Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia : Derby con polemica

Venezia-SandonàJesolo 1-1 Campionato Nazionale Serie D Girone C - 24^ Giornata -
Venezia e SandonàJesolo pareggiano un derby contrassegnato ancora una volta da qualche polemica per il rigore concesso ai lagunari. Per sgombrare il campo da dubbi c'è da chiarire che gli estremi del penalty ci sono tutti anche se probabilmente pochi hanno dato peso al fallo in gioco pericoloso di Malacarne (SDJ) su Grifoni (UV) che ha girato di testa sul fondo da centro aerea (calcione alla gola) poichè l'azione è stata rapidissima ai più è parsa, quindi inattesa e strana questa concessione. Detto questo bisogna sottolineare che il derby del Penzo è stato gradevole, giocato con agonismo e determinazione da entrambe le squadre. Per 80' la squadra lagunare ha attaccato nell'altrui metà campo, prima del loro gol avrebbe potuto essere sul 2-3 a zero. Le dirette inseguitrici , Delta Porto Tolle e Legnago, dopo aver vinto i loro rispettivi recuperi, si complicano la vita pareggiando in casa, il Delta, con il fanalino di coda Gradisca per 2-2 dopo essere stata in svantaggio addirittura per 0-2 e, il Legnago, perdendo in casa contro il Montebelluna per 0-1. Alla luce di ciò gli arancioneroverdi mantengono i cinque punti di vantaggio sul Delta e portano addirittura a 6 i punti dal Legnago.


Venezia-SandonàJesolo 1-1
Arbitro: Sig. Lacagnina di Caltanissetta
Reti: pt.30' Gattoni (SDJ), st.29' Zubin (UV) rig.

Classifica prime cinque posizioni
Venezia 52
Delta Porto Tolle 47
Legnago 46 
Montebelluna 43
Mezzocorona 36

Commenti

  1. Barbara e Paolo09:48

    Un pari così incredibilmente sofferto nonostante un'impressionante serie di tiri e di zioni da gol fà classifica...
    Ciao fio

    RispondiElimina
  2. Teston10:22

    Una partita divertente, fatta di infinite occasioni e opportunità, che avrebbe potuto finire con qualsiasi risultato, anche se quando il SandonàJesolo ha segnato gli arancioneroverdi venivano da una serie impressionante di gol falliti, o meglio, evitati dal portiere biancoceleste.
    Saluti

    RispondiElimina
  3. Paco11:41

    Una partita sofferta anche perchè alla produzione industriale di azioni lagunari ha fatto seguito un paio di contropiedi velenosissimi degli ospiti che un grande Amadori ha sventato da campione

    RispondiElimina
  4. dalla curva Sud12:16

    Bel calcio, anche se qualche errore, dati i ritmi, poteva considerarsi inevitabile. Qualche volta anche nelle serie minori si può apprezzare una bella palla rotonda

    RispondiElimina
  5. Peter13:57

    Il Delta rischia di perdere in casa (pareggia al fotofinish)e il Legnago perde tra le mura amiche. Il Venezia guadagna un punto su quest'ultimi e non perde nulla sui polesani. DAIEE CHE N'DEMO

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea