Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia: Occasione sprecata

Venezia-Giacomense 3-3 - Campionato Nazionale Lega Pro2 - Girone A - 32^ giornata -
Gli arancioneroverdi gettano alle ortiche un'ottima occasione per avvicinare la seconda piazza e forse anche la possibilità di conquistare la promozione diretta in Prima Divisione.
Lo fa nella maniera più immatura e irritante possibile, cadendo nel trabocchetto del nervosismo, perdendo lucidità, facendosi coinvolgere dal clima "rabbioso" del suo pubblico scatenato l'arbitro Guccini, dimostrandosi incapace di gestire un gol di vantaggio a meno di un quarto d'ora dalla fine. E' proprio dal termine del match con la Giacomense conclusasi 3-3 - o quasi - bisogna partire.
Dal rigore fischiato dal direttore di gara al 30' della ripresa, si era sul 3-1, per l'atterramento di Nazzani da parte di Taddei sul corner, che ha fatto gridare allo scandalo il Venezia e il suo pubblico. Detto che gli estremi per il penalty c'erano, comunque anche se ritenuto ingiusto il rigore andava accettato senza strascichi, anche ritrovando immediatamente concentrazione e compattezza. 
Ma il clima "caliente" del Penzo e l'avvicinarsi della fine della partita, hanno giocato un pessimo scherzo a un Venezia che ha mostrato i propri limiti nervosi e di maturità. 
Gli uomini di mister Sottili si sono infatti gettati a testa bassa alla ricerca disperata e disordinata di un quarto gol, il risultato era di 3-2 a quel momento, che non era indispensabile, piuttosto che serrare i ranghi e cercare di giocare la palla costruendo con calma e, soprattutto mantenendo equilibrio e misure nelle chiusure.
Il tutto in un frangente di gara condito da continui battibecchi con l'arbitro, da proteste e da atteggiamenti esageratamente sopra le righe. 
Ora, missione quasi impossibile per riaprire il discorso promozione diretta: il Venezia deve passare a Fano (in lota per la salvezza diretta) senza Godeas e Bocalon squalificati, mentre il Savona dovrebbe non vincere contro il Valle d'Aosta.

Venezia-Giacomense 3-3
Reti: pt. 15' Pandiani (GI), 21' Bocalon (UV), 39' Maracchi (UV), st. 3' Bocalon (UV), 31' (rig) e 44' Varricchio (GI)
Arbitro: Sig. Guccini di Albano Laziale
Spettatori: 1.206

Classifica a due giornate dal termine del campionato
Pro Patria 59
Savona 57
Renate 56
Venezia 53
Bassano 52
Castiglione 52
Monza 51
Alessandria 48
Forli 47
Mantova 45
Bellaria 41
Santarcangelo 40
Giacomense 40
Rimini 33
Valle d'Aosta 33
Fano Alma 31
Casale 21
Milazzo 9

Viola : promozione diretta
Azzurro : playoff 
Arancione : playout
Rosso : reterocessione in serie D 

Commenti

  1. Paco11:34

    Non sono proprio d'accordo con te per quanto riguarda il calcio di rigore concesso alla Giacomense. Ci sarà bisogno di tante moviole per capire cosa abbia visto l'arbitro. Comunque una partita buttata alle ortiche dai lagunari, oggi in versione peggiore e dove le assenze, come non mai, si son fatte sentire.
    Se tutto va per il verso giusto playoff alla portata.
    Ciao beo!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

E' l'addio

Cos'è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? È il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l'Addio. Ma intanto, ci si proietta in avanti verso una nuova, folle avventura sotto il cielo. Jack Kerouac