Tolgono ai bimbi disabili e danno alle scuole private

Dopo averci raccontato per anni che loro – al contrario dei perfidi bolscevichi dell’Unione – non avrebbero messo le mani nelle tasche degli italiani, il ministro Giulio Tremonti e i compassionevoli difensori delle libertà economiche, hanno fatto di meglio. Hanno tagliato direttamente la tasca con il rasoio, per fregarci i soldi del 5 per mille dalla dichiarazione dei redditi. O meglio : si sono presi, in un colpo solo, il 75 per cento del gruzzoletto che ogni anno i contribuenti, con una croce, dedicano alle associazioni non governative e di utilità sociale. Ammontare della rapina legalizzata? 300 milioni di euro. Dai 400 milioni in bilancio lo scorso anno, ai miseri 100 di oggi. Il colpo viene messo a segno, non per rimettere in piedi dei conti virtuosi – come vorrebbe farci credere Tremonti con la scusa della crisi – ma piuttosto per raddoppiare (avete letto bene: da 130 a 245 milioni di euro) i soldi di cui il governo fa gentile omaggio alle scuole private. Oppure per concedere 25 milioni di euro alle università non statali. Gli ultimi 30 milioni del capitoletto di spesa che si intitola – non è uno scherzo – “Fondo esigenze indifferibili ed urgenti” – sono per la stampa di partito.C’è qualcosa di violento e odioso in questo. E poi perché Tremonti ci chiede di indicare chi aiutare con una parte delle tasse che gli paghiamo (negli anni in cui la pressione fiscale aumenta) e poi fa carta straccia delle nostre volontà, ma passando all’incasso? Tutto dciò ha il sapore della beffa. Domenica mi ha chiamato una madre, in lacrime. Sua figlia è afflitta da una malattia rarissima, la fibrodisplasia ossificante. Morbo terribile, che rende il corpo, giorno dopo giorno, di pietra. Fino a ieri aveva una speranza per la sua bambina: la ricerca finanziata dal 5 per mille. Oggi nemmeno quella. La signora Simona chiede: “Perché ci fanno questo?” Le rispondo la verità: perché, secondo loro, non portate voti né consenso.Fonte : iL Fatto Quotidiano 23/11/2010 a firma Luca Telese

Poche parole che descrivono una verità agghiacciante. Uno scippo e un atto truffaldino nei confronti dei cittadini, specie di quelli più deboli. Meno risorse per le associazioni di volontariato che forniscono assistenza a disabili, emarginati, poveri o anziani che vengono così private della possibilità di svolgere al meglio la propria opera. Denuncia alla procura della repubblica per (truffa e abbandono di persone incapaci) da parte del Codacons nei confronti del ministro Tremonti. A cosa servirà ???

Commenti

  1. Mi sembra palese che questo governo tolga tutto ai già poveri.
    Con questo provvedimento hanno aggiunto qualcosa di "osceno" alle già tante vergogne di cui sono stati capaci.
    Ma cosa possiamo fare, che conti realmente?

    RispondiElimina
  2. Giusta domanda Lara . "Ma cosa possiamo fare, che conti realmente ?" Mandarli tutti a casa con le buone o le cattive. Meglio sicuramente con quest'ultime. A CALCI NEL SEDERE TUTTI SENZA NESSUNA ESCLUSIONE. Ciao alla prossima

    RispondiElimina
  3. Siamo una banda che lotta contro chi abusa del posto parcheggio riservato ai disabili

    http://bandaparcheggiotto.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. Ne sà qualcosa Nadia (mia moglie) lavora nella scuola .....

    RispondiElimina
  5. hai ragione: "...c'è qualcosa di violento e odioso..."

    RispondiElimina
  6. Che dire ancora? Io lavoro nella scuola: sapete bene che, almeno nella scuola pubblica, accogliamo tutti i ragazzi. Ma mentre, sino a se, sette anni fa, i ragazzi con disabilità grave (sindrome di down, autismo, etc.) avevano un ins. di sostegno per 13 o 18 ore, adesso hanno un sostegno di massimo 10 ore su 30...
    E' impossibile per un docente garantire il diritto allo studio e all'assistenza individualizzata per 24 ragazzi insieme, uno dei quali con qualche difficoltà maggiore degli altri. Il nostro ministro dovrebbe solo stare in classe, con le situazioni descritte, per un mese. Solo questo. Vediamo se poi continua a tagliare...

    RispondiElimina
  7. Semplicemente VERGOGNOSO...

    RispondiElimina
  8. Anonimo09:33

    La colpa non è solo di tremonti, noto incapace, che gestisce le finanze come meglio crede, o gli viene imposto, è anche nostra che non siamo più capaci di sdegnarci !!!!! Ci mettono le mani nelle tasche, ci tolgono diritti, ci imbrogliano, e noi zitti oppure a commentare le notizie cretine e questa che è una notizia che ci dovrebbe far saltare dalla sedia di commento ne ha uno solo... Quindi la gente come tremonti trova terreno fertile. Mi domando quante altre schifezze dovremo ingoiare prima di avere un barlume di ribellione.

    RispondiElimina
  9. Barlume di ribellione ? Ma se c'è gente che invidia il caimano. Vorrebbe essere al suo posto esclusivamente per essere partecipi al giro delle minorenni e delle escort che bazzicano il porcaio di Arcore e non solo. C'è gente che lo giustifica e lo rivoterebbe ancora perchè sono solo identici a lui, e soffrono per non poter almeno imitarlo. QUEL GRUPPO DI CIARPAME CHE LO SEGUE E LO DIFENDE LO SOSTENGONO CHI LI VOTA A COMINCIARE DA QUEI FESSI DELLA LEGA CHE CE L'HANNO SEMPRE DURO MA, DURO HANNO SOLO ED ESCLUSIVAMENTE IL CERVELLO.

    RispondiElimina

Posta un commento