Passa ai contenuti principali

...navigando nel vasto mare

Rendiamoci dunque conto delle nostre possibilità: noi siamo qualcosa, ma non siamo tutto; quel tanto di essere che possediamo ci nasconde la vista dell’infinito. [...] Questa è la nostra vera condizione, la quale ci rende incapaci di sapere con certezza e di ignorare assolutamente. Noi navighiamo in un vasto mare, sempre incerti ed instabili, sballottati da un capo all’altro. Qualunque scoglio a cui pensiamo di attaccarci e restare saldi, viene meno e ci abbandona e, se l’inseguiamo, sguscia alla nostra presa, ci scivola di mano e fugge in una fuga eterna. Per noi nulla si ferma. Questa è la nostra naturale condizione, che tuttavia è la più contraria alla nostra inclinazione: desideriamo ardentemente trovare un assetto stabile e una base ultima per edificarvi una torre che si levi fino all’infinito, ma ogni nostro fondamento si squarcia e la terra s’apre in abissi.
(B Pascal).

Commenti

  1. Tra noi da una parte e l'inferno o il cielo dall'altra non c'è che la vita,che è la cosa
    più fragile che esista.
    Dio o il mondo.B.Pascal
    Egill

    RispondiElimina
  2. E' il concetto dell'impermanenza del buddhismo, mi pare , declinato da un grande pensatore dell'occidente . Le prime parole, però se mi permeti mi ricordano una cosa , che il nostro pianeta è alla periferia della galassia, che vediamo nel cielo come una via sfumata più chiara , la via lattea. "quel tanto di essere che possediamo ci nasconde la vista dell'infinito" ,la nostra posizione e la nostra vista ci impediscono di vedere losplendore della galassia , ostacolati come siamo da nuvole di polvere cosmica e dal fatto di non vedere, per esempio , l'infrarosso. Scusa, forse sono fuori tema.

    RispondiElimina
  3. Caro vitamina uscire dal circolo vizioso è una
    autentica fortuna.Impossibile mescolare teologia
    e politica.
    Egill

    RispondiElimina
  4. Vitamina quel che dice Egill è inconfutabile...impossibile mescolare teologia e politica.

    RispondiElimina
  5. Vitamina quel che dice errebi che riporta quello che ha detto egill ...impossibile mescolare teologia e politica.

    RispondiElimina
  6. Novalis il terzo...un, due, tre fante cavallo e re

    RispondiElimina
  7. ...e fin che corro no me ciapè! ☺

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines