Passa ai contenuti principali

Buonanotte #22


Ma se ci stessimo raccontando da millenni una balla colossale? Pensaci bene: come mai tutti, uomini e donne, siamo più attraenti quando siamo più duri? Non dipenderà dal fatto che siamo meno coinvolti? E’ un gioco di potere. L’altro avverte di non possedere fino in fondo la nostra anima e si sente sfidato ad afferrarla. Non è tanto la conquista a eccitarlo, quanto la difficoltà. Così come sarà il nostro comportamento umorale e persino brutale che lo costringerà a non rilassarsi durante il rapporto, mantenendo elevato il tasso di adrenalina tipico delle «cotte».
Non ti sfuggirà che si tratta di sensazioni malate, ma se il mondo degli amanti fosse abitato dai sani ci troveremmo ancora nel Paradiso Terrestre. Il che, notoriamente, non è. Se «ami» chi ti tratta male e tratti male chi ti «ama», significa che preferisci rifugiarti nella nevrosi. La peggiore di tutte consiste nel disprezzare te stesso. Abbiamo una tale ansia di acchiappare l’amore altrui che non ci fermiamo mai a pensare se NOI ci stiamo volendo abbastanza bene: almeno la metà di quanto pretendiamo che ce ne vogliano gli altri. Persino se vuoi diventare diverso, devi prima accettarti per quello che sei. Infatti «se non ti piaci, vedrai… non cambierai», come teorizza uno dei miei filosofi di riferimento: Vasco Rossi.
Massimo Gramellini – Cuori allo specchio - 

Commenti

  1. vero vero in genere siamo attratti dal difficile, dall'impossibile, inarrivabile...che sia una malcelata forma di training autogeno che alimenta la ns stima?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines