Io e Gianfrà ci vogliamo un bene dell’anima…de li mortacci tua !!!

Rudholp Francis ministro della giustizia di Santa Lucia nella conferenza stampa conferma la veridicità del documento che attesta l’acquisto dell’ormai famoso appartamento di Montecarlo da parte di GiancarloTulliani…
Reazioni a catena :
Capezzone: “I finiani si assumano le loro responsabilità e se hanno un minimo senso di dignità si scusino con tutti gli italiani” senti, senti da chi viene la lezione di dignità.
Fini, poche ore prima della conferenza stampa del ministro della giustizia di Santa Lucia : “Dirò la mia verità in un video che andrà in linea domani (oggi) in tarda mattinata sui siti di Generazione Italia e del Secolo. Non solo un chiarimento ma, il Presidente della Camera fa capire, che vuole rispondere al linciaggio, per usare le parole dei suoi fedelissimi, a cui è sottoposto da mesi” Bocchino : “Il quadro non cambia, la certezza che Tulliani non è il proprietario di quella società Fini l’aveva ieri e ce l’ha oggi. E' falso che siano riconducibili a Tulliani". "Se Santa Lucia ha le prove - aggiunge - perché non le ha messe nero su bianco? Ha scelto una formula ambigua. Un ministro della Giustizia deve certificare e provare e non dire mi risulta... Poi Santa Lucia è un paese più piccolo di un quartiere di Napoli o Roma, che vive perché è paradiso fiscale dove si generano società off-shore, e si sa come vanno le cose...".
Lavitola direttore dell’Avanti : “Il ministro di Santa Lucia l’ha confermato ? Allora non è una patacca.
Intanto, Vittorio Feltri ha lasciato l’incarico di direttore responsabile del Giornale, per assumere la carica di direttore del’editoriale . Al suo posto Alessandro Sallusti.
L’Italia, ahimè, è un paese corrotto, uno si guarda intorno, e se un po’ si mette a pensare, si accorge che siamo diventati malleabili come la plastilina, prendiamo la forma che ci danno e rimaniamo li, fino a quando arriva un altro e decide una nuova forma. Siamo cambiati, non risultiamo soggetti ma solo oggetti, e un oggetto non pensa. La televisione, dove il niente fa ascolto, ci insegna il pettegolezzo instillandoci giorno dopo giorno gocce di ignoranza. Avidità, cinismo sono diventati i maggiori sentimenti di poveracci responsabili della mediocrità in cui stiamo affogando. Eppure, voltandomi indietro, rivivo e rivedo momenti più veri, più reali dove gli amici erano amici, la famiglia era una famiglia e, forse, c’era veramente chi la politica la prendeva sul serio. Non ci resta che assistere da spettatori a questa ennesima farsa mentre lo showman, barbaramente seduto sul trono si gusta questo momento e, la corte pacchiana, si inchina al Coso onnipotente.

Commenti