Passa ai contenuti principali

La transumanza...caos nel gruppo dei responsabili e non solo!!!

Il gioco della sedia. Il gioco della sedia coi Responsabili del neoministro Romano. A tavola, i Responsabili, mangiano,bevono, ridono. E si scannano. Il menu prevede anche cinque poltrone, una da viceministro e quattro da sottosegretario, ma gli aspiranti sono sei, forse sette. B., alla terza gamba di Iniziativa responsabile ha promesso mari, monti, colline, spiagge. Di tutto. Nella giunta per le Autorizzazioni, il conflitto di attribuzione su Ruby è passato solo in extremis. Due di Ir, il campano Cesario e il calabrese Belcastro, entrano all'ultimo momento e votano a favore della maggioranza. Cesario e Belcastro hanno prima aspettato il giuramento di Romano al Colle e poi sono arrivati. Cesario e Belcastro sono entrambi nella lista degli aspiranti sottosegretari. Con loro anche la Polidori, Misiti e Pionati. Calearo, invece, sarà viceministro al Commercio con l'estero. Ma non si esclude un nome a sorpresa all'ultimo momento. E a rimanere fuori sarebbe Belcastro, o Cesario. Belcastro già missino, socialista, autonomista, è stato sindaco di un paesinoRizziconi, sciolto per 'ndrangheta. Non solo. Nel giugno 2010, da commissario dell'Antimafia, rilasciò la seguente dichiarazione testuale: " Forse cento anni fa la 'ndrangheta aveva valori apprezzabili, forse centocinquanta anni fa aveva qualcosa di nobile da proporre, forse oggi ha sposato valori non condivisibili e ha così il popolo contro" Belcastro, infine, è anche uno strenuo difensore di Nicola Cosentino, il coordinatore del Pdl dimessosi da sottosegretario per camorra. Cosentino è uno dei registi dell'operazione responsabile. Il deputato berlusconiano ha fatto traslocare in Ir un bel pò di colleghi azzurri. Risultato: oggi i Responsabili sono 29, divisi in sei correnti. Ciascuna corrisponde a un movimento: Noi Sud Libertà e Atonomia; Popolari d'Italia Domani; Movimento di Responsabilità nazionale; Azione Popolare; Alleanza di Centro; La Discussione.
L'Alleanza di Centro è il partitino di Francesco Pionati ex volto del TG1. Alla nomina di Romano era fuori di se: "Berlusconi è il mio Dio, non Romano" - "Io non mi faccio rappresentare da Romano. Noi abbiamo un'immagine politica di persone perbene, i siciliani son siciliani, hanno una forza politica all'interno del loro territorio come Lombardo e Miccichè, ma poi quando escono sono oggetti misteriosi e sono poco spendibili al Nord" - "Romano parte azzoppato come ministro" - "Come Responsabili puntiamo ad un terzo dei posti che Berlusconi deve distribuire".
Ma il fronte della transumanza continua, l'ultimo scontro è stato quello tra Casini e Rutelli. Colpa di un deputato dell'Api, Calgaro, passato nell'Udc. Rutelli ha chiamato il gemello centrista Casini e si è sfogato: " Questa me la paghi "
stralcio dell'articolo I Responsabili si scannano di Fabrizio d'Esposito - il Fatto Quotidiano 25 Marzo 2011 -

Commenti

  1. Uno spettacolo che non è sufficiente definire indegno.

    RispondiElimina
  2. Un film comico sulla politica Italiana

    RispondiElimina
  3. Ci sono rimaste solo le strutture , l'intelaiatura, ma la democrazia è vuota.

    RispondiElimina
  4. Adotta anche tu un responsabile:

    http://www.pierferdinandocasini.it/2011/03/26/i-responsabili-soffrono-adottane-uno/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines