Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia : Allungo fallito

Venezia-Legnago Salus 1-1 Campionato Nazionale Serie D Girone C - 9^ Giornata -
Fallita l'opportunità di allungare sul Delta (costretto al pari a Sacile) per un Venezia che non brilla, subisce l'aggressività del Legnago e la sua realizzazione e reagisce bene nella seconda parte di gara grazie agli innesti effettuati da Mr. Sassarini che danno vitalità al gioco, attivando uno scatenato Zubin, protagonista a tutto campo, per il gol del pareggio. Sta stretto al Venezia questo pari? No, è il risultato più giusto che possa arrivare al termine di un match che ha visto entrambe le squadre impegnarsi per il successo, arrivando alle realizzazioni, ma anche a tante opportunità da rete. Io dico che abbiamo guadagnato un punto e non che ne abbiamo persi due in primis perchè si aveva davanti una squadra importante costruita per vincere il campionato. Il bicchiere è senz'altro mezzo pieno perchè il campionato è ancora molto lungo, per questo un pareggio in uno scontro diretto non va buttato, a maggior ragione considerato che siamo rimasti in vetta. Il loro gol? Che dire sono tiri particolari su palla da fermo e da grandissima distanza, traiettorie difficili, per giunta il pallone ha rimbalzato in maniera determinante, penso che fosse stato difficile per il nostro portiere fare di più. Poi quel palo di Ciaramitaro, 6 minuti dopo il gol del pareggio di Zubin, aveva quasi fatto gridare al gol del sorpasso ed invece continua la marcia appaiata con il Delta ed il Tamai che incalza a due punti: domenica trasferata a Castelfranco Veneto contro il Giorgione.

Venezia-Legnago Salus 1-1
Arbitro: Sig. De Lorenzo di Brindisi
Reti: pt. 37^ Segato (LS), st. 12^ Zubin (UV)

Classifica prime cinque posizioni
Unione Venezia 23
Delta Porto Tolle 23
Tamai 21
Legnago Salus 14
Mezzocorona 14

Commenti

  1. Teston08:40

    Male, molto male il primo tempo. Difesa sempre in imbarazzo, centrocampo senza genio e senza la necessaria forza fisica e poi l'attacco non poteva che essere conseguente vittima delle difficoltà sopra citate.

    RispondiElimina
  2. Paco10:28

    Siamo stati bravi a reagire è un punto guadagnato.

    RispondiElimina
  3. Peter12:16

    Alla squadra è mancato qulcosa. Forse un pò di cinismo perchè in fin dei conti hanno giocato e creato. Dispiace perchè si poteva vincere

    RispondiElimina
  4. Barbara e Paolo13:59

    Come giocare male un tempo. Riprendere un pò di fisionomia nella ripresa. Rimontare dopo una lunga sfuriata. Dagli arancioneroverdi è lecito attendersi qualcosa di più. Ciao,ciao

    RispondiElimina
  5. Bisteca15:19

    Meditate gente...meditate. Partite così gli anni scorsi non si vincevano ma nemmeno si pareggiavano...SI PERDEVANO. Meditate gente...meditate!!!

    RispondiElimina
  6. dalla curva Sud16:58

    La voglia di reagire, che pur ci ha tolto un pochino di ordine, è uscita allo scoperto quando serviva e ha dato i suoi frutti. Negli scontri diretti la cosa fondamentale è non perdere, quindi, va bene così.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea