Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia: Al Venezia piace soffrire

Venezia-Vicenza 2-1 Campionato Nazionale Lega Pro1 - Girone A - IV° Giornata
No, al Venezia di Dal Canto non piace vincere facile. Nelle prime quattro giornate di campionato ha infatti abituato i suoi tifosi ad accettare lo svantaggio sistematico come una condizione inevitabile.
In tre occasioni (escluso Salò che è finita 2-0) i lagunari sono riusciti a pareggiare: una volta inutilmente (a Chiavari con l'Entella finale 2-1), nella altre due mettendo così le basi per il successo (Lumezzane 5-3 e Vicenza 2-1). 
Insomma è votato alla sofferenza questo Venezia che si sta godendo il successo nel derby con i biancorossi che mancava da anni e che ha visto l'aggancio in classifica.
Due vittorie in quattro match, per quanto sofferte, che ripagano il team del lavoro sin qui svolto. Certo che partire sistematicamente dallo 0-1 non è certamente esaltante. 
E qui entra in scena un'altra costante di questa prima parte di stagione: i cambi. L'allenatore lagunare ne ha effettuati di perfetti in tutte e quattro le gare. Gli innesti fatti in corsa hanno infatti donato verve e concretezza al Venezia anche nell'unica partita persa senza andare in gol. 
Si può quindi dire che al Venezia piace davvero soffrire: partire in svantaggio ed essere poi costretto ad assestare la squadra in corsa. 
Una consuetudine che sinora ha consentito agli arancioneroverdi di togliersi delle soddisfazioni, di uscire senza figuracce (a Salò si è sfiorata) anche in caso di sconfitta.
Dunque tifosi arancioneroverdi in festa dopo il 2-1- al Vicenza, soprattutto gli ultras della Curva sud che hanno avuto tra loro un ospite tanto inatteso quanto gradito. Il presidente del club lagunare Yury Korablin ha seguito il primo tempo del derby nel settore degli ultras, ha applaudito la coreografia della curva, l'intensità del tifo e soprattutto quando hanno cantato "Vogliamo lo stadio nuovo" 
Un Venezia che cresce ed è un diesel che nei secondi tempi gioca spesso meglio degli avversari. Col Vicenza comunque è stato positivo anche il primo tempo. Affluenza piuttosto buona, quasi quasi, mi sa che ci converrebbe restare a Portogruaro tutto l'anno visto che si va sempre in svantaggio e poi si vince. Scherzi a parte tutti ci teniamo a tornare al Penzo, sperando che si sblocchi il nuovo stadio.

Venezia-Vicenza 2-1
Reti: 59^st. Giacomelli (VI), 72^st. Cori (VE), 81^ Bocalon (VE)
Arbitro: Sig. D'Angelo Stefano di Ascoli Piceno

Commenti

  1. Paco17:22

    Adeso no ti vien nanca più in curva ma ti va coi signori in tribuna centrale. Vecio ti si e de saltar e de cantar no ti ga più voia. Ciao beo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines