17 Marzo 1861 – Un’Italia, anzi due –

L’Italia nasce a Torino, di domenica. Battezzata dalla Camera per acclamazione e dal Senato con due voti contrari (leghisti precoci?), la creatura viene mostrata in pubblico per la prima volta sulla “Gazzetta Ufficiale” del 17 marzo 1861 con questa frase: “Vittorio Emanuele II assume per sé e i suoi successori il titolo di Re d’Italia”. I travagli del parto hanno attraversato le guerre d’indipendenza e l’epopea dei Mille per sfociare nel bombardamento della fortezza di Gaeta, dove il Re borbonico ha tentato l’ultima resistenza. Si è arreso il 13 febbraio, appena in tempo per non turbare l’inaugurazione del primo Parlamento italiano, celebrata cinque giorni dopo nell’aula che l’architetto Peyron ha costruito a Torino nel cortile di Palazzo Carignano. Vittorio Emanuele vi è giunto fra due ali di folla a squilli di fanfara. E ha letto ai 443 rappresentanti della nuova nazione il discorso preparatogli da Cavour: “Signori senatori! Signori deputati!. L’Italia confida nella virtù e nella sapienza vostra!. Illusioni di gioventù. Nord e Sud (all’appello mancano solo Roma e Venezia) tornano a vivere insieme. Non accadeva dalla caduta dell’Impero romano. A deciderlo però è stata un’esigua minoranza. Alle elezioni di gennaio ha partecipato l’1% degli italiani: duecentoquarantamila maschi con un carico d’imposta di almeno quaranta lire. L’Italia è fatta, ma senza i cattolici (la Chiesa ha proibito le urne ai fedeli), le donne, gli analfabeti, i poveri e gli evasori fiscali: il restante 99%, insomma. Cavour, che ne ha presi più di tutti, nel suo collegio ha ottenuto appena 620 voti. Ma sono le minoranze decise a fare la Storia e, conquistato il potere, a imporla alle generazioni inerti come epica collettiva. Accade così che generazioni di italiani siano cresciute nel culto di gesta alle quali il popolo aveva fatto da spettatore. La formula battesimale allude a Vittorio Emanuele II e quel “II” la dice lunga sull’idea che i vincitori hanno dell’Italia: non uno Stato nuovo, ma il prolungamento di quello vecchio, le cui leggi vengono estese in modo automatico alle altre regioni, con conseguenze disastrose soprattutto al Sud. Gli spaesati luogotenenti sabaudi, scesi nell’ex Regno delle Due Sicilie per governarlo come una colonia, devono appoggiarsi ai consiglieri locali e ai loro maneggi: per qualche mese ai vertici della polizia napoletana ci sarà il capo della camorra. Forse non si può fare meglio. Di sicuro non può farlo una Camera che pullula di notabili meridionali, assai simili a quelli raccontati nel Gattopardo, custodi gelosi dei propri privilegi. Da Torino a Palermo, la Destra di governo rappresenta una classe compatta, l’alta borghesia, ed è guidata da un genio completo, Cavour. Invece la Sinistra è divisa e anche il genio che la guida è spaccato in due: ha la testa di Mazzini e il braccio di Garibaldi, in baruffa perpetua tra loro. La morale della favola risorgimentale è che i democratici ne scrivono le pagine più romantiche, ma sono sempre i moderati a incassare i diritti d’autore. Comunque sia, oggi è domenica e l’Italia è nata. Ha una madre possessiva, la Destra, e un padre severo, il Piemonte. Gli altri italiani devono imparare a sentirla figlia propria. Non sarà un’impresa facile, tanto è vero che dopo centocinquant’anni vi siamo ancora impegnati.
Fonte: Almanacco essenziale dell’Italia unita di Carlo Fruttero e Massimo Gramellini

Commenti

  1. Ciao Renato, hai scelto un compendio storico eccellente.
    Sentire l'Italia unita è davvero una impresa.
    Eppure, mai come ora, sarebbe necessario esserlo, tutti uniti - intendo.
    Grazie!
    Lara

    RispondiElimina
  2. Credo che mai come in questo momento ci sia la necessità di sentirsi italiani soprattutto e in primo luogo per tutte quelle persone che, nel corso degli anni, hanno donato la propria vita per il compimento dell'unità nazionale. E' un ormai un dato di fatto ci stiamo dimenticando di chi ha voluto sacrificare la propria vita per lasciarci qualcosa in cui poter credere.E' giunta proprio l'ora di dimostrare davanti al mondo che siamo un POPOLO.

    RispondiElimina
  3. Si, sono d'accordo. Il senso di appartenenza ad un unico Paese, all'Italia deve essere ancora costruito. Oggi però a Milano ho visto in giro, nei negozi e sui balconi tante bandiere.

    RispondiElimina
  4. Io non mi sento italiano
    ma per fortuna o purtroppo
    lo sono
    mi scusi presidente
    non e' per colpa mia
    ma questa nostra patria
    non so che cosa sia
    puo' darsi che mi sbagli
    che sia una bella idea
    ma temo che diventi
    una brutta poesia
    Giorgio Gaber

    RispondiElimina
  5. « Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un Italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra costituzione. »

    (Piero Calamandrei )

    RispondiElimina
  6. Bel post!! Grazie.
    Ottima anche la citazione di Gaber.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai