Passa ai contenuti principali

E vevo che c'è cvisi...ma ci sono anche indici in cvescita vevtiginosa : la disoccupazione

L'operazione è perfettamente riuscita, ma il malato è morto. I conti hanno tenuto, le famiglie no. Si, perchè in tutto il discutere di tagli, agli enti locali, alla scuola, alla sanità e chi più ne ha più ne metta, nessuno pensa alle vittime sacrificali della grande crisi e della manovra per uscirne: le famiglie.Meno redditi, meno risparmi, meno consumi. Chi sostiene da mesi che siamo fuori dalla buriana è servito.
Indice Istat...
potere d'acquisto degli stipendi 2008-2009 -2,5% ;
consumi - 1,9% ;
risparmi - 11,1%.
Risultati immediati :
46,3% degli italiani non farà un giorno di vacanza ;
1,3% inflazione ufficiale a giugno ;
6,3% aumento della benzina ;
11,2% aumento dei servizi postali ;
9,6% aumento dei treni ;
5,3% aumento della scuola primaria ;
5,5% aumento delle autostrade
Certo l'Italia non è, per ora, sulla drammatica china della Grecia, ma fa pensare quel 30% di giovani disoccupati e i 275 miliardi dell'economia sommersa (un quinto della ricchezza nazionale) nascosti al fisco.
Il 10,8% delle famiglie vive al di sotto della soglia di povertà relativa, cioè meno di 983 euro al mese. Siamo al 6^ posto nella classifica delle disuguaglianze dei paesi Ocse dietro Messico, Turchia, Portogallo, Stati Uniti e Polonia, ma ben davanti alle maggiori nazioni europee e alla Grecia, alla Spagna, all'Ungheria. La manovra non comprende alcun programma riguardante il lavoro. Nel frattempo la disoccupazione ha raggiunto l'8,7% e vi sono aperti 170 tavoli di crisi aziendali. I posti a rischio entro la fine del 2010 sono 250mila. Non esiste una politica di sostegno dei redditi, ed è assolutamente vietato ricordare che Berlusconi & CO avevano promesso la progressiva riduzione del carico fiscale. Mi chiedo e mi domando quando ci governa ci darà delle risposte al perchè di simile situazione ? E perchè mai si sta affamando il ceto medio che aveva fatto le fortune dell'Italia ? Perchè ora vogliono che paghi per tutti i mali del paese ?

Commenti

  1. Sì, ce lo chiediamo anche noi perchè tutto il peso debba essere sostenuto dal ceto medio che fondamentalmente è quello che vive sulla sua pelle e in modo drammatico tutta una serie di rincari. La pressione fiscale ci sta affossando, ma è sempre nelle nostre tasche che vengono a mettere le loro sporche mani e la cosa preoccupante è proprio il fatto che tantissime persone che conosco hanno un lavoro a tempo determinato e tra pochi mesi si ritroveranno disoccupate. C'è gente che in pensione non ci andrà nemmeno a 100 anni se si va avanti così!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines