Passa ai contenuti principali

Berlusconi vuole sapere se anche lui è indagato…si ininterrottamente dal 1992.

E siamo al quarto sottosegretario del Pdl finito in una inchiesta in pochi mesi. Ora è la volta di Giacomo Caliendo.
Bondi : “La situazione è molto brutta ed è persino peggio di Tangentopoli. Allora arrivavano almeno gli avvisi di garanzia e uno si poteva difendere, adesso con le intercettazioni finisci in un frullatore e ti travolgono”
Berlusconi : “Stavolta con Caliendo non commetteremo gli stessi errori che abbiamo commesso con Brancher e Casentino, accettando le loro dimissioni. Con Caliendo sarà difesa intransigente ed a oltranza così pure con Verdini.
Bondi : “ Nessuno dei due si dimetterà.Non possiamo consentire che la magistratura entri a piedi uniti nella politica in questo modo”.
Berlusconi : “Dopo la manovra vedrete…fuochi d’artificio”.
Il primo passo di ogni indagato Pdl è quello di recarsi dal capo cosca a chiedere fiducia e solidarietà. Di dimissioni neanche a parlarne. Speriamo…ma non ci credo tanto, che a dimetterli siano gli italiani quando andranno alle urne.

Commenti

  1. P3, Dell'Utri non risponde ai pm: "Ho imparato" Caliendo indagato, ma Berlusconi: "Ho fiducia"

    " ho imparato " ha ha ha Con un maestro così !!!!

    RispondiElimina
  2. PS.
    oggi cichitto si è espresso così !!
    Stragi di mafia, Cicchitto: Noi vogliamo chiarezza, altri devono temere


    Cicchitto, capogruppo PDL alla camera dei deputati, chiude le porte alla proposta di Rosy Bindi di voler attivare una commissione d’inchiesta parlamentare sull’affair P3 e si è pronunciato anche sulla questione stragi del 1992 asserendo che la PDL vuole solo chiarezza e che casomai sono altri coloro che devono temere la verità

    RispondiElimina
  3. Dobbiamo essere noi a cacciarli via... Speriamo bene!

    RispondiElimina
  4. s'è beccato 2 anni anche brancher, il ministro del nulla

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines