Decadenza del delinquente: vi chiedo: ma non ne avete i coglioni pieni di sta gentaglia???

Bondi (Pdl): “Fanno bene a trattarci così”
“Se una maggioranza comprendente il Pdl avesse imposto uno stravolgimento del regolamento parlamentare alla vigilia del voto riguardante un leader della sinistra, le piazze sarebbero in fiamme e le istituzioni sarebbero sotto assedio. E noi invece che facciamo? Ci limitiamo a delle belle dichiarazioni di facciata, più o meno sentite. Probabilmente – lo ripeto una seconda volta – fanno bene a trattarci così, perché non dimostriamo alcuna fede politica autentica e nessuna vera convinzione”.
Casson (Pd): “Con Schifani presidente su Lusi, il voto fu palese”
“In riferimento ai violenti attacchi mossi da molti esponenti del Pdl è bene chiarire che la Giunta del Senato ha semplicemente applicato il regolamento uniformandosi così al regolamento della Camera dei Deputati che per la decadenza di un parlamentare prevede già il voto palese, trattandosi di un voto a salvaguardia di un Parlamento pulito e trasparente e non di una persona. Anche la prassi del Senato (dal caso Andreotti del 1993 ai più recenti del 2012) conferma tale interpretazione”. 
Bernini (Pdl): “Impossibile continuare a sostenere Letta”. “La giunta ha partorito un mostro costituzionale contro Silvio Berlusconi”, afferma la senatrice del Pdl Anna Maria Bernini. “E’ impensabile che diamo i nostri voti per sostenere il governo di cui fa parte un partito, il Pd, che vuole decapitare il nostro leader Berlusconi”, sottolinea. “E’ una situazione di una gravità inaudita, se ne trarranno le conseguenze”.
Taverna (M5S): “Subito la conferenza dei capigruppo per fissare data del voto”. “Ogni ora chiederò al presidente del Senato Grasso di indire una capigruppo” per fissare il giorno dell’aula sulla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore. Lo dice Paola Taverna capogruppo M5S al Senato. “Lo farò ogni ora -assicura- anche a mezzanotte, sono già pronta a rimettere la sveglia per la notte”.
Schifani (Pdl): “Pagina buia”. E minaccia “conseguenze”. “Una pagina buia per le regole parlamentari”, è il commento a caldo del capogruppo Pdl in Senato Renato Schifani. “La Giunta , a maggioranza e con un voto deliberatamente politico, ha violato le regole in maniera surrettizia, con grave responsabilità dello stesso presidente del Senato, per consentire al Pd e ad altre forze di imporre ai loro senatori un voto contro il leader del centrodestra. La giornata di oggi”, conclude, non potrà non avere conseguenze. Daremo risposte concrete con il massimo della determinazione”.
Rotondi (Pdl): “Da Senato e Pd voto squadristico”
“Quelli del Pd non sono nemmeno più comunisti: il Pci mai avrebbe cambiato il regolamento per cacciare dalla politica l’avversario. Dal Senato oggi viene un atto squadristico”. 
Grillo (M5S): “Voto palese, voto 5 Stelle”. ”Voto palese, voto 5 Stelle!”. Così Beppe Grillo in un tweet commenta a caldo il via libera della Giunta del Regolamento alla proposta M5S sul voto palese per la decadenza di Silvio Berlusconi da parlamentare.
Alfano (Pdl): "La decisione di Sc e Pd di sostenere il voto palese col M5S è la violazione del principio di civiltà che regola, da decenni, il voto sulle singole persone e i loro diritti soggettivi. E ora, innanzitutto in sede parlamentare, lì dove si è consumato il sopruso, sarà battaglia per ripristinare il diritto alla democrazia".
Fonte: Il Fatto Quotidiano

Commenti