Passa ai contenuti principali

Telecom e la via Crucis per la adsl che non va

Chissà se questo post arriverà mai a destinazione. Se Telecom avrà il buon cuore di ripristinare il mio collegamento con la rete. Da settimane, un giorno su due, lotto per avere il collegamento Adsl per cui regolarmente pago il canone a Telecom Italia.
Ormai conosco tutte le tipologie di risposta del 187. C’è l’addetto che se la prende con il mio pc/modem/prese telefoniche/filtri e quello che invece attribuisce il mancato allineamento a un guasto in centrale. Chi mi vuole spedire un nuovo modem Tim (senza specificare che poi pagherei un abbonamento mensile) e chi dice che il cambio del modem non risolve il problema. Oggi dopo due segnalazioni di guasto con differenti risposte, ho deciso di reclamare per il continuo disservizio. Arrivare al tasto reclami è impossibile, non esiste l’opzione (l’ultima operatrice mi aveva consigliato 1 e poi 3 ma non funziona) e ci sono arrivata per caso e/o fortuna. Ne è seguita una conversazione “lunare”: essere rimborsata per il mancato servizio? Solo se il guasto non è riparato “subito” che per Telecom Italia significa entro le 48 ore (festivi esclusi). Così se rimango 24 ore senza collegamento internet e questo si ripete per tre volte in una settimana, non ho diritto a nessuno rimborso.
Devo avere alzato un po’ la voce perché dopo sono stata chiamata da un’operatrice dal tono molto professionale che ha disquisito sulla carta dei servizi aziendali e alle mie rimostranze sul collegamento a singhiozzo ha risposto che così succede con gli elettrodomestici (il telefono o il computer, quale sarà l’elettrodomestico?)
Mi ha anticipato la chiamata di un tecnico che, a dieci ore dalla conversazione, non ha ancora telefonato. Invierò il post utilizzando la chiavetta Vodafone. Sognando un’Italia in cui i consumatori utenti non siano sempre presi per i fondelli.
Il Fatto Quotidiano – Anna Jannello – 30 Novembre 2012

Personalmente lavoro nel settore e ho a che fare con utenza business (aziende-studi-scuole-ospedali-istituti bancari-comuni-comunità montane-ulss-grandi infrastrutture-energia-industria- assicurazioni-trasporti e traffico  ect.)
La situazione della rete in Italia è drammatica anche per volontà di Telecom che, non ha nessuna intenzione di investire, tanto chi glielo fa fare se poi l’utenza và alla concorrenza.
I disservizi sono all’ordine del giorno e stiamo parlando del più importante fornitore di servizi telefonici in Italia.
Se guardiamo poi alla concorrenza cadiamo dalla padella alla brace. Quest’ultimi sono purtroppo soggetti alla disponibilità di Telecom nell’erogare i servizi e anche se si danno un gran d’affare e potrebbero offrire delle funzionalità maggiori dell’ex colosso che deteneva il monopolio ma che lo detiene tutt’ora, vengono fermati dall’impossibilità di avere una rete come si deve da parte di chi, di questa rete è proprietario e realizzatore.
Per non parlare poi del servizio 191. Nel momento in cui ti metti a chiamarli devi avere la fortuna che non ti rispondano dopo cinque minuti e, quando ti rispondono, non sanno neanche di cosa stai parlando ma, hanno la pretesa di saperlo.
Comunque di cosa dobbiamo lamentarci cara sig.ra Anna. Viviamo in Italia e pretendere di più non è possibile.
Errebi

Commenti

  1. ti capisco benissimo, visto che ho avuto gli stessi problemi.
    dopo tante lamentele, sono venuti i tecnici a controllarmi in casa. dopo due volte in cui non sono riusciti a risolvere il problema, adesso alla terza che mi hanno cambiato tutti i cavi di collegamento nel condominio e in casa, forse è la volta buona. forse, però, starò a vedere se la adsl regge anche nei prossimi giorni...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines