Passa ai contenuti principali

Anche i ricchi piangono


+2,5% la crescita totale del PIL negli ultimi 10 anni (+17% negli anni '90)...

+4,5% produttività nel settore in Europa...

40 miliardi la manovra del governo che frenerà ancora la ripresa...

500 euro la pensione che ricevono dall'Inps oltre otto milioni di italiani...

8,4% il tasso di disoccupazione in Italia (tra i giovani è il 28,1%)...

25% gli italiani a rischio povertà nel 2010 secondo Istat...

2.551 gli esuberi annunciati nei cantieri italiani...


...che cosa ci resta ancora???

Commenti

  1. solo piangere , come dici tu !!

    RispondiElimina
  2. Giustissimoooooooo Ambra. Chissà se questa volta gli italiani si sveglieranno davvero

    RispondiElimina
  3. Io più che piangere comincerei ad organizzare una rivoluzione come non si vede da anni. Non possiano restare a guardare i nostri diritti che si sbriciolano senza muovere un muscolo. Basta davvero!

    RispondiElimina
  4. D'accordissimo con te Roscio. L'Italia deve diventare l'Egitto, la Tunisia e la Libia del mondo europeo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines