Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia : KO casalingo con la terzultima in classifica

Venezia-Montecchio 2-3 Campionato Nazionale Serie D Girone C - 22^Giornata-
Giornata nera ! No...nerissima !!! Si può fare qualcosa ? SI...giocare meglio...UNA PAROLA...
Imputata principale la debolezza e le incertezze del reparto arretrato. Mi chiedo se c'è qualcuno o qualcosa capace di realizzare quel bilanciamento che finora si è visto molto poco ? Certo si segnano caterve di gol ma alla fine cosa servono se poi le partite si perdono ? Da ora in poi le avversarie non saranno più le ultime della classe che, inaspettatamente, hanno fatto molto soffrire gli arancioneroverdi. Come andranno a finire ora le cose affrontando le migliori del torneo ?

Venezia-Montecchio 2-3
Reti: pt. 4^ Zubin (UV) pt. 22^ Peron (MM), st. 7^ Oliveira (UV), st. 30^ Onyejiaka (MM), st. 34^ De Cao (MM)
Arbitro: Sig. Tommaso Diomaiuta di Albano Laziale

Classifica prime cinque posizioni
Venezia 48
Delta Porto Tolle 40
Legnago 40
Montebelluna 37
Tamai 35

Delta e Legnago una partita in meno

Commenti

  1. Paco12:21

    Non ci resta che piangere...

    RispondiElimina
  2. Teston12:39

    Oltre alle carenze difensive aggiungerei il problema dei portieri che, potenzialmente forti, forse scontano troppo l'inesperienza della loro giovanissima età.

    RispondiElimina
  3. Barbara13:56

    Fioi l'ultimo periodo gavemo fatto un percorso da playout altro che ritorno tra i professionisti...speremo ben senò nisun ne cavo el quarto ano de serie D.

    RispondiElimina
  4. Bisteca14:11

    Perchè si è sostituito mister Sassarini? L'arrivo del nuovo allenatore non ha modificato il trend negativo dell'ultimo periodo. Vuoi vedere che il tanto osannato Cinquini, il nostro DG, ha sbagliato assemblaggio della squadra? Chissa, chi lo sa di certo si vedrà...

    RispondiElimina
  5. dalla curva Sud14:16

    Gli ultimi due mesi di campionato, 7 partite giocate, ci hanno regalato 2 vittorie - 4 pareggi e una sconfitta. I limiti della difesa arancioneroverde sono da cineteca degli orrori (vedi il terzo gol del Montecchio). In questo momento l'importante è recuperare serenità e non pretendere la luna che, a questa squadra, non si può certamente chiedere

    RispondiElimina
  6. Omar17:13

    Io direi di non preoccuparsi troppo. Pensiamo a come andavano le cose quando gli arancioneroverdi volavano in classifica. Gruppo di esaltanti solisti, raramente gioco di squadra.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea