Quercia sfrondata

Ti abbiamo tagliato,
albero!
Come sei spoglio e bizzarro.
Cento volte hai patito,
finché tutto in te fu solo tenacia
e volontà!
Io sono come te. Non ho
rotto con la vita
incisa, tormentata
e ogni giorno mi sollevo dalle
sofferenze e alzo la fronte alla luce.
Ciò che in me era tenero e delicato,
il mondo lo ha deriso a morte,
ma indistruttibile è il mio essere,
sono pago, conciliato.
Paziente genero nuove foglie
Da rami cento volte sfrondati
e a dispetto di ogni pena
rimango innamorato
del mondo folle
Herman Hesse

Commenti

  1. Innamorato del mondo-C'é molto anche quì del tuo
    post di ieri-Questo albero a dispetto di ogni
    pena ama il mondo,Amore-Ma questo sentimento
    é fragile,delicato,forte,ma soffocato dalle troppe
    brutture-Ecco il letame-Noi come l'albero dobbiamo
    fare i conti con questo e quanto del nostro tempo
    va perduto per combatterlo-
    Egill

    RispondiElimina
  2. Un Inno alla Vita
    nonostante e comunque ...

    Molto bella
    non la conoscevo

    RispondiElimina

Posta un commento