Passa ai contenuti principali

Quella strana "carezza" della sera

Abbiamo appena finito di cenare. Saranno le 9 meno venti. Federico è appena andato a letto. La televisione, come al solito, non trasmette mai niente di interessante. Anche questa settimana sta per andarsene. Carla ed io ci sediamo in divano poi mi alzo e preparo il caffè per tutti e due. Ci guardiamo ed annuiamo…come siamo diventati vecchi! Poi in questi ultimi tre anni tutto è drammaticamente sceso ma dai meglio non pensarci, Federico è di là che dorme, non doveva esserci, invece c’è. La voce della televisione passa nomi, notizie e d’improvviso…Mariastella Gelmini. Rivolto a Carla esclamo: “Ma non è quella della cura da cavallo per la scuola?” Che combinazione ho letto proprio oggi un articolo sul il fatto quotidiano che parlava proprio di lei .Carla, che è insegnante di scuola dell’infanzia mi guarda e annuisce. Mi torna subito alla mente il suo discorso di accettazione della candidatura che riporto fedelmente : “Questo è il momento di affrontare il nostro obbligo morale di garantire a ogni bambino un’educazione di primo livello, perché questo è il minimo che serve per competere in un’economia globale(…) Recluterò un esercito di nuovi insegnanti, pagherò loro retribuzioni più alte e darò loro maggiore supporto. E, in cambio, chiederò standard educativi più elevati ed affidabili” Da rimanere allibiti…L’operazione “cura da cavallo” ha fruttato allo Stato 8 miliardi in tre anni e alla scuola 137.000 lavoratori. Ma non è tutto. Le famiglie sono state obbligate a mettere mano al portafoglio per avere non qualcosa di meglio ma quello che avevano prima. Carla mi dice: “La carta per la fotocopiatrice o la stampante dobbiamo andarla a comprare noi!” “La direzione ci dice che fino a quando il ministero dell’Istruzione non ci farà avere quello che ci spetta, circa un miliardo e mezzo di euro, soldi non c’è per nessuno. Purtroppo non finisce qui. Il prossimo anno la scuola perderà ulteriori 35.000 posti di lavoro. E così la “cura da cavallo” tanto annunciata a suo tempo, avrà raggiunto l’obiettivo. In controtendenza invece, gli insegnanti di religione cattolica. A una diminuzione del 2% degli studenti che frequentano l’insegnamento della religione cattolica si contrappone un incremento di docenti per questa disciplina del 14%...sic,sic,sic. Quanta tristezza non ci resta che piangere, anche pensando a quello che è stato fatto negli Stati Uniti. Anche lì si è abbattuta la scure dei tagli ma il ministero dell’istruzione ha avuto un incremento dei fondi del più 21%. Per il presidente Obama ridurre le risorse alla è come, uso le sue parole : “Alleggerire un aeroplano troppo pesante eliminando proprio il suo motore”. Io me ne vado a letto Carla sperando di non avere gli incubi sotto forma di Gelmini.
fonte: percentuali e discorso insediamento Gelmini e parole Obama - il fatto quotidiano -

Commenti

  1. Spero che tu non abbia avuto incubi da Gemini, caro Renato. Ma già solo pensare a come hanno tagliato le spese per l'istruzione (tranne per quella religiosa, ovviamente), nonché sulla cultura in genere - v. teatri ecc... è già incubo anche da svegli.
    Belle promesse sanno fare, eh?
    Tutto, ma proprio tutto il contrario di quanto poi è avvenuto.
    Ciao e buon pomeriggio!
    Lara

    RispondiElimina
  2. Come definire un governo che non sa dare il giusto peso al proprio futuro, che non si cura delle esigenze della generazione che verrà? Parlare di formazione e di cultura in Italia è un po' un eufemismo. Governo e ministero hanno fatto il possibile per eliminarla.

    RispondiElimina
  3. Federico non doveva esserci,incece c'è.Lo standard educativo più affidabile?Chiunque non
    affetto da febbre di potere.Non sono i titoli
    accademici,i garanti dell' affidabilità.La qualità
    risiede nell'onestà,nella verità,i valori,non
    sono presenti al momento in nessun campo.Federico
    è importante è il futuro.

    RispondiElimina
  4. Ma c'è ancora qualcuno che crede alle parole della Gelmini???

    RispondiElimina
  5. Quanta amarezza...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines