Passa ai contenuti principali

Vivere di ricordi

Spesso ripeto sottovoce
che si deve vivere di ricordi solo
quando mi sono rimasti pochi giorni.
Quello che è passato
è come se non ci fosse mai stato.
Il passato è un laccio che
stringe la gola alla mia mente
e toglie energie per affrontare il mio presente.
Il passato è solo fumo
di chi non ha vissuto.
Quello che ho già visto
non conta più niente.
Il passato ed il futuro
non sono realtà ma solo effimere illusioni.
Devo liberarmi del tempo
e vivere il presente giacché non esiste altro tempo
che questo meraviglioso istante.
Alda Merini

Commenti

  1. Una bellissima poesia della Merini anche se non sono d'accordo con il contenuto. Il passato è dentro di noi ed arricchisce il presente ed il futuro è continuamente il presente. Rimpiangere il passato e non vivere il presente perché proiettati nel futuro: questo è il male, quello che non ti consente di vivere appieno.

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con Ambra.
    E' impossibile dimenticarsene,
    anche se dovremmo per non tormentarci inutilmente ... ma anche questo fa parte della nostra Vita, volenti o nolenti, bisogna imparare a coviverci insieme ... senza farsi uccidere spiritualmente o fisicamente.

    RispondiElimina
  3. Il passato ha costruito noi,come siamo-A volte
    il ricordo ci fà superare un brutto presente altre
    come scrive il poeta è un laccio che soffoca-
    Sono daccordo con Ambra e Paolo-Esiste un verso sul quale soffermarsi:-"Devoliberarmi del tempo"-
    Questa la mia chiave di lettura-
    Egill

    RispondiElimina
  4. Anonimo22:19

    Provate voi a convivere con il passato di Alda Merini!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines