Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia : Il Venezia si inceppa

Venezia-Montebelluna 1-1 Campionato Nazionale Serie D Giorne C - IV
Giornata -
Una rete su rigore, una traversa e quattro gol annullati per il Venezia, ma la schiena del portiere Amadori corregge in gol la traversa colpita su punizione dal Montebelluna e l'ennesimo derby finisce pari. Uno a uno al Penzo con primi due punti persi per la formazione di Sassarini che non ha saputo proporsi con la necessaria continuità, regalando complessivamente quasi un tempo alla squadra ospite che si è difesa bene e ha saputo colpire. Un piccolo passo indietro.Una gara utile ai lagunari per capire che è necessaria una dose maggiore di cattiveria per avere ragione degli avversari, ribadendo la necessità di "chiudere" le partite per tempo, ma anche un match che ha evidenziato qualche difficoltà di troppo nel trovare alternative alla costruzione di un gioco che non può passare esclusivamente per vie esterne. Il Montebelluna ha chiamato Amadori a una sola parata (nel primo tempo) dopodichè ha calciato la punizione mentre gli arancioneroverdi comunque hanno avuto tante occasioni, gli sono stati annullati alcuni gol, non so se sempre correttamente, e all'inizio dei minuti di recupero hanno colpito una traversa. Questo per dire che la squadra ha fatto di tutto per vincere, soprattutto nella prima mezzora e nell'ultimo quarto d'ora. A fare la differenza sarà la maggiore determinazione rispetto a chi avremo dinnanzi domenica dopo domenica. I colpi di tacco, le veroniche dobbiamo lasciarli agli altri, il Venezia deve essere meno lezioso e più concreto. Perchè è chiaro che dispiace pareggiare 1-1 un match che avremmo putoto vincere con un punteggio anche largo.

Venezia-Montebelluna 1-1-
Arbitro: Sig. Lazzeri di Arezzo
Reti: pt.24' Zubin (UV) (rig) - st. 14' Amadori (UV) (autorete)

Commenti

  1. Barbara e Paolo09:37

    La partita delle esagerazioni. Quattro punte, 4 gol annullati (record assoluto per lo stadio più vecchio d'Italia) e record di piroette degli attaccanti arancioneroverdi che prediligono i giochi di prestigio rispetto alle soluzioni pratiche.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Paco09:42

    Troppa supponenza, troppa convinzione di essere i più forti. Forse sarebbe bene che la squadra lasci perdere il caviale e lo champagne e pensi al pane e salame come ha fatto il Monte. Ciao beo

    RispondiElimina
  3. Teston10:58

    Perchè il campionato si vince con la determinazione e la concretezza, mentre il dessert si gusta solo a pranzo finito e a pancia piena.

    RispondiElimina
  4. Bisteca12:54

    Il Venezia non ha giocato male ma il risultato alla fine descrive e sintetizza ogni cosa. Il pari sono due punti persi e da ora l'unione dovrà incominciare a inseguire ( -2 da Derta Porto Tolle e Tamai). Ciao cocooo!!!

    RispondiElimina
  5. Omar15:55

    Tanti in attacco e...qualche imbarazzo nella mediana. Confido sempre in prove migliori della difesa dove non ci sono certamente primedonne. Salutiii

    RispondiElimina
  6. dalla curva Sud18:06

    1.208 spettatori con il Montebelluna. Intanto domenica 2 Ottobre si và a Montecchio dove dobbiamo recuperare i due punti persi in casa.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines