Passa ai contenuti principali

Sallusti…Garnero

Poveretti, ormai avranno le piaghe da decubito. Ogni giorno, con masochismo indomito,Alessandro Sallusti e Daniela Garnero (curiosamente detta “Santanchè”) stazionano in tivù. Occupy Rosa & Olindo, in difesa di Silvio Berlusconi. Per fortuna (sua) la decadenza dipende da Pd e Napolitano, avvocati difensori notoriamente encomiabili: se il leader Pdl dovesse sperare nella prosa del direttore del Giornale e della buffa Garnero, marcirebbe già in galera. Con tanto di chiave buttata.   
Non avendo argomenti, entrambi straparlano. Il primo, che quando vuole è persona intelligente, in cuor suo si vergogna delle tesi che espone. E infatti, come martedì a Otto e mezzo, non di rado balbetta. La seconda, analogamente a Berlusconi, ama così tanto la bugia da finire col crederci. La si è potuta ammirare, sempre più prossima a Darth Vader, lunedì a Piazza pulita; martedì a Matrix; e mercoledì a La Gabbia. Oltre a regalare la consueta esondazione di deliri allo stato brado, l’amena Garnero ha affossato l’esordio di Telese e sgonfiato Paragone. Non solo non fa (più?) ascolti, ma ormai porta pure sfiga. La precisione con cui l’ilare Garnero rifugge il vero è mirabile. Accanto ai consueti accenni a “magistratura democratica ” (yeown), “Voi difendete Ingroia” (sob) e “abbiamo vinto le elezioni” (buonanotte), Daniela suole colpire come può: cioè a casaccio.
“Padroncina” degli studi Mediaset (martedì dava lezioni a Telese), è convinta che tutti quelli che non la trovano sensuale siano omosessuali, credendo quindi a un mondo popolato unicamente da gay. Alterna trovate goffamente teatrali (“il delinquente Travaglio”), sorrisi prossimi alla paresi e castronerie titaniche. Se Sallusti azzarda che le prigioni “sono sempre state piene di grandi uomini”, e mentre lo dice gli viene da ridere (o da piangere), la simpatica Garnero no: lei ci entra davvero nella parte.
E così accusa Travaglio di essere innocentista con Sofri (certo: lo bastona da decenni). Snocciola l’epica di un mondo parallelo in cui Berlusconi ha cancellato l’Imu. Poi, con voce di Iervolino straziata da un grammofono incazzoso, giunge all’acme del delirio, magari sostenendo che “il primo agosto si è consumato un colpo di Stato”. Nientedimeno. Costretti – per inclinazione e per contratto – a difendere l’impossibile, Sallusti e Garnero distruggono ogni giorno quel che resta della loro credibilità.
Il primo ne soffre un po’, andando incontro al martirio con una sorta di rassegnazione livida. La seconda suole invece spettacolarizzare la propria immolazione. È una kamikaze sopra le righe, fiera di crogiolarsi nel ridicolo. Con un tacco 12 mal portato mena fendenti, e con l’altro lamenta la maleducazione degli interlocutori, che “a differenza di Berlusconi non rispettano le donne”.
Ma tu guarda: qualche anno fa una tipa tuonò contro B. che “vede le donne solo orizzontali”. Era la Garnero, o forse la Santanchè.
Il Fatto Quotidiano, 13 settembre 2013, di Andrea Scanzi

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea