Tratto da - Il deserto dei Tartari -

Forse tutto è così, crediamo che attorno a noi ci siano creature simili a noi e invece c'è il gelo, pietre che parlano una lingua straniera, stiamo per salutare l'amico, ma il braccio ricade inerte, il sorriso si spegne, perché ci accorgiamo di essere completamente soli.
Dino Buzzati

Commenti

  1. mi sovviene un racconto di Cechov, dove alla fine il vecchio che vuole parlare della morte di suo figlio, vista la indifferenza degli uomini, si rivolge al cavallo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai