'unica condizione è che venga messo in un carcere femminile .... 

Mio padre mi diceva

Mi’ padre me diceva: fa’ attenzione a chi chiacchiera troppo; a chi promette
a chi dopo èsse entrato, fa: “permette?”;
a chi aribbarta spesso l’opinione
e a quello, co’ la testa da cojone,
che nu’ la cambia mai
; a chi scommette;
a chi le mano nu’ le strigne strette;
a quello che pìa ar volo ogni occasione
pe’ di’ de sì e offrisse come amico;
a chi te dice sempre “so’ d’accordo”;
a chi s’atteggia come er più ber fico;
a chi parla e se move sottotraccia;
ma soprattutto a quello – er più balordo -
che, quanno parla, nun te guarda in faccia
. Aldo Fabrizi

La prima cosa...la seconda...

La prima cosa nella vita è sapere cogliere un’occasionee la seconda è sapere quando bisogna lasciarla perdere Benjamin Disraeli

27/11/2013...Latitante ad Hammamet

Se sarà la volta buona lo si saprà dopodomani, dal Parlamento della Repubblica, se sarà ESTROMISSIONE lo si saprà dopodomani quando, i personaggi di scarsa qualità che compongono il Parlamento, dovrebbero finalmente liberarsi di un personaggio come lui, espressione vivente di una tendenza a fregarsene completamente degli obblighi giuridici in ogni settore della vita umana. E, dopodomani ci sarà da RIDERE, assistendo a quella marcia di LACCHE'IMPENITENTI e altri esemplari dell’Italia peggiore che hanno scelto di bere fino in fondo l’amaro calice della sconfitta insieme al loro amato leader. Non mi mancherà certamente il pluri condannato, anche se lascia in Parlamento e nel paese molti altri che non sono certo meglio di lui, anzi certamente più mediocri. A vent’anni di distanza seguirà idealmente le TRACCE DI CRAXIche fu, unitamente ad altri meno noti sponsor , il principale artefice delle sue fortune economiche e politiche. SCAPPERA' ALL'ESTERO ma, personalmente, spero che ciò…

Questo è da ricovero!!! Vi prego riaprite i manicomi

Votate contro la mia decadenza ! Sappiamo dove vivete, dove vanno a scuola i vostri figli, vorremmo che non gli succedesse qualche incidente, sono tempi brutti, chi ve lo fa fare di rischiare per una fesseria poi ! E' un consiglio da amico che vi vuole bene ! ;) Il Puffo di Arcore

Morire

Morire? Non mi piace per niente. Sarà l’ultima cosa che farò. Roberto Begnini

L’ultima, quest’ultima volta…

Francesco Guccini, Quell’ultima volta: «Quando è stata quell’ultima volta? Ti sembrava durasse per sempre quell’amore assoluto e violento. Quando è stato che è finito in niente? Perché è stato che tutto si è spento?». Il suo ultimo disco si intitola L’ultima Thule. Ultimo. È il tuo ultimo disco, Francesco. Quando è stato che hai deciso che questo doveva essere il tuo ultimo disco? Quando è stato che hai scritto, quella volta, Lui e leiAutogrillIncontro. E tutte le altre, che fanno abbracciare gli amici, cantare, quando è estate ed è notte, tra i granelli di sabbia. Granelli troppo lievi, per resistere alle furie del tempo. Granelli troppo lievi per saldare gli amori appena iniziati. È un lampo: volano via, come sospinti da quello scirocco, quello che cantavi nella tua canzone su Adriano Spatola, lo scrittore dell’oblio. Cosa facevi pochi istanti prima la scrittura di Ti ricordi quei giorni?Con quale ritmo le rughe interiori solcavano il tuo cuore, come succede a noi, umani? Quante …

Napolitano ricatta è un vecchio inacidito...l'articolo del pennivendolo prezzolato

“Il Giornale” non è un giornale. E’ il quotidiano megafono del puffo molto cattivo. A leggerlo si rischia di prendere una malattia molto seria al sistema nervoso. Per quanto riguarda quel pennivendolo prezzolato di Sallustri ‘graziato’ dal Presidente della Repubblica con commutazione della pena per la sua condanna per diffamazione, non merita commenti, la sua faccia parla per lui. Chissà in un pentimento del PdR trovando un appiglio giuridico per revocare la grazia al pennivendolo.

Fbc Unione Venezia: All'ultimo respiro

Venezia-Pro Vercelli 1-1 Campionato Nazionale Lega PRO 1 Girone A- 11^ Giornata -
Tacco mancino di Bocalon al novantesimo e l'ennesima rimonta del Venezia fa perdere la vetta a una Pro Vercelli che non subiva gol da 572'. Pareggio di spessore ma impresa a metà per gli arancioneroverdi di Dal Canto, in svantaggio nel punteggio (per la nona volta in 11 giornate) dopo aver fallito un rigore con Cori, freddati dalla zampata dell'ex Erpen ma caparbi, peraltro in inferiorità numerica, fino a strappare con Bocalon un 1-1 che consente di conservare il 5. posto in classifica. Il tutto contro una Pro Vercelli nettamente superiore in mediana e nonostante le difficoltà lagunari, bravi in fase difensiva, meno in costruzione a rendersi davvero pericolosi. 
Venezia-Pro Vercelli 1-1 Reti: st. 31' Erpen (PV), 45' Bocalon (UV) Arbitro: Sig. Sacchi di Macerata
Classifica prime 9 posizioni V.Entella 27 Pro Vercelli 25 Savona 19 Cremonese 19 Venezia17 Vicenza 17 Como 15 Albinoleffe 14 Lumezzane 12

Idee

La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes

Grazie, vuol dire

Vuol dire che le pensioni e le indennità non aumentano, e che un disabile grave deve continuare a sopravvivere con 270 euro al mese, che le possibilità di vita indipendente e di inserimento al lavoro sono diminuite, che la realtà delle persone disabili e delle loro famiglie viene appiattita sui loro bisogni, che gli handicappati, in quanto oggetto di benevolenza e di compassione, devono essere buoni, pazienti e riconoscenti…perché richiedono l’aiuto di tutti e non hanno utilità sociale. È inaccettabile, in un Paese che ritiene di essere civile, che le persone disabili ed i loro familiari, prima di accedere al pensionamento debbano lavorare circa due anni in più per restituire tutte le giornate in cui hanno usufruito dei permessi e/o dei congedi straordinari previsti dalla Legge 104 del 1992 e successive modifiche. Questa barbarie è ancora più inaccettabile se pensiamo che da oltre trent’anni tutti i Governi che si sono succeduti, di tutti i colori politici, hanno sempre promesso ma mai…

Deliri

"Servizi sociali? Ridicoli e inaccettabili". "Il Corriere della Sera? Organo della procura di Milano". "Monti? Non aveva meriti per essere nominato senatore a vita". "Mangano? Confermo, è un eroe". E per finire… Primazia della persona dello Stato, difesa dei diritti di tutti i cittadini, economia sociale di mercato e necessità di controllare lo Stato e di mettere un limite alla sua attività”. “Per me la libertà è l’essenza dell’uomo, l’essenza del nostro cuore. Il diritto alla libertà è il primo tra tutti i diritti, il bene sommo da cui derivano tutti gli altri – sottolinea l’ex capo del governo – Viene prima dello Stato anzi è esso a giustificare la ragione dello Stato che ha compito primario garantire l’esercizio della libertà” Fonte: il Fatto Quotidiano

Presenze

Ci sono presenzeche finiscono per essere più dolorose di certi abbandoni. Jérôme Touzalin

La prostituzione del pensiero

La prostituzione del pensieroè ciò che ci deve preoccupare sul serio. E oggi ai giovani è insegnato che la vita è proiettata sulla necessità di far denaro: esisti solo se e quanto più ne possiedi. Vittorino Andreoli

Andare in bicicletta

La vita è come andare in bicicletta:se vuoi stare in equilibrio devi muoverti. Albert Einstein

La città che ancora aspetta il perdono

DALLAS - Il bus che gira per le strade di Dallas è una macchina del tempo: con un’ora ripercorre i tre giorni che nel lontano novembre del 1963 cambiarono la storia del mondo. Ma mezzo secolo non è bastato alla città, ferita ed umiliata dall’omicidio di John Fitzgerald Kennedy, per scrollarsi di dosso il senso di colpa. Ci prova oggi, a 50 anni di distanza, commemorando il presidente ucciso con un rito che ha il sapore di una catarsi collettiva, di un lavacro di fronte alla nazione e al mondo. Alle 12.30 del 22 novembre 1963, quando Lee Harvey Oswald premette il grilletto del moschetto Carcano uccidendo John Fitzgerald Kennedy, con il corso della storia cambiò anche la percezione che negli Stati Uniti e all’estero si aveva di Dallas. Da allora in poi questa fu «La città dell’odio». Quella mattina, prima di salire sulla Lincoln decappottabile per il corteo presidenziale, Kennedy e sua moglie Jackie Bouvier avevano potuto leggere sul Dallas Morning News l’inserzione a tutta pagina di un…

22 Novembre 1963

A Dallas hanno ucciso mio fratello.A Memphis hanno ucciso un altro fratello, mio e vostro. Noi siamo travolti dal dolore. Voi conoscete il mio. Io conosco il vostro. Ma non è una ragione per uccidere. Non qui. E neppure quando facciamo i guardiani del mondo”. Bob Kennedy

Si potrebbe andare tutti allo zoo comunale…vengo anch’io? No tu no!!!

Nello Zoo del PDL, mancava ancora la volpe senza coda, ed ecco Berlusconi, vestirne la pelliccia. Anche lui vuol fare credere che il PDL si sia diviso. Mentre si sono divisi solo i compiti, per poter poi colpire uniti il centro sinistra. Alfano, ha il compito di fornire alibi ai vari Casini per ritornare all'ovile. Ed una parte più barricadera , guidata da Berlusconi padre, adesso, poi dalla figlia, servirà per catalizzare l'ala più estrema. In questo modo si darà inoltre, una giustificazione plausibile ai tanti gggrillini delusi, che vogliono tornare all'ovile di destra. Infatti il Berlusconi, sta preparando il partito su misura per la figlia che, non avendo esperienza politica, non potrebbe reggere il confronto con i vecchi marpioni politicanti. Da qui l'idea del Berlusconi, di creare un partito con volti nuovi, a misura di figlia, ma aiutata dai soliti fedelissimi che lo hanno aiutato in tutti questi anni.Così il cento destra sta preparando un altro ventennio di trib…