Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2011

La disfatta...il giorno dopo

"Vinceremo al primo turno. Milano è fondamentale per dare sostegno al governo del Paese. E' impossibile che non sia governato da noi. Pisapia è un candidato da pazzi che vuole rifondare il comunismo" (Silvio Berlusconi, 7/5/2011) "Aria di festa. Silvio alla riscossa. L'umore del premier è cambiato: la campagna elettorale in prima persona porta un recupero fenomenale di consensi. Il centrodestra vincerà ancora. Anche perchè è l'unico ad avere un leader"(Vittorio Feltri, Libero,12/5) Doppo Cofferati ora tocca a Fassino essere mandato a casa (Maurizio Gasparri, Il Giornale, 13/5) "Non è un voto ordinario per sindaci e presidenti di provincia è un voto su di me e sul mio governo. E' un voto su cui si gioca il futuro mio e della legislatura. (Silvio Berlusconi, 14/5) "Il Pd teme la disfatta e punta al pareggio" (Libero 15/5) "Dai, un ultimo sforzo. Alta l'affluenza gli elettori vogliono contare più dei pm" (Alessandro Sallusti, Il…

Vivere di ricordi

Spesso ripeto sottovoce
che si deve vivere di ricordi solo
quando mi sono rimasti pochi giorni.
Quello che è passato
è come se non ci fosse mai stato.
Il passato è un laccio che
stringe la gola alla mia mente
e toglie energie per affrontare il mio presente.
Il passato è solo fumo
di chi non ha vissuto.
Quello che ho già visto
non conta più niente.
Il passato ed il futuro
non sono realtà ma solo effimere illusioni.
Devo liberarmi del tempo
e vivere il presente giacché non esiste altro tempo
che questo meraviglioso istante.
Alda Merini

Per tornare un paese normale iniziamo da Milano

Oggi ci sono le votazioni per i ballottaggi a Milano, Napoli e Cagliari. Un voto che non deciderà solamente se Milano continuerà a essere governata dai palazzinari pirana, dalla convivenza con la ‘ndrangheta e dagli appetiti “affaristici” e per nulla evangelici di Comunione e Liberazione (ciellini del cxxxo) ma soprattutto se ritroverà la decenza e la dignità di un’amministrazione civile. Se Napoli continuerà nel fango della camorra e nella palude di politicanti avidi o con De Magistris tenterà il riscatto da grande capitale europea. Il voto di oggi avrà un peso rilevantissimo anche rispetto ai referendum del 12 giugno, ai quesiti sull’acqua, il nucleare, il legittimo impedimento, referendum che quella banda di cialtroni che sono al governo sta cercando in ogni modo di scippare agli elettori, tra disinformazione brezneviana e leggine ad hoc in zona cesarini. Se nelle tre città i cittadini sceglieranno per il rinnovamento democratico contro il maleodorante malaffare berlusconiano, si …

Da dove viene la noia?

"Non viene. È lì. Nella mancanza di scopo e nella mancanza di senso e nell'incapacità di andare oltre. Siamo convinti che si infili a tradimento negli spazi vuoti, e che basti darsi da fare per mandarla via. Invece è il contrario, la noia è al centro dello spazio, e noi per non vederla la copriamo con schermi e paraventi mobili di attività concatenate." "E cosa dovremmo fare, invece?" "Dovremmo sapere che la noia è lì. E che ci può spingere a fare le cose più insensate, o a cercare di capire il senso delle cose. Se uno si sottrae sistematicamente alla noia, per quanto corra non va da nessuna parte." "Perché?" "Perché tutto nasce dalla noia. Le percezioni e le constatazioni e le elaborazioni, le idee di ogni tipo." Andrea De Carlo dal libro Pura vita

Anche i ricchi piangono

+2,5% la crescita totale del PIL negli ultimi 10 anni (+17% negli anni '90)...
+4,5% produttività nel settore in Europa...
40 miliardi la manovra del governo che frenerà ancora la ripresa...
500 euro la pensione che ricevono dall'Inps oltre otto milioni di italiani...
8,4% il tasso di disoccupazione in Italia (tra i giovani è il 28,1%)...
25% gli italiani a rischio povertà nel 2010 secondo Istat...
2.551 gli esuberi annunciati nei cantieri italiani...

...che cosa ci resta ancora???

Raccolta Porta a Porta...finalmente è partita!!!

Silvio: “Do per scontato che perderò i ballottaggi…la colpa degli elettori “senza cervello” che preferiscono Pisapia e De Magistris” Silvio: “Chi ha caricato di significato politico il voto amministrativo?” Ma non era stato lui ha trasformare le comunali in un referendum sulla propria persona??? Silvio: “Non è vero che ho tirato in ballo la magistratura…Alle procure dedicavo al massimo 3-4 minuti per ogni comizio, poi i giornali e tv davano spazio solo a queste battute” Il colmo dei colmi!!! Silvio: “Il potere in Italia ce l’hanno i pm, specie quelli di Magistratura democratica” Silvio: “Mi viene voglia di dire che non si rivolgano più al presidente del consiglio per risolvere i loro problemi” riferendosi a Napoli “Se poi si fanno male da soli mettendosi nelle mani dell’estrema sinistra, anzi nelle manette di De Magistris” Silvio: “De Magistris è un agitatore politico, demagogo e disistimato dagli stessi colleghi magistrati” Silvio: “E’ impossibile che a Napoli una persona con la test…

Descrizione della mia morte

E' scomparso tra la notte del 23 e 24 maggio uno dei grandi poeti italiani della seconda metà del novecento, Giovanni Giudici. Profondo conoscitore della tradizione poetica italiana, che aveva saputo rimodulare in chiave contemporanea, era nutrito da un'autentica passione per la nostra «bella, ambigua, misteriosa lingua, ineguagliabile nella sua capacità di non dire dicendo e di affermare negando». FONTE:http://www.garzantilibri.it Di seguito riporto una sua poesia in sua memoria:
Poiché era ormai una questione di ore Ed era nuova legge che la morte non desse ingombro, Era arrivato l`avviso di presentarmi Al luogo direttamente dove mi avrebbero interrato. L'avvenimento era importante ma non grave. Cosi che fu mia moglie a dirmi lei stessa: preparati. Ero il bambino che si accompagna dal dentista E che si esorta: sii uomo, non é niente. Perciò conforme al modello mi apparecchiai virilmente Con un vestito decente, lo sguardo atteggiato a sereno Appena un po’ deglutendo nel domandare: …

Fbc Unione Venezia: addio sogni di gloria ?

Venezia-SandonàJesolo 2-3 - Finale Playoff di girone Serie D -

Ho aspettato due giorni in più per commentare la conclusione del campionato degli arancioneroverdi. Ieri era troppa la rabbia per dare un sereno giudizio alla sconfitta. Resta però ancora davanti agli occhi l’ennesima amnesia di uno dei tre portieri schierati quest’anno. E questo dei portieri è un argomento da trattare con tutta la considerazione del caso. La squadra era in inferiorità numerica per l’espulsione , dopo doppia ammonizione, di Mazzeo al 4^ minuto del secondo tempo, la prima il giocatore se la era andata a cercare togliendosi la maglia dopo il gol del provvisorio vantaggio arancioneroverde dell’ 1-0. La squadra jesolana si era riportata in vantaggio 1 minuto prima dell’espulsione. Dopo una serie di azioni tambureggianti, degli ANV, che non sembrano in inferiorità numerica, al 21^ della seconda frazione di gioco, da angolo si alza in volo di testa Nichele e segna. GOL (2-2). Ma anche ieri il Venezia perde la par…

Un quarto degli italiani sperimenta la povertà

In Italia "la crisi ha portato indietro le lancette della crescita di ben 35 trimestri, quasi dieci anni" e l'attuale "moderata ripresa" ne ha fatti recuperare 13. E' quanto si legge nel rapporto annuale dell'Istat, in cui si sottolinea anche che nel decennio 2001-2010 l'Italia "ha realizzato la performance di crescita peggiore tra tutti i Paesi dell'Unione europea, con un tasso medio annuo di appena lo 0,2% contro l'1,3% registrato dall'Ue e l'1,1% dell'Uem". L'Istat rileva in particolare negli anni "un graduale scollamento della performance italiana rispetto alle altre maggiori economie dell'Unione che è divenuto più evidente nella fase di ripresa 2006-2007 e si è aggravato con la crisi". Inoltre, si legge ancora nel rapporto, "per la sua vocazione produttiva e gli scarsi margini di manovra della finanza pubblica il nostro Paese ha subito la crisi in maniera comparativamente forte e stentato nel…

Da "L'ultima riga delle favole"

Mentre andava al lavoro nei campi un contadino sentì delle grida, vide un bambino che stava affogando lo tirò su e gli salvò la vita. La sera alla porta sentì bussare ed era il padre del bambino che disse: "Cosa posso fare per mettermi in paro col destino? Mi han riferito che lei ha un figlio che per gli studi è molto portato, la prego accetti che io lo mantenga fin quando non si sarà laureato". E così, il figlio del contadino divenne un re della medicina... Alex Fleming era il suo nome, colui che scoprì la penicillina. Passano i mesi, passano gli anni e il bambino che si era salvato è diventato un uomo importante, lo hanno eletto Deputato. Fu allora che prese una polmonite e si pensò non avesse scampo, ma la scoperta del Dottor Fleming lo riportò alla vita in un lampo. Quel Deputato che era guarito fu poi il premier della Nazione, si chiamava Winston Churchill e di Adolf Hitler fermò l'invasione. Senza saperlo e con un sol gesto, quel miserabile contadino aveva salvato due …

Luigi Pirandello

A quanti uomini, presi nel gorgo d'una passione, oppure oppressi, schiacciati dalla tristezza, dalla miseria, farebbe bene pensare che c'é sopra il soffitto il cielo, e che nel cielo ci sono le stelle. Anche se l'esserci delle stelle non ispirasse a loro un conforto religioso, contemplandole, s'inabissa la nostra inferma piccolezza, sparisce nella vacuità degli spazii, e non può non sembrarci misera e vana ogni ragione di tormento. da -Quaderni di Serafino Gubbio imperatore -

La scorpacciata di interviste dell’uomo più ridicolo del paese

Berlusconi: “I milanesi sono rimasti turbati dalle bandiere rosse con la falce e martello che sono scese in piazza a festeggiare la vittoria di Giuliano Pisapia e non consegneranno la loro città agli estremisti”… Berlusconi: "Il vero risultato politico è che non ci sono alternative al nostro governo, alla nostra maggioranza"…al TG4 di Emilio Fede Berlusconi: “Il risultato di Milano ci dice che i milanesi non hanno premiato il Partito democratico. Il risultato vero di queste elezioni è che il Popolo delle libertà resta il primo partito in Italia e il Pdl e la Lega si confermano l'unica alleanza in grado di esprimere un governo stabile, un governo credibile"… a Studio Aperto Berlusconi: “Il capoluogo lombardo non sarà mai la Stalingrado d’Italia”… Berlusconi: “Milano non diventerà una baraccopoli islamica piena di zingari”… Berlusconi: ''Sono in campo ogni giorno come cittadino di Milano e leader del Pdl. Da milanese dico che i miei concittadini sapra…

Del vivere e del Morire

Forse la ragione più profonda che ci fa temere la morte è il non sapere chi siamo. Crediamo di essere un'individualità personale, unica separata ma, se osassimo esaminarla, scopriremmo che questa individualità dipende da una serie infinita di cose che la sorreggono: nome e cognome, la nostra "biografia", il compagna o la compagna, gli amici, le carte di credito...e sul loro fragile appoggio transitorio che costruiamo la nostra sicurezza. Sogyal Rimpoche

Basta è ora di finirla

Ricevo e pubblico dall'amico Novalis

Sono un tifoso rossonero da quando ero bambino. Mi domando e Vi chiedo è mai possibile pubblicare un comunicato del genere? Perchè una festa sportiva deve diventare una campagna politica? Ma quel vecchio puttaniere che oltre che essere il presidente del consiglio è anche il presidente del Milan non si accorge di essere ormai arrivato alla frutta? Non ci rovini la gioia di aver vinto il campionato e lasci lo sport nel suo ambito.

Sembra tutto normale...

"Se alle prossime elezioni prendo meno di 53 mila preferenze tutta la sinistra mi fa il funerale. Funerali in tutte le piazze"
Silvio Berlusconi
Nella sua Milano il nano ha dimezzato le preferenze (27.972) vuoi vedere che i comunistacci hanno fatto dei brogli ??? Aspettiamo la relazione della Santanchè

Pillole di saggezza

Dubitate di chi ha solo grandi certezze
e riponete fede in chi ha dei seri dubbi
in quanto la vera saggezza sta anche nel saper riconoscere la propria ignoranza,
ne fu un classico esempio il grande filosofo greco Socrate,
alla base della cui sapienza stava la consapevolezza di sapere di non sapere nulla
Xavier Wheel

A proposito di servizio pubblico

Fbc Unione Venezia: Prima gara di playoff

Venezia-San Paolo Padova 1-0 Playoff di girone - Prima partita - Conclusa l'avventura in campionato con l'ultima partita a Pordenone, vittoria per 3a2 e secondo posto finale, oggi alle 15 allo stadio Penzo di Sant'Elena si è svolto il primo incontro di playoff di girone, partita secca, contro il San Paolo Padova in condizioni atmosferiche proibitive con vento di bora a 80km l'ora. La partita, condizionata dal vento non ha offerto un grande spettacolo. Da sottolineare l'infortunio al portiere Menegatti (UV) al primo minuto di gioco in uno scontro fortuito riceve un accidentale colpo al petto e deve uscire in barella, sostituito dal compagno di squadra Casini. La rete arancioneroverde arriva al 7^ minuto di gioco propiziata da un cross millimetrico al centro dell'area avversaria da capitan Collauto dove arrivava come un falco Mazzeo. La risposta del San Paolo Padova arriva al 14^ minuto della stessa frazione di gioco quando il giocatore Pastrello (SP) salta Lelj e…

Perle di Pdl

Mara Carfagna: “A Napoli una come la Mussolini si chiama vajassa” Nicola Casentino: “Nel Pdl campano ci sono bocchiniani e bocchinari” Umberto Bossi: “Ciao Casini, te l’hanno messo in quel posto pirla” Franco Gasparri: “Voi dell’opposizione dovete leggere di più” motteggia Gasparri in aula. ” Vi consiglio L’oro di Mosca di Cerqueti”. Dai banchi dell’opposizione giù risate…Cerqueti fa il telecronista, il libro l’ha scritto Cernetti Daniela Santanchè: “Le intercettazioni predisposte dai magistrati “violano la privacy” dei capi di Cosa Nostra” Questo è quanto diceva Daniele Capezzone, portavoce Pdl, quando era radicale:”Berlusconi si paragona a Napoleone e Churchill. Mi ricorda la barzelletta dei due matti:uno dice “Io sono Mosè e Iddio mi ha dato le tavole della legge” e l’altro, offeso: “Ma guarda che io non ti ho dato niente!” Ecco, lui potrebbe essere il secondo matto, mentre per il novello Mosè bisogna scegliere tra Bondi e Fede” Giuliano Ferrara uno dei più grandi esemplari cant…

Generale

Degenerati dietro la collina, per le mignotte dentro l’Olgettina E intanto a fondo va l’economia Curva discendente sembra una slavina, da 15 anni, noi siamo figli, di dirigenti però imbecilli Partiti di testa in men che non si dica, per il potere o la fica Generali le assicurazioni, così si fanno dei gran soldoni, vedi Geronzi e non è il solo, in questo impero che è una bancarotta, a prezzo pieno paghiamo gli scotti di Parmalat… oppure Cirio, oppure Fiat, oppure CAI… e stiamo in mezzo a li guai Clientelare, sta democrazia, il PD è assonnato è spento è sparuto, a botteghe oscure non c’è più nessuno… c’è D’Alema e Bersani e Veltroni e Bindi, buoni da mangiare buoni da seccare, da farci il sugo quando viene Natale, Casini e Fini piangono, con di Pietro non ci vogliono andare… Max Paiella da – Il Fatto Quotidiano -

Agonia

Morire come le allodole assetatesul miraggioO come la quagliapassato il marenei primi cespugliperché di volarenon ha più vogliaMa non vivere di lamentocome un cardellino accecatoGiuseppe Ungaretti da - L'Allegria -
Chiedo scusa ai lettori che hanno lasciato commenti su questo post del 12/05/2011, ma purtroppo, a causa di problemi con la piattaforma è andato perduto. Lo ripubblico chiedendovi la cortesia di voler nuovamente lasciare l'eventuale vostro commento. GRAZIE

Lettera ad un adolescente

Vedi, molti mi considerano forte e sereno, come se non accettassero che aiutando gli altri io abbia bisogno di aiuto. Sapessero quante volte piango e mi dispero; lo sanno i miei figli, che talora mi consolano e mi abbracciano per darmi coraggio. E a volte sono io a stringere la loro debolezza e il loro dolore. Un abbraccio vale di più di una terapia sul dolore e di un trattamento di psicologia scritto da sapienti che spesso non sono padri e consigliano ai padri cosa fare. Vittorino Andreoli

10 Maggio 1933. La notte del Bucherverbrennung

Bruciarono in un funesto falò organizzato dagli studenti nazionalsocialisti pilotati da Goebbels, sulla Opernplatz di Berlino. Più di 20.000 libri, trasportati su camion cosparsi di benzina o trascinati su carri per letame trainati da buoi finirono nel folle rogo del 10 maggio 1933, scagliati nel fuoco da una tribuna decorata con una gigantesca croce uncinata. E' la celebre notte del Bucherverbrennung, in cui, in un lugubre rituale esorcistico, accompagnato da canti, musiche e lampi sinistri. Sull'immensa pira saranno carbonizzati i "testi malefici", in primis quelli degli autori ebrei come Heine e Zweig, ma anche quelli dei teorici del marxismo, Marx, Lasalle, dei weimariani Thomas e Hemingway e Schnitzer, e di Brecht, Freud, Einstein e Grosz. Una lunga lista nera di migliaia di autori di opere "Den Undeutschen Geist", ostili allo spirito tedesco, requisiti nelle case private, nelle librerie, nelle biblioteche circolanti e buttati sul fuoco, tragico simbol…

Vergogna...

Riporto la parte finale della lettera che Ascanio Celestini a letto durante il Primo Maggio a p.zza San Giovanni a Roma, rivolta a Giuseppe Mazzini. Per il testo integrale http://sinistrasegidio.altervista.org/blog/05-2011/lettera-a-mazzini-ascanio-celestini/“Io, Giuseppe Mazzini, chiedo al Presidente della Repubblica in carica e ai Presidenti emeriti, ai Presidenti del Consiglio, della Camera e del Senato, ai signori Ministri e al Parlamento intero, nonché ai Presidenti di Regione e Provincia, ai Sindaci, agli Assessori e ai Consiglieri, alle Autorità tutte,Papa compreso,insomma chiedo al Popolo italiano di cancellare il mio nome dalle piazze, dalle strade, dai viali, dalle scuole e dalle caserme e chiedo inoltre di abbattere i monumenti a me dedicati, staccare targhe e lapidi col mio nome poiché rinuncio alla paternità di questo Paese che non rassomiglia né alla mirabile patria per cui lottammo, né tanto meno all’Italia che sarebbe dovuta diventare oggi a distanza di un secolo e m…

Sudiciume

Quando discuti con un avversario, prova a metterti nei suoi panni. Lo comprenderai meglio e forse finirai con l'accorgerti che ha un po', o molto, di ragione. Ho seguito per qualche tempo questo consiglio dei saggi. Ma i panni dei miei avversari erano così sudici che ho concluso: è meglio essere ingiusto qualche volta che provare di nuovo questo schifo che fa svenire. Antonio Gramsci da - La nostra città futura. Scritti torinesi 1911-1922 -

Il libro

Il libro, sia esso romanzo saggio o poesia, deve coinvolgere al massimo l'intelligenza e la sensibilità del lettore. Quando in un libro, di poesia o di prosa, una frase, una parola, ti riporta ad altre immagini, ad altri ricordi, provocando circuiti fantastici, allora, solo allora, risplende il valore di un testo. Al pari di un quadro, scultura o monumento quel testo ti arricchisce non solo nell'immediato ma ti muta nell'essenza. Giulio Einaudi
Amo lasciarmi sprofondare tra le pagine di un libro. Trovo immenso piacere entrare nel mondo dell'immaginario. L'universo cartaceo è una vastità di scelte su righe di inchiostro che mi aiuta a capire meglio me stesso mettendo in moto la mia mente e, se la mia mente cammina, anche la mia esistenza ne risente riuscendo a fare scelte migliori a scorgere particolari utilissimi nel mio quotidiano e, forse la cosa più bella, ritagliarmi quei momenti buoni per rilassarmi, per godermi una storia, per "vivere" una nuova breve…

Fbc Unione Venezia: Ora ci attende la lotteria dei playoff

Domani è l’ultima giornata del campionato di serie D. Il Venezia gioca la sua ultima partita in quel di Pordenone e poi…la lotteria dei playoff. Archiviato con soddisfazione il ritorno alla vittoria di domenica scorsa allo stadio Penzo contro l’Union Quinto (2-1) l’interesse per la squadra si sposta ora a vincere i playoff che assicureranno un posto nei professionisti in Lega Pro (C2). Ai playoff (prima fase) accedono la seconda, terza, quarta e quinta classificata di ogni girone (9). Alla seconda fase accedono le vincenti di ogni girone che saranno raggruppate dopo apposito sorteggio, in tre triangolari, le cui vincenti, unitamente alla vincente di Coppa Italia acquisiranno il diritto di disputare le gare di semifinale. Le semifinale saranno gare ad andata e ritorno ad eliminazione diretta. Passerà il turno la squadra che avrà realizzato il maggior numero di reti. Le due vincitrici le semifinali si incontreranno nella gara finale in campo neutro e la vincitrice sarà promossa in Lega …

City

Sarebbe tutto + semplice se non ti avessero inculcato questa storia del finire da qualche parte, se solo ti avessero insegnato, piuttosto, a essere felice rimanendo immobile. Tutte quelle storie sulla tua strada. Trovare la tua strada. Andare per la tua strada. Magari invece siamo fatti per vivere in una piazza, o in un giardino pubblico, fermi li', a far passare la vita, magari siamo un crocicchio, il mondo ha bisogno che stiamo fermi, sarebbe un disastro se solo ce ne andassimo, ad un certo punto, per la nostra strada, quale strada? sono gli altri le strade, io sono una piazza, non porto in nessun posto, io sono un posto. Alessandro Baricco

Non perdiamo anche questa occasione

Non c’è da discutere. Sono contro il nucleare, contro la semi-privatizzazione dell’acqua e contro il legittimo impedimento. E trovo indecente il dibattito su questi temi, oggettivamente indiscutibili. E’ come se un cannibale avanzasse il diritto sulla sua condizione. Franco Battiato

Neanche dopo morto lo lasciano in pace

Da vivo l'amorevole sollecitudine pastorale l'ha costretto ad un'atroce agonia, abbreviarla avrebbe significato sottrarre a Dio il diritto di dare morte e sofferenza nella piena libertà del suo infinito amore per le creature. Libero di ammazzarci con un male lento ed atroce o con un disastro naturale, cogliendo vecchi e disperati oppure nel fiore degli anni. Come ama pigolare lo Spirito Santo, che è un piccione che la sa lunga: è la fede, bellezza. E tu non puoi farci proprio niente. Premio di tanto scempio è, però, il Paradiso. Wojtyla se lo stava godendo, tutto ringalluzzito sulla sua nuvoletta,circondato da angeli di sesso incerto nella luce eccitante del Pleroma. Ma, sul più bello, Santa Madre Chiesa lo nomina, Beato. Che sarebbe come dire che se ne deve stare in piedi, con le braccia aperte e l'espressione estatica, con l'aureola sempre accesa, a fissare Dio "H24" che neanche al Grande Fratello. Certo da Beato non devi più cercare il piacere all'…

Fede

Abbiamo perso un anno per una decisione che invece di essere immediata ci ha messo 4 mesi. Quattro mesi ha impiegato la nostra ULSS per darci il nulla osta a portare nostro figlio Federico all’istituto per non vedenti Rittmeyer di Trieste. Quattro mesi che per lui significano la perdita di un anno di riabilitazione. Si inizierà il 5 Settembre per continuare ininterrottamente fino alle festività natalizie e poi…speriamo prevalga in lui la volontà di volercela fare perché senza di quella non arriverà da nessuna parte. Pensare che tre anni fa tutto era normale poi…tre minuti hanno cambiato la sua e la nostra vita. Catapultati in una realtà non conosciuta dove per il primo anno mezzo si è stati per così dire “protetti” dai centri di riabilitazione e poi…come cani randagi in mezzo alla strada in cerca di qualcosa che ai perduto per sempre tre anni fa. Il mondo del sociale non è assolutamente pronto ad affrontare il ritorno alla vita di una persona che ha subito un incidente stradale, non è…

Non ci resta che PIANGERE

“I bidelli sono quasi 200.000, ci sono più bidelli che carabinieri per avere le scuole sporche” MariaStella Gelmini a – Che Tempo che fa, 14 Marzo 2011 –
“Per i miei figli adolescenti Berlusconi è un mito perché parla una lingua che loro conoscono, racconta le barzellette ed è anche super potente da un punto di vista sessuale. I ragazzi lo ammirano, come la maggior parte degli italiani che vorrebbero essere come lui. Quanti italiani a 70 anni si sognano di andare con le donne dalla mattina alla sera? Pochissimi! Berlusconi sta conquistando anche i giovani, davvero. I miei figli lo vedono come una persona che ha costruito dal nulla un impero, il Milan, un partito che ha vinto più e più volte le elezioni. Poi dicono anche: è uno che ha 74 anni (allora), all’età dei loro nonni ha tutte queste donne. Loro non vanno a sottilizzare chi sono queste donne.” Gabriella Carlucci – da 10 anni deputato berlusconiano, intervista a Radio24
“Chi pensa di spendere 250 milioni per quei quattro sassi di Pom…

AltrItalia

Anna ha diciotto'anni e ascolta musica ribelle il piercing sulla lingua e la giacca in ecopelle Con Libera è in Cilento per l'ultimo saluto Ad Angelo Vassallo, il sindaco ammazzato Claudio da Bologna, adesso che è in pensione Porta aiuti in Bosnia col suo vecchio furgone Di primavere ormai ne ha viste proprio tante Ma la rossa da venire per lui è la più importante
C'è un'AltrItalia che vive e si diffonde Non la trovi sui giornali, la TV ce la nasconde E' un'AltrItalia che ti tende la mano Migliaia di volti di un paese in cammino
Maria Rosa a Coppito c'è con il sindacato smista i pacchi di provviste per il popolo accampato Ogni giorno in magazzino senza perdere il sorriso costruisce la sua scala per sfiorare il paradiso
Ai preti ed al vangelo Graziano non ci crede ma sa cosa vuol dire parlare un po' di fede Lo legge negli occhi dei bambini in ospedale vestito da pagliaccio come fosse Carnevale
Simone da Torino si è appena laureato Praticante giornalista, nemmeno un po' p…