Passa ai contenuti principali

Come si riconoscono i falsi poveri da quelli veri? Quelli veri pagano le tasse!!!

Ormai lo sappiamo per certo…l’Italia è un paese poverissimo, dove i cittadini lavorano per il gusto di farlo e non per portare a casa un qualche guadagno. Lo dice chiaramente il dettagliato elenco sui redditi medi dei lavoratori autonomi che il Dipartimento delle Finanze del ministero dell’Economia ha messo in rete ieri. Una Italia dove dietro l’elite di notai, farmacisti e medici, vive una plebe cenciosa di tassisti, orafi, sarti, costruttori di barche, ristoranti, negozianti di scarpe, pellicciai, gestori di stabilimenti termali e balneari, albergatori e baristi, che NON RIESCONO AD ARRIVARE A FINE MESE.
Le agenzie di rating hanno pienamente ragione siamo un paese inaffidabile, disgraziato e bizzarro, dove un negoziante di scarpe, abbigliamento, pelletterie e accessori dichiara un reddito medio di 7.700 euro l’anno (641 euro al mese) ampiamente sotto la soglia di povertà (indicata dall’Istat in mille euro al mese). E’ un paese povero il nostro.
Sono poveri i parrucchieri (11.900 euro all’anno).
Sono poveri i baristi (15.800 euro all’anno). Sono poveri gli orafi (12.300 euro l’anno).
Sono poveri i gestori di stabilimenti balneari (13.600 euro l’anno), le profumerie (11.400 euro l’anno), i cartolai (10.800 euro l’anno), le agenzie di viaggio 11.300 euro l’anno).
Non parliamo poi del settore dei tassisti, che il governo si è messo in testa di liberalizzare, un settore già ridotto alla fame…14.200 euro l’anno, meno di un operaio. Una miseria.
Ah dimenticavo gli ultimi, i titolari di discoteche…NON GUADAGNANO…PERDONO 4.700 EURO L’ANNO!!!
Certo sarà sicuramente la crisi di questi anni ma INEQUIVOCABILMENTE anche un marcato tasso di furbizia e mancanza di controllo tutta italiana.
FONTE: Il Fatto Quotidiano 17-01-2012

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines