Là dove non c'è niente

La fame sono io. Per fame, intendo quel buco spaventoso di tutto l'essere, quel vuoto che attanaglia, quell'aspirazione non tanto all'autopica pienezza quanto alla semplice realtà: la dove  non c'è niente, imploro che vi sia qualcosa.
Amèlie Nothomb

Commenti