Passa ai contenuti principali

Dopo la beffa...il danno

Poche parole per esprimere il nostro più grande disappunto. Non bastano e non servono certamente a far sbollire la nostra rabbia ma, purtroppo, ci accorgiamo ogni giorno di più in che razza di "paese" siamo costretti a vivere. Un "paese" dove solamente la nazionale di calcio, qualche volta se naturalmente le cose vanno bene, ci fà sentire italiani. Cittadini di serie B. Lo siamo diventati quattro anni fà dopo l'incidente di nostro figlio. Non è mia intenzione dilungarmi troppo la storia la conoscete già. Telegrafico e conciso :
  • L'istituto Rittmeyer di Trieste "specializzato" nella riabilitazione per non vedenti, come mio figlio, non più tardi di un mese fà, ci aveva confermato, telefonicamente, la conferma di nostro figlio anche per l'anno scolastico a divenire. Sempre comunque con la presenza di un educatore personale aggiuntivo a nostre spese ;
  • Ci siamo mossi per reperire la cifra necessaria e eravamo ormai agli ultimi dettagli ;
  • Ieri, 25 Giugno 2012, la notizia che nostro figlio non tornerà, almeno prossimamente per continuare il percorso riabilitativo ;
  • Ultimo "pacco regalo" della nostra ulss e dei suoi "magnifici" responsabili che non hanno le risorse aggiuntive oltre a quelle che di nostra tasca nostra sborsavamo, per poter coprire la retta dell'Istituto 
  • Il tutto mascherato dalla incapacità di nostro figlio di stare con il gruppo. Incapacità che non è stata risolta dal pool di professionisti dell'Istituto
Qualcuno direbbe: "Non ci resta che piangere". Ma non sarà così. Ora devono rispettare quello che di alternativo hanno promesso. Da oggi sarà un assedio continuo e ripetuto finchè non avremo la certezza del risultato. 
Mi vergogno profondamente per loro. Mi vergogno della loro incapacità. Mi vergogno della loro negligenza, mi vergogno del loro NULLA.  

Commenti

  1. e il sito di questo "istituto" per mandare una caterva di insulti??? tienici informati...

    RispondiElimina
  2. E' semplice trovarlo. Entrare in google, digitare istituto rittmeyer trieste e si trovano tutti i riferimenti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

E' l'addio

Cos'è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? È il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l'Addio. Ma intanto, ci si proietta in avanti verso una nuova, folle avventura sotto il cielo. Jack Kerouac