Mozione Programmatica

Questa proprio non dovevi farcela Silvio. Non immagini lo sconcerto? La disperazione? Come possiamo assorbire questo colpo ferale e inaspettato? Dicci che è tutta una menzogna dei comunisti, urlacelo ti scongiuro. Non possiamo credere che stai preparando una “Mozione Programmatica”. Ma ti rendi conto di cosa significa per noi che abbiamo creduto in te? Tu, il vate del “governo del fare”, il devastatore dei riti della vecchia politica, il condottiero del predellino che fonda partiti con la stessa velocità con cui macina escort, adesso sei ridotto a scrivere “Mozioni programmatiche”, come un celo moscio doroteo del tardo centrosinistra? Per vivacchiare qualche settimana incollato alla poltrona.

Ti sei scordato i tempi gloriosi quando ci provocavi quegli tsunami ormonali parlando del milione di posti di lavoro, delle tre I, delle grandi riforme, delle grandi opere, quando inveivi contro l’articolo 18, contro le toghe rosse, contro il teatrino della politica. Eri un fulgore. E noi ti seguivamo, vedevamo il ponte di Messina già pronto, le gambe della Brambilla lunghe e slanciate, la tua chioma fluente ondeggiare armoniosa tra i corazzieri che ti salutavano da Presidente.

Le Mozioni Programmatiche non ce la meritiamo davvero. Cinque punti? Rilancio dell’azione di governo? Ma come parli? Per un attimo abbiamo creduto che ti avesse posseduto lo spirito senza pace di Rumor, il fantasma inquieto di Gava, che fosse l’ultimo scherzo macabro di Cossiga. Per fortuna abbiamo visto il tuo sguardo cupido arpionare un procace gluteo femminile e ci siamo rassicurati, sia pure solo per un effimero istante. Perché se sei proprio tu quello che dalla tua nuova villa parla di compromessi, di ricucire, di tirare a campare, noi siamo atterriti. Tu, proprio tu, rassegnato ad esibirti in un teatrino della politica in cui sei la marionetta di Bossi? In cui, come Pulcinella, prendi le bastonate da Fini? Dove un Casini ti schernisce impunemente?

Se non fosse stato Bersani a darci un minimo senso di sollievo con l’esortazione a suonare le campane (non ha specificato che intendeva suonarle a morto per il PD, ma abbiamo capito lo stesso) saremmo in un buco nero di depressione. Non può finire così. Cosa racconteremo nelle notti d’inverno intorno al caminetto ai nipotini che ci chiederanno della tua Epopea? Che l’unica grande innovazione da te introdotta nella politica italiana è stato un governo balneare in autunno?

Fabio Scacciavillani

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/08/27/silvio-cosa-diremo-ai-nipotini/53879/

Ecco perché il popolo italiano è prevalentemente composto da autentiche pecore, incapaci di concepire un proprio destino, senza la guida di un pastore ( pastore è la versione vaticana poi c’è quella mafiosa padrino). Sono sempre più convinto che i partigiani dell’antifascismo si stiano rigirando nelle tombe di fronte allo spettacolo offerto da questi ipocriti leccaculi che noi, ahimè abbiamo messo al governo del nostro povero paese.

Commenti

  1. Di gente che si rigira nella tomba è tanta... Sicuro.

    L'immagine di inizio post è fondamentalmente mitica.

    RispondiElimina
  2. Magari questa gente che si rigira nella tomba si svegliasse e ne uscisse fuori per darle di santa ragione... Magari

    RispondiElimina
  3. "Sono sempre più convinto che i partigiani dell’antifascismo si stiano rigirando nelle tombe di fronte allo spettacolo offerto da questi ipocriti leccaculi che noi, ahimè abbiamo messo al governo del nostro povero paese."
    (errebi)

    Ho copiato e incollato il tuo commento post che condivido e sottoscrivo !!!! Grande

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai