Passa ai contenuti principali

VENEZIA, ecco l’isola del divertimento

Un'isola di 40mila metri quadri che ospitava un inceneritore, che ora è abbandonata e che entro due anni potrebbe diventare però un'isola culturale e un parco dei divertimenti. La seconda definizione dell'«Isola San Biagio» piace poco all'azienda Zamperla che ha lanciato il progetto ieri per la prima volta a Venezia all'università di Ca' Foscari ma sull'isola accanto al percorso culturale pensato per le scuole e la città (la ricostruzione dell'ambiente lagunare originario delle barene avrà al centro un tunnel trasparente che permetterà di vedere i fondali, la flora, la fauna dell'ecosistema lagunare) ci saranno anche ruote panoramiche, montagne russe e scivoli panoramici.
«Per lanciare un progetto culturale ci dev'essere anche il divertimento - spiega Alberto Zamperla - abbiamo realizzato ovunque nel mondo progetti di questo tipo, qui l'isola era inutilizzata». Verissimo. Tant'è che l'azienda ha avuto una concessione per quattro anni da parte del Magistrato alle acque e che adesso l'azienda si sta occupando di fare i carotaggi per capire il livello dell'inquinamento del terreno. Sono 80 i milioni previsti per la spesa dall'azienda, bonifica compresa.
Tre i percorsi a tema pensati per il parco: quello naturalistico dedicato alle barene, quello storico dedicato alla battaglia di Lepanto, quello culturale dedicato al Carnevale che prevede un'animazione a tema e spazi per teatro e cinema. E spazi pubblici dedicati ai veneziani, ovviamente. Per il momento il progetto, presentato a Comune e Sovrintendenza è in attesa del via libera ufficiale tramite l'iter in Consiglio Comunale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea