Passa ai contenuti principali

Quante volte ci riconosciamo in questo modo di vedere la vita ?

Ma che film la vita
Grazie a mia madre per avermi messo al mondo
A mio padre semplice e profondo
grazie agli amici per la loro comprensione
ai giorni felici della mia generazione
grazie alle ragazze a tutte le ragazze
Grazie alla neve bianca e abbondante
a quella nebbia densa ed avvolgente
grazie al tuono,pioggia e temporali
al sole caldo che guarisce tutti i mali
grazie alle stagioni a tutte le stagioni

Ma che film la vita tutta una tirata
storia infinita a ritmo serrato
da stare senza fiato
Ma che film la vita tutta una sorpresa
attore,spettatore tra gioia e dolore
tra il buio ed il colore.

Grazie alle mani che mi hanno aiutato
a queste gambe che mi hanno portato
grazie alla voce che canta i miei pensieri
al cuore capace di nuovi desideri
grazie alle emozioni, a tutte le emozioni.

Ma che film la vita tutta una tirata
storia infinita a ritmo serrato
da stare senza fiato
Ma che film la vita tutta una sorpresa
attore,spettatore tra gioia e dolore
tra il buio ed il colore.
Nomadi

Commenti

  1. Questa canzone mi ha sempre emozionata moltissimo...

    RispondiElimina
  2. Penso personalmente che sia una delle migliori del gruppo. E poi è un piacere sentirla cantare dalla voce di Augusto

    RispondiElimina
  3. Il "grazie alla vita" è un atto dovuto. Troppo spesso ci si dimentica di contraccambiare con altrettanta generosità.

    RispondiElimina
  4. SEMPRE E SOLO NOMADI....:)
    Ciao Vania

    Pensa mia figlia ha 4 anni e già è stata a 3 concerti...:)

    RispondiElimina
  5. Vania e Paolo...mio figlio ne ha invece ormai venticinque e non sono mai riuscito a portarlo. Stò provandoci adesso vederemo se ce la farò. Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines