Fbc Unione Venezia: Goleada, Venezia in Lega Pro

Venezia - ISM Gradisca 5-2 Campionato Nazionale Serie D Girone C -33^ Giornata -
Non è proprio un boato ma è comunque una festa grande. Un traguardo voluto, sfiorato, quasi sfuggito, ripreso e finalmente raggiunto. Il Venezia travolge l'Itala San Marco e vola in Seconda Divisione, in attesa di conoscere quale sarà la formula della prossima stagione della Lega Pro. Già perchè potrebbe anche trasformarsi in una categoria unica, anche se allo stato attuale pare abbastanza difficile. Vince al Penzo davanti a pochi intimi, ma molto molto calorosi, e si gode il crollo del Delta a Castelfranco: novanta minuti prima della fine è già promozione, è già festa. L'ultima volta che a Sant'Elena si è lasciato il campionato dilettanti per approdare tra i professionisti al timone era appena salito Luciano Mazzucato, scomparso poco tempo fa, e si trattava del Venezia pre-fusione. Ieri la promozione ha invece nuovamente unito le due città, come ben recitava uno striscione che ricordava come questa accoppiata duri ormai da un quarto di secolo. Era un anno, ieri, che mancavo allo stadio, da quel maledetto derby pareggiato con il Treviso dello scorso campionato che aveva sancito la fine delle speranze per il ritorno in lega pro. Ricordi e ancora ricordi. I più freschi parlando di una squadra che aveva già "vinto" il campionato con undici punti di vantaggio sulla seconda. Ma poi è andata in ferie e s'è fatta riprendere dal Delta giusto a Pasqua. Quelli ancora lontani del 1956 quando si iniziò a parlare della realizzazione del nuovo stadio che tra mille promesse, cento progetti, dieci localizzazioni non è ancora stato realizzato. Quelli recentissimi della sfuriata dell'allenatore Favarin che ha rotto le "uova" ai suoi giocatori al punto di cavare quell'orgoglio che sino ad allora era sopito. Dalla figuraccia di San Bonifacio (pari con il modesto Sarego) al tris di successi che hanno sancito la promozione e hanno messo finalmente la parola fine alla presenza del Venezia tra i dilettanti. Passerà alla storia anche questa. Non per un calcio da favola, ma sicuramente per un calcio ed una categoria che non appartiene alla città di Venezia, alla squadra, ai tifosi. Il Venezia è promosso, se ne va da questa infernale serie D e ritorna nel pianeta professionistico. E' quì la festa, comunque. "Scusa, ma il Delta cosa sta facendo?" E lo speaker dello stadio che prima annuncia il pari e poi uno dopo l'altro i gol sul groppone dei polesani. e allora la festa comincia prima del fischio finale, la gioia diventa come un'onda pronta a travolgere le linee di bordo-campo e inondare il terreno tornato verde. Abbracci, qualche lacrima, e mi rivedo tanti tanti anni fa in tribuna centrale assieme a papà Luciano mentre sul campo correvano le maglie neroverdi, felicità. Ci sono i bambini con i papà, e questo è un bel segno, almeno stavolta sono felici tutti, e tutti grazie a questa squadra che negli ultimi mesi ha fatto applaudire e imprecare, sognare e temere il peggio. Fino al boato del fischio finale. 

Venezia - ISM Gradisca 5-2
Reti: p.t. 3^ Essoussi (UV), 12ì Lauria (UV), 23^ Lauria (UV), 37^Oliveira, 44^ Silvestri (UV), s.t. 2^ Zanoletti (ISM), 37^ Piscopo (ISM)
Arbitro: Sig. Federico Dionisi di l'Aquila

Classifica
Venezia 70
Delta Porto Tolle 64
Legnago 62
Montebelluna 55
Pordenone 48
Sacilese 47
Belluno 45
Mezzocorona 45
SandonàJesolo 45
Giorgione 44
Tamai 44
Union Quinto 44
St. Giorgen 39
Montecchio 34
MM Sarego 32
Sanvitese 32
Città di Concordia 29
I.S.M. Gradisca 18 

promosso il Lega Pro
playoff manca la quarta squadra tra Pordenone-Sacilese-Belluno-Mezzocorona-SandonàJesolo
playout
retrocesse in eccellenza

Commenti

  1. Teston13:51

    Gera ora che ti tornassi. Gheo gavevo dito ai fioi "Vedarè a sta partia nol mancarà de certo" E cussì se sta. Si torna dove ci aspetta di essere. FORZA VENEZIA

    RispondiElimina
  2. Barbara / Paolo13:52

    Sarebbe stato banale vincere facile, ci siamo complicati la vita ma alla fine questa promozione è meritata e liberatoria. FORZA RAGAZZI!!!

    RispondiElimina
  3. Paco14:01

    cI SONO VOLUTI TRE ANNI MA ALLA FINE, FINALMENTE, CI SIAMO LASCIATI ALLE SPALLE QUESTA SERIE D CHE CON VENEZIA NON AVRA' MAI NIENTE CHE A VEDERE. UN URLO SEMPRE E COMUNQUE: FORZA RAGAZZI

    RispondiElimina
  4. Omar14:13

    Madona fio mio quanto ti ga spetà per il post. Semo tornai in C, pensavo tra mi e mi, e Rena no posta niente? E invese ecote quà, un pò in ritardo ma ecote quà. Tre anni è vero. Ma in questi tre anni siamo stati sempre lì a lottare per la vetta, ma nei primi due qualcosa ci aveva sempre bloccato. Quest'anno ce la abbiamo fatta...ora verso le categorie che ci competono. Ciao beo

    RispondiElimina
  5. dalla curva sud14:45

    PROMOZIONE RAGGIUNTA...FINE DI UN INCUBO

    RispondiElimina
  6. Bisteca14:58

    E ora la parola passa al presidente Korablin. Con questa promozione la compagine russa ha avviato concretamente il rilancio calcistico del Venezia, iniziando a mantenere ciò che aveva promesso fin dal giorno del suo arrivo in città. Adesso aspettiamo anche il Comune. Io dedico questa vittoria al compianto Enrico Rigoni perchè fu lui nell'estate 2009 a sostenere generosamente la neonata Fbc Unione Venezia. Ora avanti incominciamo la risalita.

    RispondiElimina
  7. Ansoo15:04

    Mi sembra di essere uscito dall'inferno. Basta partite giocate nei campi di periferia, ora torniamo nel calcio che conta. Faccio i complimenti alla squadra e mi auguro che a questa promozione ne possano seguire delle altre come annunciato dalla società.

    RispondiElimina
  8. danilo15:14

    Finalmente al terzo tentativo abbiamo raggiunto questo importante traguardo

    RispondiElimina
  9. Pippo16:24

    E' la fine di un incubo finalmente torniamo nel calcio professionistico, dov'è giusto che giochi una squadra storica come il Venezia.

    RispondiElimina
  10. Caio16:57

    Finalmente gli sforzi della squadra e della società sono stati coronati e possiamo lasciare la serie D. Speriamo che questo sia il trampolino di lancio per tornare nel calcio ancora piu' importante.

    RispondiElimina
  11. Andrea17:10

    Da + 11 alla paura...e poi il TRIONFO

    RispondiElimina
  12. cesare18:16

    Vincere non è mai facile e farlo a Venezia è ancora più difficile. Tuto ben ala fine. Andiamo avanti che ci si divertirà ancora.

    RispondiElimina
  13. Antonio19:42

    Vecchio canto di gioia...serie C, serie C, ce ne andiamo ce ne andiamo in serie C.

    RispondiElimina
  14. Anonimo06:08

    e ora cuore e entusiasmo per la scalata in serie A. dove e' giusto che il venezia stia.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai