Non c'è nessuno veramente a posto

Per lavoro il pranzo di mezzogiorno lo consumo sempre fuori casa. Snack bar, trattoria, ristorante, pizzeria ed essendo solo il più delle volte leggo il giornale altre,mi capita di scambiare quattro chiacchiere con altre persone. Ultimamente in una trattoria molto affollata non avendo tempo di aspettare che si liberasse un tavolo ho pranzato in compagnia di un camionista. Dopo un pò che ero seduto ha incominciato a parlarmi e mi è rimasta impressa nella memoria una sua frase :
" Sono stanco di vivere.Al mondo non c'è nessuno veramente a posto...non credo ne valga la pena. Ci ho riflettuto un pò sopra e...che non valga la pena di vivere beh...su questo non sono proprio d'accordo...ma sul fatto che su questo benedetto mondo non ci sia nessuno veramente a posto...beh...su questo sono pienamente d'accordo. Se sapesse, pensavo tra me e me, potevo parlargli tutto il pomeriggio se ne avesse avuto voglia , dei "veramente a posto" che hanno fatto parte della drammaticità degli ultimi due miei anni di vita. Poi però ho pensato agli amici, quelli veri, e allora mi sono detto...io fortunatamente non sono così depresso anche se avrei tutte le ragioni per esserlo, e che le persone con tutti i lori difetti sono da accettare per quelle che sono perchè...è proprio vero nessuno è perfetto tanto meno io.

…E andando nel sole che abbaglia
sentire con triste meraviglia
com’è tutta la vita e il suo travaglio
in questo seguitare una muraglia
che ha in cima cozzi aguzzi di bottiglia
" Eugenio Montale “

Commenti

  1. Anonimo17:24

    Uhm...dipende...ripeto dipende

    RispondiElimina
  2. ciao, alice e martino ti hanno assegnato un premio se lo gradisci e lo reputi opportuno passa da noi a ritirarlo. baci

    RispondiElimina
  3. hai citato una delle poesie preferite del grande Eugenio...
    già...
    a volte penso che non sono veramente a posto ...ma mi consolo... che la mia "sciroccattaggine" per ora mi ha tenuto su anche nei periodi più neri...
    ciao val

    RispondiElimina
  4. E' la nuda realtà. Da sempre. Credo comunque che vada sempre vissuta la vita, con tutte le sue contraddizioni, ma, con assoluta onestà e rispetto verso gli altri. Questo è il limite invalicabile che non si dovrebbe valicare, ma che troppo spesso è valicato.

    P.S.
    Troppi commenti? Dimmelo senza remore.

    RispondiElimina
  5. I commenti non sono mai troppi caro Roby.Continua senza problemi. Ciao alla prossima.

    RispondiElimina
  6. La voglia di vivere ce l'ho ancora. Eccome! Però mi fa paura, a volte, questo non comprendere ciò che mi accade intorno. Vedo cose orribili che si compiono con una naturalezza che mi spaventa: gente che ammazza vecchietti per portar loro via la pensione, persone che creano su facebook un gruppo che propone di eliminare i Down...
    Sicuramente ciascuno di noi ha le proprie stranezze, forse nessuno di noi è "veramente a posto", ma io a volte mi sento proprio FUORI posto.

    P.S. Bellissima la poesia di Montale! E' una delle poche che ami e... comprenda.

    RispondiElimina

Posta un commento