Il contratto con gli italiani – 8 maggio 2001 -

A Porta a Porta, cinque giorni prima del voto, Silvio Berlusconi firma, in diretta, un contratto con gli italiani con tanto di notaio presente. Ecco gli obiettivi che in cinque anni Berlusconi promette di realizzare:
1) Abbattimento della pressione fiscale: con l’esenzione totale dei redditi fino a 22 milioni di lire annui; con la riduzione al 23% dell’aliquota per i redditi fino a 200 milioni; con la riduzione al 33% dell’aliquota per i redditi sopra i 200 milioni; con l’abolizione della tassa di successione e della tassa sulle donazioni;
2) Attuazione del “Piano per la difesa dei cittadini e la prevenzione dei crimini”: che prevede tra l’altro l’introduzione dell’istituto del poliziotto o carabiniere o vigile di quartiere nelle città, con un risultato di una forte riduzione del numero dei reati rispetto agli attuali 3 milioni;
3) Innalzamento delle pensioni minime ad almeno 1 milione di lire al mese;
4) Dimezzamento dell’attuale tasso di disoccupazione con la creazione di almeno 1 milione e mezzo di nuovi posto lavoro;
5) Apertura dei cantieri per almeno il 40% degli investimenti previsti dal “Piano decennale per le Grandi Opere” considerate di emergenza e comprendente strade, autostrade, metropolitane, ferrovie, reti idriche, e opere idro-geologiche per la difesa dalle alluvioni;
Nel caso in cui al termine di questi cinque anni di governo almeno 4 su questi 5 traguardi non fossero stati raggiunti, Silvio Berlusconi si impegna formalmente e solennemente a non ripresentare la propria candidatura alle successive elezioni politiche…ma va sic! sic! sic!
Tratto dal libro patria 1978-2010 di Enrico Deaglio

Commenti

  1. avessero un po' di memoria gli italiani...

    RispondiElimina
  2. Lasciamo stare i primi tre anni ormai che non ha potuto per colpa dei giudici comunisti.
    Gli restano ancora il punto 4 e il punto 5.
    Se allo scadere del quinto anno non ha completato niente di niente... beh, allora è il caso di rieleggerlo per dargli un'altra possibilità... d'altra parte l'ha detto lui ai carabinieri: "per l'età che ho sono ancora valido".
    Li mortacci sua!

    RispondiElimina
  3. berlusconi fece una buffonata allora, vorrei far vivere lui con 1 milione di lire ...e mille promesse non mantenute !!!!

    RispondiElimina
  4. Oi.l'intervista di oggi su SKY.E' matto.Il Vate.
    Cosi si è dipinto oggi.Il "salvatore.Lo Staric,
    parole sue.Ha sentito la chiamata novello Giovanna
    a salvare l'Italia.Non saprei cosa altro aggiungere.Siamo in stato d'assedio,a Tunisi ne
    sono coscienti,Noi no!

    RispondiElimina
  5. sai che me la ricordo quella puntata? si era portato i grafici... Comunque già allora era un buffone, eppure lui sta lì e noi smoccoliamo

    RispondiElimina
  6. il problema che ha i sudditi che lo bramano , sono drogati dal berlusconismofascista

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai