Guido, io vorrei che tu e Lapo ed io
fossimo presi per magia
e messi su una navicella, che ad ogni soffio di vento
andasse per mare secondo il vostro e mio desiderio;
sicché tempesta o altro cattivo tempo
non ci potesse causare ostacoli,
anzi, vivendo accomunati dalla stessa volontà,
crescesse il desiderio di stare insieme.
E il valente mago (Merlino) ponesse con noi
poi la signora Vanna e la signora Lagia
insieme con quella che è tra le trenta donne più belle (di Firenze)
e qui parlassimo sempre d'amore,
e ognuna di loro fosse contenta,
così come io credo che saremmo noi.
Dante Alighieri

Commenti

  1. Questa parafrasi del sonetto di Dante è stupenda, anche se naturalmente l'originale ha ben altra struttura e significato.
    Originale come idea.

    RispondiElimina
  2. ...tornasse al mondo l'alighieri nazionale.....

    RispondiElimina

Posta un commento