Passa ai contenuti principali

Il pennino (2^ parte)

...O magari si trattava soltanto di pezzetti di carta che, inseriti nel calamaio così da intingersi di inchiostro per poi essere allegramente lanciati contro un altro compagno, erano sfuggiti dalle mani bambine e li dentro avevano trovato la morte e la putrefazione. E non bastavano i pennini più sofisticati per evitare tale scempio (da cui erano misteriosamente esenti gli alunni più bravi). 
I pennini, pensati forse per i compiti più ardui e ornati di bella calligrafia, avevano forme le più strane e nomi i più immaginifici. C'era il "gobbino", piccolo e maneggevole, nervoso, atto a bella scrittura se saputo manovrare con decisione; c'era la "torre", un qualcosa che poteva vagamente ricordare la Torre Eiffel, forse pronto per imprese barocche; c'era la "manina", foggiato a mano chiusa con l'indice sfrontamente puntato, in tempi in cui non solo non si usava, ma anche dai più si ignorava il significato di levare il medio. E quanti altri ve n'erano, ma è inutile qui continuare con nomi e fogge, tipi e modelli, perchè ciascuno avrà avuto i suoi, di nomi, differenti da scuola a scuola, da città a città.
Forse in qualche oscura fabbrica (probabilmente tedesca), un trust di ingegneri aveva dato  un nome ufficiale a un pennino appena progettato, anzi, più che un nome una sigla o un criptico acrostico, che so, K740, o SBUFF, ma poi il pennino era andato libero per il mondo assumendo la veste e il nome che la cosmogonia popolare e bambina gli avevano affibiato.
Poi, il passaggio dalle elementari alle medie fu un salto di grado e di ambiente sociale. Non più i banchi monumentali in legno, ma agili banchetti di metallo col ripiano di plastica (formica?) verdolina e sediette singole. Non c'era più il calamaio in vetro, e tutti fummo muniti di penna stilografica, il più delle volte tirata fuori da oscuri recessi dove siffatto classico dono della prima comunione, assieme all'orologio, era stato riposto ("Te la daremo quando sarai più grande, adesso la romperesti subito") in attesa di una più severa coscienza di se stessi e di raggiunta maturità.
Erano terminati i riti precedenti di scrittura: scegliere il nuovo pennino, umettarlo con le labbra, infilarlo nella cannetta, tuffarlo nel calamaio (sia quello scolastico che casalingo, a volte riempito di audace inchiostro blu); già al terrificante esame d'ammissione, per il passaggio dalle elementari alle medie, ci presentammo tutti dotati di regolare penna stilografica, che fu regina nelle agghiaccianti prove dei compiti in classe di latino, matematica, lingua straniera  per tutte e tre le medie. 
In italiano me la cavavo - voglio dire, sempre con la stilografica - , ma erano compiti meno spaventevoli. 
A metà degli anni quaranta, però, era apparsa un'altra protagonista dello scrivere.  Un ingegnere ungherese, tale Laszlo Birò, aveva notato come e qualmente una pallina, credo da tennis, rotolando prima nel fango e poi scorrendo su una superficie liscia, vi lasciasse un segno. Da quella osservazione, prova e riprova, soprattutto con vari tipi di inchiostro, era nata la penna biro, divulgata dalla ditta francese Bic. Che no fu subito accettata nel mondo scolastico ma subì una strana interdizione, e fu solo quando arrivai alle superiori che il frutto dell'inventore ungherese divenne di uso comune. 
Col grande vantaggio che, togliendo momentaneamente il refill e il tappino in fondo, l'astuccetto di plastica si trasformava in una comoda piccola cerbottana atta a sparare palline di carta masticata sulle innocenti compagne di classe, non potendo dati i tempi, molestarle in altri modi che avremmo voluto e desiderato.
Ora, in epoca di e-mail e sms, i pochi che scrivono ancora lo fanno col computer o col telefonino. Solo qualche anziano aristocratico o giovane fighetto usa la stilografica.
In ogni casa ci sono circa dieci biro, di cui solo due funzionanti, e male. A volte si volatilizzano, è fenomeno fisico accertato che una biro, lasciata incustodita anche solo per alcuni secondi, sparisca e non si trovi più.
Si usano comunque per firmare la ricevuta di un pacco postale o per fare la lista della spesa. A volte, pescandola da una capace borsetta femminile, per scrivere le sempre più rare cartoline che si inviano in occasione di un viaggio, con calligrafie incerte e firme quasi sempre illeggibili.
E il pennino, il glorioso pennino, è diventato materia da collezionisti.
Francesco Guccini 

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines