Passa ai contenuti principali

L'albero

Quest'albero e il suo brivido,
foresta cupa di richiami e grida,
mangia il cuore oscuro della notte.
Aceto e latte, il cielo, il mare,
la massa densa del firmamento,
tutto cospira a questo turbamento
che dimora nel cuore denso dell'ombra.
Un cuore che scoppia, un astro duro
che si sdoppia e nel cielo si espande,
il cielo limpido che si incrina
al richiamo sonoro del sole,
fanno lo stesso rumore, fanno lo stesso rumore
della notte e dell'albero al centro del vento.
Antonin Artaud (Marsiglia 4 settembre 1896 – Ivry 4 marzo 1948 )

Commenti

  1. Un grande Artaud. Hai scelto una lirica molto bella, caro Renato!
    Buona giornata,
    Lara

    RispondiElimina
  2. Buon weekend a te Lara, ciao alla prossima

    RispondiElimina
  3. Un albero è un albero non un altra cosa,come un
    passero che costruisce un nido Sono quello che noi
    vediamo.Non conosceremo niente di noi senza osservare la natura.
    Sono belle le tue ricerche.

    RispondiElimina
  4. Molto bella. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Mi è sempre piaciuto Artaud e questa è una delle sue più belle liriche.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines