Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia: Pareggio al Penzo

Venezia-Casale 1-1- Campionato Nazionale Lega Pro2 - 4 Giornata - Girone A
Il Penzo è diventato "tabù" dopo appena due gare. Nemmeno contro il Casale il Venezia è riuscito infatti ad arrivare al successo, costretto ad accontentarsi di un pareggio che è pur sempre meglio del ko di due settimane prima con il Castiglione.
Un punto che addolcisce appena una situazione che appare davvero difficile in casa lagunare, con un team, che è si in ritardo di preparazione e di amalgama, ma che scricchiola particolarmente sulla linea di mediana e non risulta affatto concreto in avanti.
Quindici-venti minuti di buon gioco ad inizio partita. Con supremazia, gol e occasioni mancate, poi il Venezia si spegne o quasi. Rallenta il gioco, non trova più spinta, è mancata la gamba e la generosità. 
Quello che più preoccupa è la poca consistenza del centrocampo che oltre a non filtrare adeguatamente le ripartenze ospiti, non ha le idee nè la forza per proporre qualcosa di costruttivo. 
Manca la condizione, difettano le idee, non c'è la giusta cattiveria in avanti: i mali del Venezia sembrano essere tantissimi, comprese una vitalità limitata e un'assenza di capacità di reazione che inevitabilmente preoccupa. 
Se è vero che al tecnico Zanin i giocatori sono stati messi a disposizione decisamente in ritardo e quindi può risultare credibile la versione della condizione atletica ancora da trovare, risulta difficile comprendere invece perchè questo team non affronti il campo con un piglio ben più determinato: dopo il flop della prima casalinga tutti si attendevano una reazione della squadra ben più marcata - e così era stata preannunciata dagli stessi protagonisti - che non si è nemmeno lontanamente intravista.
I mali, insomma, non stanno forse solamente nelle gambe ancora "dure" dei giocatori o nei loro polmoni non ancora abbastanza allenati. 
Al tecnico Zanin il compito di riportare quella serenità che lui sostiene esserci nello spogliatoio lagunare, ma che in partita sembra non trasparire per niente.

Venezia-Casale 1-1
Reti: 6^pt. Maracchi (UV) - 34^pt. Curcio (CS)
Arbitro Sig.: Luca Albertini di Ascoli Piceno

Commenti

  1. Paco14:03

    Quanta delusione. La squadra non convince, gioca solo a sprazzi, vive sulle folate finchè c'è birra e poi si accontenta di spazzare via pallonacci.

    RispondiElimina
  2. Teston16:59

    E tutti i nodi vengono al pettine dall'assurda estate passata senza costruire la squadra, e quando è stata costruita si è visto solo il fiorire di speranze e belle intenzioni. Nulla più.

    RispondiElimina
  3. Barbara17:16

    Continuando di questo passo l'anonimato è garantito.

    RispondiElimina
  4. dalla curva sud09:14

    Un Venezia che comincia lancia in resta come se volesse demolire un castello...non un semplice casale.Getta al vento una quantità incredibile di palle gol poi, rischia e si fa rimontare

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines