Bon appètit

E benvenuti, ragazzi, a dispetto delle sicure e immancabili riserve da parte di più di qualcuno relative al posto da voi prescelto, in ossequio a un malinteso senso del decoro tendente a considerare Venezia talvolta alla stregua di una caserma, anziché di una città accogliente e vivibile, che sappia fra l’altro intelligentemente distinguere tra ciò che deve essere assolutamente represso, in quanto inequivocabilmente nocivo per essa, e ciò che, pur urtando la suscettibilità di taluni veneziani particolarmente severi e schifiltosi, può nondimeno venire tranquillamente accettato e guardato con occhi bonari.

Commenti