Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia : Il Venezia si è concesso una giornata di ferie

Venezia-Mezzocorona 0-3 Campionato Nazionale Serie D Girone C
- 15^ Giornata -
Il Venezia fà il ponte e si dimentica di "scendere in campo" oggi con il Mezzocorona che lo schiaffeggia con 3 sberle, due in chiusura di primo tempo e la terza appena iniziata la ripresa. Per i primi 30' del primo tempo si è vista solo una squadra, il Mezzocorona che sembrava per l'appunto una squadra di marziani. Tutta una partita e il Venezia non è stato in grado di fare neanche una azione da gol. Da quando gli arancioneroverdi sono scesi in Serie D mai, al Penzo, è successo di subire una sconfitta per 0-3. L'ultima risaliva al campionato di Serie C2 2005-06 contro il Pergocrema con l'arrivo poi di Nello Di Costanzo e la promozione in serie C1. Che dire se non che è stata la giornata più buia da quando i lagunari sono in serie D. Comunque non succede nulla di irreparabile anche il Delta Porto Tolle incappa nella sconfitta a Legnago e il distacco rimane invariato (11 punti). Resta da prendere in considerazione che i campionati si vincono non mollando mai la concentrazione e l'attenzione, Sassarini dovrà far recuperare morale ad una squadra totalmente demolita.

Venezia-Mezzocorona 0-3
Reti: 32' pt Ghidini (MZ), 40' pt Fischnaller (MZ), 1' st Mele (MZ)
Arbitro: Sig. Diruberto

Classifica prime cinque posizioni
Unione Venezia 38
Delta Porto Tolle 27
Legnago 26
Tamai 25
Union Quinto 23

Commenti

  1. Teston21:11

    Fioi che bota. Ea squadra no ghe gera proprio. Forse come ti ga scritto ti i gera proprio in ponte. Domenega col Gradisca se deve tornar a vincer.

    RispondiElimina
  2. Barbara21:14

    Senza testa si perde. Dobbiamo far tesoro di questa sconfitta che ci serve a capire,se ancora ce n'era bisogno, che la determinazione è fondamentale per qualsiasi squadra.

    RispondiElimina
  3. Bisteca21:17

    Una sconfitta inaspettata. Il Mezzocorona si è presentato al Penzo con 4 pedine fuori e con un fuori quota in più. Mah, oggi abbiamo certamente fatto un passo indietro.

    RispondiElimina
  4. Paco21:21

    Mi penso veramente che oggi se poteva sogar 3 ore ma no gavaresimo mai segnà. Comunque goto mezo pien ma sempre + 11 dal Delta co una partia in meno. Soto adeso col Gradisca.
    Ciao beo

    RispondiElimina
  5. Omar17:28

    Dai fioi prendiamola come una semplice vacanza. Si si è perso 0-3 in casa ma in fondo cosa è successo. Non è cambiato nulla. Ci rifaremo con il Gradisca domenica prossima. Saluti

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea