Passa ai contenuti principali

Inafferrabile, non definibile

La malattia di cui oggi soffre gran parte dell'umanità è inafferrabile, non definibile. Tutti si sentono più o meno tristi, sfruttati, depressi, ma non hanno un obbiettivo contro cui riversare la propria rabbia o a cui rivolgere la propria speranza. Un tempo il potere da cui uno si sentiva oppresso aveva sedi, simboli, e la rivolta si dirigeva contro quelli. [...] Ma oggi? Dov'è il centro del potere che immiserisce le nostre vite? Bisogna forse accettare una volta per tutte che quel centro è dentro di noi e che solo una grande rivoluzione interiore può cambiare le cose, visto che tutte le rivoluzioni fatte fuori non han cambiato granché.
Tiziano Terzani dal libro – Un altro giro di giostra. Viaggio nel male e nel bene del nostro tempo

Commenti

  1. Beh, che una grande rivoluzione vada fatta è al di là di ogni ragionevole dubbio. Che dobbiamo cambiare dall'interno è un proposito assolutamente giusto, seppur difficile. Ma che non si riesca a rintracciare il centro del male fuori di noi non credo davvero. Il male ha un nome ben preciso e un momento storico ben determinato. Ha tutte le coordinate necessarie affinchè lo si rintracci. Eppure siamo ancora in una fase in cui non riusciamo a lottare per cose così importanti. Manifestiamo contro qualcosa o qualcuno senza ottenere nulla, le nostre voci rimangono inascoltate, si perdono nel vento.

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con quanto dice Roscio. Direi in più che il nostro male è quello nato dalle ossessioni moderne che ci hanno inculcato: lo shopping a tutti i costi mentre i soldi non bastano, la rincorsa all'eterna giovinezza da cui nasce l'ossessione della palestra, ecc. ecc.

    RispondiElimina
  3. Terzani con i suoi libri è stato ed è un aiuto indelebile !!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

E' l'addio

Cos'è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? È il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l'Addio. Ma intanto, ci si proietta in avanti verso una nuova, folle avventura sotto il cielo. Jack Kerouac