Passa ai contenuti principali

Ora e sempre resistenza


Lo avrai
camerata Kesserling
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi
non con i sassi affumicati dei borghi inermi
straziati dal tuo sterminio
non con la terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non con la neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non con la primavera di queste valli
che ti vide fuggire
ma soltanto con il silenzio dei torturati
più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi che volontari si adunarono
per dignità non per odio
decisi a riscattare la vergogna e il terrore del mondo
su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi con lo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama ora e sempre
Resistenza.
Piero Calamandrei

Commenti

  1. Infantilmente spero Resistenza Ora,e dopo finito.
    Bisogna ricordare che le brigate della Resistenza
    non erano tutte uguali,Si aggregava a volte il
    peggio, per convenienza come sempre,per essere
    qualcosa,qualcuno,volgari tagligole.
    Un omaggio a Sandro Pertini.Non sono stati tutti
    come lui e molti altri grandi.
    Egill

    RispondiElimina
  2. In un momento di assoluto caos politico e di forte crisi istituzionale ricordare Sandro Pertini, socialista intransigente e integerrimo è un fatto positivo. Ricordare la "buona politica" al servizio dei cittadini per riflettere sul periodo oscuro che stiamo vivendo e ritrovare quella forza e quel coraggio per reagire in difesa dei valori democratici di cui Sandro Pertini era strenuo difensore.

    RispondiElimina
  3. Grazie: certi valori, certe persone devono essere un faro di luce cui fare riferimento, quando la storia ci destina ore buie...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines