Passa ai contenuti principali

Dal libro "La paura è emoziona tremenda, mentre muta"

Avete presente i fermo-immagine? La cosa che mi ha sempre fatto sorridere è che invece tremano un po' e sono sfocati, così io ho sempre pensato che siano i personaggi che si divincolano all'interno perché si sentono incastrati. Dovrebbero chiamarsi fermo-tempo non fermo-immagine, per essere precisi. In ogni caso conosco moltissima gente che vive in questi fermo-immagine/tempo, mentre fuori c'è mondo da respirare e vita da inventare...
Elisa Favrin

Commenti

  1. A volte la vita ed il fiato li troviamo proprio lì, in quei fermo-tempo che incontriamo o che ci andiamo a cercare.....
    L'importante è non sostare troppo, ma andare oltre:)
    Buone feste!

    RispondiElimina
  2. Il rinnovarsi. Questo è il DIFFICILE cara luly. Si stà in quel fermo-tempo perchè è una questione di comodo, perchè è meglio che mettersi in gioco. Anch'io ho passato tale periodo e ne sto pagando ancora le conseguenze. Ciao e buone feste anche a te.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines