Berlusconi vuole sapere se anche lui è indagato…si ininterrottamente dal 1992.

E siamo al quarto sottosegretario del Pdl finito in una inchiesta in pochi mesi. Ora è la volta di Giacomo Caliendo.
Bondi : “La situazione è molto brutta ed è persino peggio di Tangentopoli. Allora arrivavano almeno gli avvisi di garanzia e uno si poteva difendere, adesso con le intercettazioni finisci in un frullatore e ti travolgono”
Berlusconi : “Stavolta con Caliendo non commetteremo gli stessi errori che abbiamo commesso con Brancher e Casentino, accettando le loro dimissioni. Con Caliendo sarà difesa intransigente ed a oltranza così pure con Verdini.
Bondi : “ Nessuno dei due si dimetterà.Non possiamo consentire che la magistratura entri a piedi uniti nella politica in questo modo”.
Berlusconi : “Dopo la manovra vedrete…fuochi d’artificio”.
Il primo passo di ogni indagato Pdl è quello di recarsi dal capo cosca a chiedere fiducia e solidarietà. Di dimissioni neanche a parlarne. Speriamo…ma non ci credo tanto, che a dimetterli siano gli italiani quando andranno alle urne.

Commenti

  1. P3, Dell'Utri non risponde ai pm: "Ho imparato" Caliendo indagato, ma Berlusconi: "Ho fiducia"

    " ho imparato " ha ha ha Con un maestro così !!!!

    RispondiElimina
  2. PS.
    oggi cichitto si è espresso così !!
    Stragi di mafia, Cicchitto: Noi vogliamo chiarezza, altri devono temere


    Cicchitto, capogruppo PDL alla camera dei deputati, chiude le porte alla proposta di Rosy Bindi di voler attivare una commissione d’inchiesta parlamentare sull’affair P3 e si è pronunciato anche sulla questione stragi del 1992 asserendo che la PDL vuole solo chiarezza e che casomai sono altri coloro che devono temere la verità

    RispondiElimina
  3. Dobbiamo essere noi a cacciarli via... Speriamo bene!

    RispondiElimina
  4. s'è beccato 2 anni anche brancher, il ministro del nulla

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai